Nasce il multispace yacht Cetera, ecco come l’Italia sta rivoluzionando la nautica

barche a motore assicurazioni
Hai la barca in porto? Ecco chi viene pagato dall’assicurazione in caso di disastro
14 Dicembre 2018
parker monaco 110 barche a motore
Parker Monaco 110, la “miglior familiare” del 2018 è una barca da giovani!
14 Dicembre 2018

Flybridge, explorer, trawler, hardtop. C’è tutto? Se lo avessimo scritto una settimana fa, probabilmente sì. Da oggi invece le categorie degli yacht si evolvono con l’arrivo dell’innovativo multispace yacht, già in costruzione.

Multispace yacht, in barca come in villa | Altissima qualità e prezzi contenuti? Il segreto è nel processo di costruzione

La prima barca a motore di Cetera sarà lunga circa 19 metri fuori tutto, con baglio di 5,5 metri. L’ispirazione è giunta da una villa sviluppata su un unico piano, caratterizzata da grande armonia tra interni ed esterni. Le grandi vetrate aumentano la luminosità e l’areazione dell’ambiente, migliorando l’interazione tra le aree interne ed esterne, che è una delle caratteristiche dell’architettura residenziale.

Quelle di Cetera, nome che spiegheremo più avanti, sono un concetto totalmente nuovo di barche a motore con un focus sul concetto di “stretched liveability”. Questo yacht è rivoluzionario già nel modo in cui è concepito e in cui sta venendo costruito: un processo di posizionamento verticale in cui le aree vivibili sono posizionate su di un ponte unico invece che su due o più livelli. Cosa significa?

Che questo multispace yacht avrà le caratteristiche delle ville di un piano che hanno tutta l’area vivibile su uno stesso livello. Il lower deck è interamente dedicato ai servizi e agli spazi per i macchinari mentre la parte sopra è un piano totalmente vivibile senza interruzioni da prua a poppa, salvo i divisori che distinguono le cabine tra loro. Tutto questo punta a migliorare il concetto di “easy boating” che non riguarda solo l’armatore, ma anche chi le barche le costruisce,  semplificando sia la vivibilità a bordo che il processo produttivo.

Questo implica una distribuzione nuova degli spazi interni ed esterni con una massimizzazione della vivibilità, vero focus del progetto. Non solo, questo yacht sarà realizzato con materiali di altissimo pregio senza andare ad incidere in modo proibitivo sul prezzo. Come? Con l’abbattimento dei tempi di produzione che diminuisce i costi ed i tempi di consegna, altro effetto positivo del posizionamento verticale.

Salvatore Serio

Barca nuova e brand nuovo, ma l’esperienza è di quattro “mostri sacri”

Cetera Yachts, dicevamo prima, è il nome del brand che sta costruendo il primo multispace yacht della storia della nautica. L’eco latina di questo nome – Cetera – non mente sull’origine italiana del progetto perché deriva dal vascello di una flotta dell’antica Roma, di stanza a Baia.

Qualcuno a questo punto avrà già capito, ma Baia (vicino a Pozzuoli) è la sede della Fiart, cantiere tra i pionieri della vetroresina che ancora oggi unisce ingegneri e maestri d’ascia per costruire barche uniche. Se Fiart è il primo dei protagonisti di questo nuovo capitolo della nautica, chi sono gli altri? Salvatore Serio, presidente di JJL con un ruolo di primo piano nella storia di Dufour Yachts, Paolo Francia, proprietario di CorseT e Francesco Guida, yacht designer ed ingegnere navale che ha curato gli interni dell’Azimut S7, vincitore dello “European Power Boat of the Year 2018” al Düsseldorf Boat Show dello scorso anno.

Motorizzazione? Economica ed eco-friendly!

Soluzioni ibride per inquinare e consumare meno, in linea con la propensione all’elettrico che sta investendo il mondo della nautica. Una barca nuova per giovani famiglie, single amanti del divertimento e armatori di superyacht che cercano yacht di dimensioni più contenute. Multispace e multiyacht! Cetera unisce i vantaggi di una navetta tradizionale, un trawler per navigazioni a lungo raggio e un cruiser flybridge.

Ecco com’è strutturato

  • Lower deck: è dedicato L’innovativo concetto delle “attrezzature diffuse” fa si che ogni impianto abbia uno spazio dedicato, che ne assicura una facile ispezione. Innovativo è anche che sul ponte inferiore Cetera comprende le cabine equipaggio, la lavanderia ed il garage per il tender.
  • Prua del main deck: è totalmente dedicata a una lounge panoramica. Protetta dalle alte murate e dal parabrezza per la privacy anche quando si è in porto, questa area relax è accessibile direttamente dal salone principale. Tramite un corridoio centrale o i passavanti esterni si raggiunge direttamente il ponte poppiero: una soluzione unica tra gli yacht fino a 80 piedi. Tutti gli alloggi degli ospiti si trovano al centro del main deck. Il cantiere propone diversi layout, ma la soluzione standard prevede una master suite e una cabina doppia. Le cabine sono così lontane dai motori, con meno rumore e vibrazioni.

Il primo yacht Cetera è già in costruzione e farà il suo debutto internazionale nella primavera/estate 2019. Il nuovo brand e le caratteristiche del multispace yacht saranno svelati al Dusseldorf Boat Show 2019.

 

Cosa ne pensi?