Ormeggiare nelle isole proibite: un’occasione per il rilancio post-Covid

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Good news. La Gallinara, l’unica isola della Liguria di Ponente con Bergeggi, non diventerà un resort di lusso per pochi eletti. Il Mibact (Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo) l’ha acquistata, esercitando il diritto di prelazione poco prima che diventasse proprietà dell’oligarca russo Alexandr Boguslayev, che aveva intenzione di tramutarla in un paradiso per ricchi.

Il Mibact ha intenzione di renderla fruibile al pubblico. La speranza è che questo non sia altro che il primo passo verso una nuova gestione delle aree marine e protette italiane, un patrimonio unico in tutto il Mediterraneo per la maggior parte proibito a chi va in barca e vorrebbe ormeggiare e visitare queste isole paradiso. Ovviamente nel rispetto dell’ambiente.

Il problema è questo, le aree protette che contengono perle come Montecristo, Pianosa, Gorgona (ma anche di buona parte di Giannutri, Capriaia tanto per rimanere in Toscana) sono off-limits. Perché? Non esiste un ministero che faccia la regia e coordini in modo omogeneo la gestione delle aree protette.

Regna il caos: governano le Regioni, i corpi dello Stato, addirittura guardie carcerarie. Ognuno ha dei suoi obiettivi personali di rendita di posizione. Nessuno pensa a renderle fruibili a terra e soprattutto a mare, aprendole al diporto, un tipo di turismo che di certo non va a rovinare l’ecosistema locale.

Basta vedere l’esempio spagnolo di Cabrera, nella piccola isola riserva marina delle Baleari e dei parchi di Corsica e Francia del Sud per rendersi conto che è possibile organizzare un turismo nautico ecosostenibile. Il Mibact sarebbe sicuramente il riferimento più giusto per ripensarlo radicalmente aprendo finalmente a chi vuole, con la propria barca, visitare e ormeggiare in questi paradisi ancora oggi, per la maggior parte, inaccessibili.

Il turismo nautico, in Italia, è un patrimonio non sfruttato che potrebbe diventare uno degli elementi di rilancio post-pandemia. Basta che ci sia qualcuno (ribadiamo: il Mibact) che ne prenda le redini, creando un piano coordinato che tenga conto della realtà e non dei privilegi.

 

NON PERDERTI I MIGLIORI ARTICOLI! 

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

barca chiara ferragni

Ferragni o Fedez? Chi si prende la barca dei Ferragnez?

A chi andrà “Raviolo” dopo la separazione tra Chiara Ferragni e Fedez che ha fatto impazzire il web? Raviolo è il nome del motoscafo Riva in legno che la coppia, quando era ancora assieme, ha deciso di acquistare nell’estate del

Ecco il primo fuoribordo a idrogeno per le barche “normali”

Di motori elettrici, finora, ne abbiamo visti tantissimi. Dai piccoli di Torqeedo al potentissimo Evoy da 300 cavalli. Concentriamoci sui fuoribordo. In questo scenario entra “a gamba tesa” Yamaha (forte anche dell’acquisizione recente di Torqeedo) e sotto le luci dei riflettori

Torna su