Osmosi, una spiegazione (facile) di cos’è e cosa rischia la tua barca

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

L’osmosi in barca (o osmosi della vetroresina) è un fenomeno abbastanza comune e potenzialmente molto dannoso se non diagnosticato in fretta. In linguaggio chimico l’osmosi è un fenomeno che permette il passaggio di un liquido attraverso una parete o una membrana semipermeabile. E l’osmosi delle barche cos’è?

Osmosi barca: come risconoscerla

Quando si parla di osmosi in barca si intende una cosa semplice, ma poco piacevole: l’assorbimento di acqua di mare da parte della vetroresina. Questo avviene quando nella vetroresina sono state lasciate delle bolle d’aria al momento della stratificazione. Tali bolle si riempiono d’acqua e il processo va avanti indefinitamente. Con la conseguenza che questi spazi si gonfiano e si propagano, causando l’indebolimento dello scafo. La conseguenza dell’osmosi quindi è l’aumento di umidità nell’imbarcazione.

Osmosi della vetroresina

Il passaggio, in genere di acqua, avviene dalla soluzione meno concentrata a quella più concentrata. L’acqua passa attraverso la membrana semipermeabile per portare alla stessa pressione osmotica le due soluzioni. Per questo quando facciamo il bagno in mare le dita ci diventano rugose: le nostre cellule hanno buttato fuori acqua per cercare di… diluire il mare. Non sempre la fisiologia compie scelte intelligenti, nell’immediato. Comunque, senza dilungarsi troppo su leggi fisiche e dintorni, vediamo come riconoscere i segni dell’osmosi sulla vetroresina.

Osmosi barca: cosa fare

Mentre avete la barca sull’invaso, controllate la carena per prevenire i fenomeni di osmosi. Per capire se anche la vostra barca ne soffre, verificate con un tecnico specializzato lo stato della carena una volta alata. Spesso si presenta con piccoli rigonfiamenti di pochi millimetri di diametro con la superficie rugosa che, con il passare del tempo, aumentano di dimensioni fino a spaccare lo strato esterno del gelcoat. Lo strumento più utilizzato per ottenere una prima analisi della carena è l’igrometro, che permette di misurare il livello di umidità dello scafo. Lasciando a secco la barca tale valore diminuirà ma non avrete certo trovato la soluzione al problema. Se le macchie di osmosi sono concentrate e le analisi le definiscono di superficie, potete agire con degli elettroutensili che rimuovono il gelcoat superficiale in modo uniforme, senza alterare le linee della carena.


Leggi qui tutti i nostri articoli di Pratica e Manutenzione

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Osmosi, una spiegazione (facile) di cos’è e cosa rischia la tua barca”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Jostyck Mercury - Compatibile con la gamma Verado

Il joystick ora è anche per barche con un solo fuoribordo

Mercury Marine ha presentato un nuovo sistema di manovra con joystick per controllare i motori fuoribordo della serie Verado. Il sistema è stato progettato appositamente per le imbarcazioni monomotore che montano un fuoribordo Mercury della serie Verado e permette di

Torna su