Ritorna l’IVA al 10% per i Marina Resort, ma occhio ai requisiti

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Punta Gabbiani

È finita la lunga battaglia per l’applicazione dell’IVA al 10% invece del 22% per chi ormeggia in un porto turistico che ha la classificazione “Marina Resort”. A partire da gennaio 2021 ritorna, dopo la sospensione dell’agevolazione del 2020, applicabile l’agevolazione sull’IVA al 10% per contratti annuali o pluriennali di stazionamento di un’imbarcazione nei Marina Resort.

IVA al 10% come hotel, aree di sosta dei camper

La classificazione “Marina Resort” permette di equiparare un porto turistico con determinati requisiti alle altre strutture ricettive turistiche, come hotel, bed&breakfast, residence, aree di sosta dei camper che già beneficiano dell’IVA al 10%.

Una norma sacrosanta per un porto ben attrezzato che ha avuto dalla sua prima applicazione a livello nazionale nel 2016, ma è stata in varie fasi impugnata e resa inattiva da continui ricorsi e sentenze.

Adesso nella legge di Bilancio 2021 sembra che sia stata messa una pietra tombale sulla questione.

Attenzione ai requisiti: potreste andarci di mezzo

L’importante è che non ci siano marina ad approfittare della situazione illegalmente. Infatti ci sono stati casi di strutture senza i requisiti necessari ad ottenere la classificazione di “Marina Resort” che hanno sfruttato la situazione per evadere l’IVA. Come il caso di una società di ormeggi sull’Isola d’Elba che ha evaso IVA per 300.000 euro, dichiarandosi impropriamente “Marina Resort” senza averne i requisiti. Com recita il verbale della Guardia di Finanza di Portoferraio: “…la gestione dell’approdo turistico era effettuato in assenza dei servizi di pulizia dello specchio acqueo e delle installazioni igienico sanitarie di uso comune nonché dei servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi”.

Un consiglio: accertatevi sempre che il porto turistico abbia la certificazione di “Marina Resort” prima di accettare lo sconto sull’IVA! Ci potreste andare di mezzo anche voi.


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti di Barche a Motore, insieme con Giornale della VELA Top Yacht Design si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 29,90 euro!

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Ritorna l’IVA al 10% per i Marina Resort, ma occhio ai requisiti”

  1. nel mio marina lo stanno portando a marina resort , o chiesto per l’agevolazione iva ma mi anno risposto che da parte mia non o nessun beneficio perche’ la tabella prezzi e già compressiva di iva pertanto non o nessuna riduzione in più dovrò presentare i documenti dei componenti e pagare la tassa soggiorno .
    grazie per la risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L'impianto di produzione di Chiavari - Sanguineti

Sanguineti cresce ancora e punta triplicare i ricavi nel 2026

Da una parte c’è una dimensione artigianale rappresentata da Sanguineti, un’azienda ligure di Chiavari con 65 anni di esperienza nella costruzione di equipaggiamenti ricercati e di alta qualità per superyacht. Specializzata nella produzione di passerelle, scale multifunzione, gru per tender,

Beneteau Swift Trawler 41

Come diventare skipper (in regola) e lavorare sulle barche

Lo aspettavamo da tempo e finalmente è arrivato. Ecco il decreto che spiega come si svolgerà l’esame per diventare “Ufficiale del diporto di II classe“. Questa nuova figura, pensata per l’Italia e le barche battenti bandiera italiana (anche adibite a