Magnum 27’, la vera storia del primo Magnum di sempre

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Magnum 27
Il Maltese Magnum di Don Aronow, il primo Magnum 27

Sul finire degli anni ‘50 andava prendendo forma un movimento destinato a dar frutti leggendari. Performance incredibili, nuove carene a V profonda e deadrise mai esplorati prima. Sotto i nomi di Ray Hunt, Jim Wynne e Don Aronow prendevano forma, insomma, scafi e progetti mai più dimenticati. Tra questi, un’icona dallo status eccezionale, il mitico Magnum 27’, il primo Magnum.

Magnum 27

Nel 1958 Ray Hunt sviluppava la prima carena a V profonda con la novità di un deadrise importante, 24°, soluzione fondamentale per evitare le botte e gli schianti classici al passaggio sull’onda degli allora scafi convenzionali. L’aggiunta di pattini longitudinali fu a sua volta altrettanto importante, fornendo ancora più lif alle sue creature, scafi presto capaci di ispirare un intero movimento (proprio da questa intuizione nascerà Bertram). Di lì a poco, infatti, Jim Wynne, ingegnere navale, colse la bontà delle intuizioni di Hunt, realizzando una carena similare, di altrettando successo. Arrivato il 1962, entrò nel “giochino” anche Don Aronow, che commissionò proprio a Wynne il progetto di un nuovo scafo ad alte prestazioni per suo uso personale. Nasce così la fondamenta del cantiere, che diventerà Magnum Marine solo nel 1966.

  • Hai una barca storica e significativa con più di 25 anni? Leggi quest’articolo!
  • Ti interessa l’argomento Classic Boats? Visita la nostra raccolta di articoli dedicati cliccando qui.
Magnum 27
Il Magnum 27 Snoopy

Magnum: gli albori

Nata la piccola creatura, un 27 piedi formidabile, nel giro di niente Don Aronow vincerà il Campionato del Mondo Offshore, gettando non poca luce sul formidabile progetto, il “Maltese Magnum”. È il punto di svolta. La vittoria regala ad Aronow abbastanza successo da creare una piccola fabbrica nel nord di Miami, una strada a sua volta destinata a leggenda, madre di cantieri (sempre di Aronow) come Donzi, Magnum, e successivamente Cigarette: è la Thunderboat Row. Arriva il 1966 e, proprio con la produzione del Magnum 27, nasce Magnum Marine.

Magum 27

Segue subito un 35 piedi, fratello maggiore del 27 in tutto e per tutto. Anche con questo, Don Aronow, vincerà il Campionato del Mondo offshore. Magnum Marine è, di fatto, ora un nome importante. Manca infatti, poco che, nel 1968, il tycoon Clayton Rautboard si avvicina al marchio, rilevandolo. Sono gli anni di Apeco, l’impero delle fotocopiatrici di Rautboard. Qui parte davvero tutto, con il tycoon che mantiene sì i due scafi in listino, ma li customizza, rendendoli delle sedan, dei racer o delle varianti lifestyle. Magnum Marine diventa un piccolo gigante.

Magnum 35

Magnum Marine: la svolta

Con il 1969 il Magnum 35 è un must, la hit del New York Boat Show. Qui cambia tutto. A New York il Marchese Filippo Theodoli scopre la barca e se ne innamora, la vuole in mediterraneo. Ma non la vuole solo veloce, la vuole anche confortevole, lussuosa. Non compra solo il 35 però, ma diventa di colpo il dealer ufficiale per l’europa. Ancora troppo poco. Le disponibilità non mancano e il successo si vede.

Magnum 53’
il Magnum 53’, nato sotto la guida di Theodoli

Arriva il 1976 e Theodoli fa il colpo grosso, compra Magnum direttamente, spostando il focus della produzione dallo spirito racer puro, al luxury e alla dolce vita. Il cantiere si reinventa e diventa un must della Sardegna, di Portofino e della Costa Azzurra. Nasce Magnum per come lo conosciamo oggi, e con lui due icone, il Magnum 53 e il Magnum 63. Tutto, per merito di un piccolo 27 piedi semplicemente grandioso, il Magnum 27, brillante intuizione.

Magnum 63
Magnum 63 – Vincitore della Miami-Nassau del 1986

  • Potrebbe interessarti anche:

Classic Boat: 5 super-sportive per volare nel passato (9-16 m) 

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche