Nautica Green: Italia pioniera con i primi punti di rifornimento a idrogeno verde

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

NatPower H - Nasce la rete per il rifornimento di idrogeno verde
NatPower H – Nasce la rete per il rifornimento di idrogeno verde

L’Italia sta giocando un ruolo di primo piano nella transizione energetica delle strutture portuali con un progetto innovativo: la realizzazione della prima rete al mondo per il rifornimento a idrogeno verde nel settore della nautica da diporto. Questo ambizioso progetto è guidato dalla società NatPower H, in collaborazione con lo studio di architettura Zaha Hadid Architects, e coinvolgerà inizialmente 25 porti e marine dislocate in tutto il territorio italiano.

25 marina oggi, 100 entro nei prossimi 6 anni

La mancanza di una rete nazionale per la distribuzione dei punti di ricarica è stato uno degli ostacoli principali alla transizione green nel settore nautico. Nonostante le crescenti restrizioni normative, come quelle sulle Aree Marine Protette (AMP), e gli sforzi dei cantieri navali nella realizzazione di imbarcazioni sostenibili, la diffusione di tecnologie green tra gli appassionati è stata rallentata dalla scarsa disponibilità di punti di rifornimento verde.

Il CEO di NatPower, Fabrizio Zago, ha presentato il progetto NatPower H sottolineando che si tratta del primo operatore globale per la produzione, stoccaggio e rifornimento di idrogeno verde. Con un investimento iniziale di 100 milioni di euro e accordi firmati con 25 porti e marine italiani, NatPower H mira a creare la prima infrastruttura di rifornimento di idrogeno interamente dedicata allo yachting a partire dall’estate del 2024. L’obiettivo a lungo termine è raggiungere 100 stazioni di rifornimento di idrogeno verde entro il 2030, creando una rete capillare e proiettando il progetto su scala internazionale.

Fuoribordo a idrogeno. Yamaha ha pronto il primo prototipo

Partner di livello stellare per l’architettura e la tecnologia delle stazioni

Dal punto di vista architettonico, le stazioni NatPower H si distinguono per la collaborazione con lo studio Zaha Hadid Architects. Le strutture saranno semplici, ecologicamente responsabili e a bassa tecnologia, integrate armoniosamente nel paesaggio e nell’urbanistica delle diverse località italiane. Utilizzando materiali locali come sabbia e suolo, insieme a cemento a basso impatto carbonico, NatPower H mira a ridurre al minimo l’impronta ecologica delle stazioni, seguendo tecniche e processi che massimizzano l’efficienza dei materiali.

Il progetto ha già stretto partnership significative con aziende del calibro di Baglietto, BluEnergy Revolution, Bluegame, Fitchner, Linde, Studio Maresca, S.i.g.e., Tecma Solutions e Zaha Hadid Architects. In particolare, la collaborazione con Bluegame, brand del Gruppo Sanlorenzo, prevede la sponsorizzazione tecnica per la produzione di due chase boat a idrogeno, obbligatorie per la America’s Cup di Barcellona 2024, destinate ai team American Magic e Orient Express.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Marina degli Aregai - D-marin - Cozzi Parodi

D-Marin aggiunge al suo network due nuovi marina in Liguria

Il network internazionale D-Marin aggiunge due importanti porti turistici italiani al suo portafoglio: il Marina degli Aregai e il Marina di San Lorenzo. I due marina, situati nel ponente ligure a poco più di 10 chilometri di distanza l’uno dall’altro,

Torna su