Natanti all’estero, ora si può! Cosa serve e il modulo da scaricare

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Natante all’estero, ora si può! Con la nuova legge,  gli armatori di natanti (unità sotto i 10metri non immatricolate) potranno esibire un nuovo documento riconosciuto dallo stato Italiano,  che attesta la propietà e la nazionalità italiana della barca senza bisogno di immatricolare,  e dunque navigare all’estero in paesi EU come Croazia, Slovenia, Grecia  Ecco come.

Natanti all’estero, ora si può. Ecco come

Come descritto nel  comunicato stampa di Confindustria Nautica, è  in Gazzetta Ufficiale il Decreto per i natanti da diporto che navigano in acque territoriali straniere. Nasce un nuovo unico documento, “Attestazione per Natanti da diporto Italiani”  che certifica sia la propietà della barca, che la sua conformità.

L’Attestazione per i Natanti da diporto Italiani  ha anche i sottotitoli in ingleseItalian Pleasure Craft <10m… Boat Technical Data… Boat Owner data…

Secondo il comunicato di Confindustria Nautica si “eviterà l’alternativa dell’immatricolazione presso Paesi come Croazia, Slovenia, Grecia…. le cui acque territoriali, dalla prossima estate sarebbero state precluse ai non targati, ai quali sarebbe stata richiesta l’immatricolazione con tutti gli oneri che questa comporta”. “Per navigare con un natante all’estero, in Croazia, Grecia e Slovenia, e presto in altri stati,  I soggetti italiani possessori di natanti, durante la navigazione in acque territoriali straniere,  potranno attestare il possesso, la nazionalità e i dati tecnici dell’unità attraverso la DCI (dichiarazione di costruzione o importazione) corredata della dichiarazione sostitutiva di atto notorio, autenticata da uno sportello telematico dell’automobilista (STA), che attesta il possesso e la nazionalità del natante.”

 

Modulo natanti estero
Modulo natanti estero

Cosa fare per navigare con un natante all’estero,  i documenti

Ecco quali passi e documenti servono per navigare con natante all’estero

  • Attestazione per Natanti da Diporto Italiani certifica la propietà del nantante sostituendo l’atto notarile di propietà e contiene i dati tecnici, come riportati nella DCI
  • DCI Dichiarazione di Costruzione e Importazione, si ottiene in pdf sul portale DCI online, costo 25 Euro. Abbiamo provato e si fa veramente tutto online, inserendo i dati della propria barca, reperibili sul il certificato potenza motore e sulla dichiarazione di conformità se l’unità o dalcertificato di omologazione per le barche non CE.
  • Versare 23,70€ per diritti e compensi al Ministero Infrastrutture, e apporre marca da bollo di 16,00€
  • Recarsi presso uno sportello STA, Sportello telematico dell’Automobilista per la validazione (presumiamo anche gli sportelli telematico diportista STED presenti nelle agenzie marittime siano abilitati).
  • Tenere a bordo tutti i  documenti in originale.

I consigli per chi ha un natante e si recherà all’estero

Alcuni consigli per chi ha un natante, e vuole recarsi all’estero, tenendo presente che una barca “senza targa” sarà più facilmente soggetta a controlli:

  • Solo in EU:  il nuovo modulo per natanti all’estero sarà riconosciuto SOLO in paesi EU, come da comunicato, per il momento dal Croazia, Slovenia e Grecia, seguiranno altri stati…
  • Assicurazione: verificate che la polizza RC obbligatoria sia valida in acque estere e nell’area di navigazione in cui vi recherete.
  • Licenza radio: verticate le normative di obbligatorietà della licenza radio,  dell’MMSI e del relativo VHF Short Range Certificate nel paese estero.
  • Dotazioni di sicurezza: Adeguate le dotazioni di sicurezza a quelle obbligatorie nel paese estero in cui intendete navigare
  • Natanti non oltre le 12 miglia, non battendo bandiera, un natante non può comunque navigare in acque internazionali.
  • Documenti originali sempre a bordo, in particolare la dichiarazione potenza motore, assicurazione e dichiaraz conformità
  • Occhio alle normative o tasse locali Consulatate sempre le normative relative ad aree marine protette, aree di naivigazione e divieti di ancoraggio o la necessità di pagare tasse locali.

Avanti con la semplificazione della bandiera italiana

La modifica alla normativa,  che consente di navigare con un natante italiano all’estero, è  una buona notizia per i diportisti.  La realtà dei natanti è infatti una eccezione  italiana, mal digerita da paesi esteri, che si aspettano (e obbligano)  che qualsiasi unità galleggiante sostanzialmente sopra i 2,5 metri, sia targata e iscritte nel registro nazionale di bandiera.  Per i paesi esteri il natante è come se un’auto circolasse senza targa, alla pari di una biciletta.

Nel passato ci sono stati tentativi di accordi consolari,  ad esempio tra Italia e Francia, parzialmente risolti con l’escamotage del certificato di assicurazione per attestare propietà e nazionalità del natante, ma negli anni abbiamo visto fioccare multe  e persino sequestri di natanti in acque estere.

Immatricolare una natante in Italia e renderlo imbarcazione è una procedura fattibile,  ma sconveniente. Gli oneri burocratici della bandiera italiana,  come sappiamo,  sono causa della fuga dei diportisti  dalla verso bandiere estere come la Polacca e la Slovena. Ci aspettiamo che sulla stessa scia vengano semplficate altre procedure che ancora affliggono di burocrazia italiana della nautica da diporto.

La nuova normativa descritta fa riferimento al “pacchetto nautica” del DDL “Made in Italy”, in particolare all’art. 27, comma 2-bis, del decreto legislativo 18 luglio 2005, n. 171 (Codice della nautica), e relativo allegato scaricabile: Attestato per Natanti Italiani all’estero.

Luigi Gallerani

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Natanti all’estero, ora si può! Cosa serve e il modulo da scaricare”

  1. ma non aveva più senso senza inventarsi cose nuove, un’immatricolazione “ridotta” per i natanti? che rimane facoltativa per chi ha queste necessità di dover approdare in paesi extra italiani…un’immatricolazione esentasse, con solo gli oneri di pratica insomma così facendo uno ha sia dichiarata la proprietà che la provenienza…invece di inventarsi l’ennesimo documento e procedura…

  2. Sono amministrazione di una agenzia marittima ed abbiamo aperto uno sprtello STED.
    Al momento, per autenticare questa attestazione per i natanti gli sportelli STED non sono ancora abilitati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Una cala dell'Isola di Ponza

Nelle acque di Ponza e Palmarola si entrerà con il ticket

Grande novità per i diportisti che sono soliti visitare con la propria imbarcazione le isole Pontine di Ponza e Palmarola. A partire da questa estate (in via sperimentale) entrerà infatti in vigore il cosiddetto “ticket di stazionamento“. Ecco tutti i

BARCHE USATE Vendono 3 “chicche” da 6 a 16 metri

Oggi vi portiamo alla scoperta delle occasioni migliori di barche usate che trovate nella sezione degli annunci di Barche a Motore. Uno spazio pensato per voi dove poter vendere e comprare barche usate, affittare e vendere posti barca, accessori e