Missione Mediterraneo Pulito: 2800 miglia su un gommone (6 m) con il DF140B Suzuki

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Master 630 Summer con il fuoribordo Suzuki DF140B

Suzuki Italia Marine si affianca nuovamente al Club del Gommone di Milano, partendo da Genova, sabato 22 aprile per un nuovo raid e un nuovo obiettivo. È la Missione Mediterraneo Pulito, il Raid a staffetta che vedrà nove equipaggi percorrere oltre 2800 miglia in mare, con rotta su Venezia. Come funziona? Il gommone partirà pulendo e monitorando le acque del Mediterraneo, grazie anche al motore fuoribordo protagonista dell’impresa, il Suzuki DF140B, dotato di sistema Suzuki Micro Plastic Collector.

Suzuki e la Missione Mediterraneo Pulito

Sabato 22 aprile il Club del Gommone di Milano mollerà gli ormeggi da Genova per intraprendere la nuova avventura, mirata a sensibilizzare sulla tematica mari inquinati. Nove equipaggi si alterneranno a bordo del gommone Master 630 motorizzato con il DF140B Suzuki dotato del sistema che, attraverso il circuito di raffreddamento del motore, filtra le microplastiche assorbite durante la navigazione, rigettando così acqua pulita in mare.

Inoltre, gli equipaggi coinvolti nel raid avranno modo di campionare e prelevare acqua in ognuna delle tappe previste dal percorso, monitorando il livello di inquinamento da microplastiche lungo miglia che separano la partenza da Genova e l’arrivo a Venezia.

Il Set up per il Raid: Master 630; Suzuki fuoribordo DF140B; elettronica Simrad

  • Scopri come funziona il sistema Suzuki Micro Plastic Collector:

I fuoribordo Suzuki ripuliranno il mare, semplicemente navigando!

L’articolo continua sotto.


Missione Mediterraneo Pulito

Paolo Ilariuzzi, direttore della Divisione Moto e Marine di Suzuki Italia, dichiara:

“Contiamo di estendere presto il sistema #lavalacqua a oggi presente di serie sui Suzuki DF140BG, DF115BG, DF140B, DF115B e DF100C, che adottano la stessa unità termica da 2.045 cc, ad altri modelli della nostra gamma. È l’ennesimo passo che l’azienda fa nella direzione di offrire fuoribordo attenti all’ambiente ai propri Clienti”

Insomma, l’edizione 2023 del raid del Club del Gommone di Milano sottolinea un tema ben preciso: il mare necessita attenzione, soprattutto da parte di chi lo vive e di chi ci passa molto temp. Le tappe previste toccheranno alcune delle isole più̀ grandi del Mediterraneo (Corsica, Sardegna, Sicilia, Malta), partendo da Genova e arrivando a Venezia, passando per le Tremiti e le isole della Croazia. Il tutto a bordo di un Master 630, appunto motorizzato Suzuki ed equipaggiato con elettronica Simrad Yachting. Spinto ai massimi regimi, ogni gommone utilizzerà quindi circa 40 litri d’acqua al minuto per raffreddare il fuoribordo, filtrando così circa 2.400 litri orari, ovvero 2,4 m3 di mare. Pertanto, più il Master 630 navigherà, più il Suzuki DF140B potrà filtrare acqua, eliminando le microplastiche che vi si trovano disciolte.

Infine, presentando il raid 2023, Virginio Gandini, presidente del Club del Gommone di Milano, ha dichiarato.

“Tutti vorremmo un Mediterraneo più in salute, senza inquinamento. Noi gommonauti, che molto spesso il mare lo viviamo per giornate intere, sapendolo in sofferenza non potevamo restare inattivi. Per questo è nata la Missione Mediterraneo Pulito con lo scopo di sensibilizzare tutti gli appassionati di navigazione ai problemi dell’inquinamento sopra e sotto il mare. Nostri partner tecnici in questa nuova missione – ha aggiunto Gandini – saranno ancora una volta Suzuki che metterà a disposizione il Suzuki DF140B dotato del sistema #lavalacqua, uno dei brand che hanno fatto la storia della navigazione in gommone e da sempre nostro sostenitore, che fornirà un Master 630. L’elettronica di bordo sarà anche quest’anno di Simrad Yachting. Nello specifico gli equipaggi potranno contare sull’intuitiva tecnologia di un plotter NSX 9”, dotato di cartografia C-MAP”, e sul VHF RS40-B, già collaudati lo scorso anno dagli equipaggi del Club del Gommone in occasione del Raid Europeo.”


NON PERDERTI I MIGLIORI ARTICOLI! 

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Missione Mediterraneo Pulito: 2800 miglia su un gommone (6 m) con il DF140B Suzuki”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Sessa Marine F60

Sessa F60, arriva un nuovo flybridge per la crociera (17.9 m)

Tra le anteprime mondiali previste per l’ormai vicino Cannes Yachting Festival, in programma dal 10 al 15 settembre, per gli appassionati sarà svelato anche un nuovo Flybridge sportivo di 60 piedi, firmato Sessa Marine. Slanciato nelle linee, lungo 17.93 metri

CE Series 65

Offshore CE 65 (21 m), il giramondo moderno che ti porta ovunque

L’eterna classe di un trawler da crociera è ormai profondamente radicata nell’immaginario della cantieristica americana. È forse però la prima volta che, a dar vita ad una simile creatura, sia una strettissima collaborazione tra un cantiere californiano e un design