Questo nuovo yacht di Pardo (16 metri) reinventa la barca crossover: Pardo GT52

bandiera polacca
Perché gli italiani immatricolano le barche con bandiera polacca o slovena
29 Novembre 2021
Zar Formenti 130 Imagine
Questo è il nuovo maxi-gommone (13 m) di Zar Formenti: Imagine 130
2 Dicembre 2021
Pardo GT52

Pardo GT52

Pardo GT52

Pardo GT52

Il Cantiere del Pardo vuole consolidarsi nel mercato delle barche a motore con il nuovo Pardo GT 52, il cui debutto internazionale è previsto per il salone nautico di Düsseldorf nel 2022. Pardo Yachts fa tesoro dell’esperienza walkaround e di quella cruiser, con un crossover di 16 metri che unisce l’abitabilità massima a bordo con esterni da barca aperta.

Pardo GT52

Nel dettaglio il Pardo GT52 rappresenta un’evoluzione del Pardo 50 in particolare per quanto riguarda appunto le volumetrie interne e quindi lo spazio a disposizione. Pur essendo “imparentate” queste due imbarcazioni condividono comunque tipi di utilizzo profondamente diverso. Sul GT 52, tre persone possono stare sul prendisole di prua, mentre altre otto possono stare nella zona poppiera al tavolo da pranzo, che può diventare un secondo prendisole. L’area di poppa della plancia è più lunga di 60 cm, permettendo all’armatore di alloggiare, calare in mare e recuperare il tender o la moto d’acqua grazie ad un sistema elettrico. In comune c’è invece la motorizzazione, data da due Volvo Penta IPS (2×650 nella versione standard, oppure 2×700/800 come optional).

Pardo GT52 – Perché crossover?

«Il Pardo 52 GT –  spiega Massimo Gino di Nauta Design – rappresenta il cross-over tra un walkaround e un classico cabinato. Il salone sul main deck è protetto dalla sovrastruttura e può essere completamente aperto verso poppa, la porta del salone e le due finestrature poppiere consentono di mettere quest’ultimo in connessione diretta con l’ampio e funzionale pozzetto, o di separare il salone dall’esterno creando una zona interna condizionata o riscaldata a seconda delle condizioni».

Pardo GT52 - Pozzetto di poppa

Pardo GT52 – Pozzetto di poppa

«Nel top è presente – continua Massimo Gino – c’è un grande tettuccio scorrevole per avere sempre un’aerazione ottimale. Le camminate laterali salgono fino a livello del ponte per ottenere un’ampissima zona flush di relax a prua, con un grande prendisole a centro tuga. Grazie alla coperta flush si guadagnano quindi volumi importanti negli interni a prua: la zona armatoriale beneficia enormemente di questi volumi con un comfort che raramente si trova su imbarcazioni di questa taglia».

Pardo GT52 – Interni

Sottocoperta c’è una cabina armatoriale ruotata con il testa letto orientato sulla murata, collegata a un ampio bagno con box doccia a prua. A bordo anche la cabina Vip con bagno e dalla cabina per l’equipaggio. L’architettura degli spazi permette l’opzione di due layout: galley up e galley down. Con il primo è possibile ottenere una zona lounge con Tv o una terza cabina con letto a castello al livello del lower deck. Con il secondo, il quadrato della dinette è più grande e la cucina sottocoperta più attrezzata per un utilizzo anche in condizioni meteo non estive.

Scheda tecnica della barca: Pardo GT52

  • Lunghezza fuori tutto: 16,58 m
  • Lunghezza al galleggiamento: 14,62 m
  • Baglio massimo: 4,96 m
  • Serbatoi carburante: 2.000 l
  • Serbatoio acqua: 600 l
  • Motorizzazione: standard Volvo IPS 2×650 // opt. Volvo IPS 2×700 – 2X800

pardoyachts.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *