Endurance 72 (22 m) è il nuovo yacht per lunghe crociere (con spazi XL)

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Pardo Endurance 72

In occasione della recente kermesse tedesca, il Boot Düsseldorf, Pardo Yachts ha annunciato l’ampliarsi della propria gamma Endurance (di cui fa già parte l’Endurance 60), con l’arrivo di un nuovo modello, concepito e progettato con particolare attenzione verso la lunga crociera e le prestazioni a impatto ridotto: è il nuovo Pardo Endurance 72, il cui varo è previsto per la primavera 2024.

Pardo Endurance 72

Lungo 22 metri e largo oltre 5, il nuovo arrivato affiancherà il fratello minore Endurance 60 e, sull’onda del successo di questo, ne porterà avanti la filosofia, offrendo comfort ancora inediti, performance esaltanti e predisposizioni mirate alla sostenibilità. Il risultato, annuncia il cantiere in occasione dell’anteprima mondiale, sarà uno yacht costruito attorno alle esigenze dei singoli armatori per vivere lunghi periodi nel massimo comfort, sia in modalità dislocante che planante, sfruttando al massimo lo spazio disponibile a bordo. Ma vediamo meglio come si presenta, ad oggi, il progetto.

Pardo Endurance 72
Pardo Endurance 72 – Vista del Fly

Pardo Endurance 72 – Esterni

Recuperando gli stilemi ed il family feeling del precedente 60’, il nuovo Endurance 72 presenta linee contemporanee, con un’opera morta dagli slanci importanti, resa dinamica dalla disposizione alternata delle finestrature, che ne alleggeriscono il volume complessivo. La prua rovescia, come le linee impennate e poi discenti della murata, contribuiscono a loro volta a donare dinamismo allo scafo, che si conclude verso poppa con due terrazze laterali abbattibili, fino alla plancetta poppiera, a filo dell’acqua. Il volume abitativo principale poi, quasi completamente vetrato e proiettato verso prua, conclude il disegno, recuperando così il look del modello più piccolo, inserendo piacevolmente questo 72 piedi in un segmento ormai assolutamente riconoscibile.

Pardo Endurance 72  – Visto da Poppa

In termini di spazi esterni il design del ponte, ovviamente walkaround, regala ampio spazio di movimento agli ospiti, che posseggono così ben tre principali aree aperte di cui godere. A partire da poppa, troviamo innanzitutto una plancetta sull’acqua, per passare subito alla zona del pozzetto. Qui troviamo infatti un grande prendisole a sbalzo verso la poppa, mentre, tra questo e il salone, troviamo una zona conviviale con tavolo e sedute. Vera perla di quest’area è, però, la doppia murata abbattibile, che consente di ottenere, quando non in navigazione, extra spazio in tutta la zona.

Pardo Endurance 72 – Pozzetto

In pozzetto è anche presente l’accesso al Fly, uno spazio aperto di ben 27 mq protetto e ombreggiato da un T-top con tetto a lamelle orientabili, caratteristica ideale per poterne fruire in diverse condizioni.Qui troviamo, oltre all’immancabile timoneria, un’intera area composta da divani, prendisole, tavoli e sedute. Tutto il necessario insomma per godere appieno del proprio tempo speso in mare. Tanta attenzione al comfort è posta, infine, anche a prua, dove è collocata una lounge area composta di ben tre divani, un tavolo e un prendisole XL.

Pardo Endurance 72 – Vista del Fly

Pardo Endurance 72 – Interni

Concepito per la navigazione a lungo raggio, l’Endurance 72 rispecchia ogni sua promessa di comfort e comodità anche nella pianificazione e progettazione degli interni. Concepiti da Burdissocapponi Yacht Design con due possibili layout, gli interni sono così anche adattabili alle diverse esigenze del pool di armatori, offrendo diverse sistemazioni e capacità di alloggio.

In una prima versione, la Galley Up, la cucina è posizionata sul ponte principale, offrendo spazio per ben 5 bagni e 4 cabine al ponte inferiore – 8 posti letto complessivi, suddivisi in due matrimoniali e due doppie. Nella seconda variante invece, Galley Down, abbiamo la cucina posta al ponte inferiore, aumentando gli spazi in salone, ma riducendo a 3 il numero delle cabine (una matrimoniale e due doppie) e a 4 il numero dei bagni.

Pardo Endurance 72 – Vista di porzione del Salone in Layout Galley Up

Il layout standard quindi, Galley Up, prevede la cucina posizionata a poppa del salone, sul ponte principale, che si compone poi di una zona pranzo posta di fronte a questa, affacciata sulla terrazza abbattibile tramite una porta laterale. Appena a prua, un due divani, di cui uno con chaise longue, compongono la lounge area centrale, completa di televisione.

Oltre, in plancia, troviamo timoneria e seduta di comando, integrati intorno ad un’ampia cassettiera. Nel caso del Galley Down, troviamo sul ponte principale una ulteriore zona conviviale, composta di mobilio freestanding. La cucina viene invece posta sottocoperta, vera novità della collaborazione con Burdissocapponi Yacht Design, creando così una zona di servizio direttamente collegata ai locali equipaggio e regalando un salone completamente aperto sulle terrazze laterali.

Pardo Endurance 72 – Sezione prodiera del Salone

Al ponte inferiore troviamo oltre alla cabina armatoriale matrimoniale a tutto baglio, i servizi e tutta la zona notte, completa o meno di cucina, in base al layout scelto. Ogni spazio è insonorizzato.

Pardo Endurance 72 –Cabina

Pardo Endurance 72 – Motorizzazione e Performance

Spostando l’attenzione su motorizzazione e performance, il Pardo Endurance 72 presenta una carena particolarmente avanzata, dislocante e planante, ottimizzata per le propulsioni IPS.

La carena, di tipologia “warped”, presenta un angolo di deadrise progressivamente ridotto sulla longitudinale prora-poppa, garantendo così una maggiore stabilità dinamica in condizioni di planata con mari formati, complice anche il baricentro relativamente avanzato, che contribuisce a ridurre l’energia dissipata in scia quando in dislocamento.

Pardo Endurance 72 – Top View con terrazze aperte

In termini di spinta, sono presenti 3 differenti motorizzazioni: in versione standard, l’Endurance 72 prevede due Volvo Penta D13 IPS 1050, però sostituibili, opzionalmente, con IPS 1200 o IPS 1350. Anche un motore ibrido è tra le opzioni, essendo la sala macchine già predisposta alla sua adozione.

Infine, con l’Endurance 72, Pardo Yachts introduce anche un nuovo parametro, l’Eco-Speed, ovvero la velocità calcolata per cui si ottengono, oltre a un assetto ottimale e un maggior comfort di bordo, anche la massima efficienza di prestazioni in parallelo ai minori consumi.

Pardo Endurance 72 – Scheda Tecnica

 

Lunghezza Fuori Tutto (LOA) 22.0 m
Baglio Massimo 5.66 m
Pescaggio 1.52 m
Dislocamento 57.974 kg | 58.154 kg
Motorizzazione Standard 2x Volvo D13 IPS 1050
Motorizzazioni Opzionale 2x Volvo D13 IPS 1200 o IPS 1350
Serbatoio Carburante 6.000 L
Serbatoio Acqua Dolce 1.200 L
Persone Imbarcabili B16 | C20
Cabine Galley Up : 4 | Galley Down : 3 | + crew
Posti Letto Galley Up : 8 | Galley Down : 6 | + crew
Servizi Galley Up : 5 | Galley Down : 4 | + crew
Tender Garage 1 – fino a 4 m
Contatti www.pardoyachts.com

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Barche cult, la vera storia del primo Princess 45 (14 m)

Il mondo della nautica non è fatto solo di scafi nuovi e scintillanti, appena usciti di cantiere. Anzi, per la maggior parte, si compone di scafi usati, barche passate anche per diverse mani e che, nonostante tutto, nonostante le miglia,