Nauta Tender 48′, la forza della versatilità in mare | FOTO

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Un mega tender è la barca a motore versatile per eccellenza: piccola crociera, al trasporto di ospiti e rifornimenti fino ad arrivare all’approdo in porto quando non c’è spazio per la barca madre e ultimo, ma non per importanza, come day cruiser. Dopo l’anticipazione che avevamo dato qualche tempo fa sul progetto del Nauta Tender 48′, ecco le immagini in acqua di questo 14 metri (12,64 al galleggiamento) di Nauta Design costruita in Italia dal cantiere Maxi Dolphin.

Barche a motore: le linee di Nauta Tender 48′

Le linee semplici e proporzionate rendono questa barca sobria ed elegante all tempo stesso. Una barca per esplorare la costa alla ricerca delle baie più belle o anche per brevi – ma autonome – crociere in cui vivere il mare da vicino rimanendo comunque protetti in caso di onde. Il pozzetto nasce proprio con questa visione dove due grandi prendisole partono da poppa disposti simmetricamente sui due lati per arrivare fin sotto l’hard top dove lasciano il posto a due divanetti, disposti in maniera speculare sui due bordi con al centro un tavolino per parte. La versatilità si respira anche in questa parte della barca, perché i tavoli possono essere abbassati o alzati a seconda del momento fino a diventare la base altri due prendisole. E quando viene usata come barca appoggio per un super yacht? Le cuscinerie dei prendisole possono essere levate per aumentare sensibilmente lo spazio di carico per i rifornimenti. Tutte le cabine sono provviste di bagno privato e gli interni sono concepiti per massimizzare i volumi.

La tecnologia a bordo: barca da “lavoro” o barca di piacere?

Le soluzioni dal punto di vista tecnologico sono tante e importanti, soprattutto nei sistemi di monitoraggio e di assistenza alla navigazione. Questa caratteristica rende Nauta Tender 48′ una barca adatta alla navigazione puramente crocieristica che a quella di barca appoggio. A poppa della cambusa è presente un’ampia zona con lavatrice, asciugatrice, cantina per i vini e pannello elettrico. Spinta da 2 motori Cummins da 600 cavalli e dall’idrogetto Kamewa di Rolls-Royce il Nauta Tender 48 raggiunge la velocità di 37 nodi anche per lunghe distanze. Lo scafo è in vetroresina e sandwich Corecell ed è adatto alla navigazione tranquilla, ma anche alle prestazioni ad alta velocità con uno scafo rinforzato in fibra di carbonio.

Scheda tecnica della barca: NAUTA TENDER 48

  • L.O.A. (without aft platform and strake): 14.62 m
  • L.W.L.: 12.64 m
  • Max. beam (larghezza): 4.37 m
  • Max. draft (pescaggio): 0.81 m
  • Height: 3,85 m
  • Half load displacement: 16.40 t
  • Max speed: 37 kn
  • Fuel capacity: ca. 2100 lt
  • Fresh water capacity: ca. 510 lt
  • Main propulsion:
    – n. 2 engines Cummins QSC8.3, 600hp each @3000 rpm
    – n. 2 waterjets Kamewa S32-3/CA A3
  • General design, exterior and interior design, preliminary system arrangement: Nauta Design #nautadesign
  • Naval Architecture: Francesco Rogantin #studiorogantin
  • Builder: Maxi Dolphin #maxidolphin
  • Structural Engineer: Gurit #gurit

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Mercury fuoribordo elettrici

I nuovi fuoribordo elettrici Mercury svelati ad Alghero. Eccoli

Mercury va avanti spedita verso l’elettrico con la nuova gamma Avator, e non si ferma alle piccole potenze. La conferma l’abbiamo avuta direttamente dal direttore generale di Mercury Italia, Alessandro Conti, durante l’evento “Vivere il mare in modo sostenibile” organizzata