Questo è il fuoribordo elettrico secondo Mercury. Si chiama Avator

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Avator Mercury
Mercury Avator

Come vi avevamo anticipato in questo articolo, entro il 2023 l’americana Mercury Marine è pronta a lanciare cinque nuovi modelli di fuoribordo elettrici sul mercato. Al Salone Nautico di Miami, 16-20 febbraio, intanto è stato esposto il primo prototipo di fuoribordo elettrico Mercury: si chiama Mercury Avator.

Mercury Avator

Mercury Marine vuole diventare leader anche sul mercato dei fuoribordo elettrici. La componente sostenibile è innegabile, ma in questo momento, rimanendo più pragmatici, per un colosso come il marchio di Brunswick essere tagliati fuori da un mercato in crescita non sarebbe sicuramente una buona strategia. Fermo restando il ruolo di superpotenza dei fuoribordo termici, ora la sfida è proporsi anche come prima scelta di un pubblico nuovo, quello dell’elettrico, che attualmente è in rapida espansione.

Mercury Avator Battery
Mercury Avator Battery

Dalla sua parte Mercury Marine, rispetto alle molte realtà nate nel mondo per la produzione di motori elettrici, ha un know-how tecnologico e una forza industriale di primo piano. Pensiamo ad esempio a quanta tecnologia e conoscenza è stata sviluppata e raccolta dal marchio in termini di idrodinamica, resistenza alla corrosione, progettazione industriale in 80 anni di storia. 

Mercury Avator - Lo schermo frontale
Mercury Avator – Vista frontale

Mercury Avator: il fuoribordo elettrico Mercury

La strada, o meglio la rotta, che Mercury Marine intende seguire nel suo processo di elettrificazione è ben chiara. Lo dimostrano anche le parole di Chris Drees, presidente di Mercury Marine, che ribadisce quanto detto in passato:

“Per noi l’elettrificazione riveste un’importanza strategica. Questo Concept fornisce un’anteprima di come intendiamo rispettare il nostro impegno a diventare leader di settore sia nei prodotti a combustione interna che nella propulsione elettrica.”

 

Mercury Avator
Mercury Avator

Si parla anche della creazione di “nuovi modi per godersi l’esperienza in barca”. Cosa significa? Che sta nascendo, o meglio, si sta ampliando un pubblico con una maggiore sensibilità e attenzione alla mobilità elettrica. Questo non significa solo abbracciare una scelta di tipo “sostenibile”, ma anche apprezzare tutti quei vantaggi oggettivi che un motore elettrico può avere. Parliamo di manutenzione ridotta, silenziosità, facilità di trasporto e gestione, senza dimenticare la possibilità di navigare in aree interdette ai motori termici. Mercury, inoltre, con l’elettrificazione della nautica punta su caratteristiche come batterie intercambiabili e portabilità.

“Riteniamo caratteristiche come batterie facilmente sostituibili – dice Tim Reid, Vice Presidente Sviluppo Prodotto e Progettazione di Mercury Marine – e un funzionamento silenzioso abbiano un grande appeal tra i diportisti attuali e potenziali.”

Per saperne di più su Mercury Avator, clicca qui

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Questo è il fuoribordo elettrico secondo Mercury. Si chiama Avator”

  1. Il motore marino elettrico non è il futuro, bensì il presente,per vari aspetti,sia pratici che in termini di transizione ecologica.
    Ci sono aziende che stanno investendo in questo settore con ottimi risultati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Sunseeker Manhattan 55

Sunseeker diventa americana. Accordo col gruppo Lionheart

Il cantiere britannico Sunseeker, celebre per gli yacht di James Bond, ma non solo, si prepara a cambiare proprietario. Sembra che il conglomerato cinese Wanda sia vicino ad un accordo con Lionheart, azienda con sede a Miami. Non sono molti