Caos bandiere: passare da belga o olandese a italiana? Impossibile e costoso

Montecristo
Vacanze in barca: sbarcare sulle isole proibite
24 Maggio 2020
Isola del Giglio
Bandiera Blu 2020: tutte le migliori spiagge d’Italia (regione per regione)
25 Maggio 2020
bandiera-italiana-barca

bandiera-italiana-barca

Passare da bandiera belga a italiana per la propria barca? È un vero casino!

Non riuscire a passare dalla bandiera belga o olandese a quella italiana e poi scegliere per disperazione quella francese è un chiaro esempio che l’Italia non funziona bene.

Gli esperti dicono che l’Italia si salverà dalla crisi solo se sarà, in breve tempo, capace di attuare una vera riforma della burocrazia, in nome della semplificazione che gli altri paesi europei hanno attuato da decenni.

Ma sarà dura, visto da dove si parte. Sentite cosa è accaduto. Sollecitati da numerose mail che ci chiedevano come fare per dismettere la bandiera belga o olandese a causa della recente abolizione dei registri “light” del diporto che le due nazioni europee avevano istituito, siamo andati a fondo nel problema.

Passare da bandiera belga olandese a italiana: un vero casino

Abbiamo simulato di possedere una barca battente bandiera olandese che aveva urgenza di cambiare bandiera e passare al registro italiano.

Alla nostra ipotetica barca era scaduta la licenza d’iscrizione al registro navale “light” olandese, che non sarebbe stato più rinnovato a causa della decisione del governo dei “tulipani” di abolirlo, a causa delle polemiche seguite al caso delle navi ONG che operavano in Mediterraneo nel salvataggio dei profughi.

Abbiamo contattato un’agenzia di mediazione marittima, gli abbiamo prospettato il caso e ci ha inviato la lista dei documenti da produrre. Interminabile. Abbiamo detto che avevamo tutti i documenti in copia digitale, un classico PDF.

Nel 2020, tutto cartaceo, mai digitale

Primo scoglio insormontabile. I documenti devono essere prodotti tutti in originale cartaceo. Abbiamo fatto presente che la barca era stata acquistata usata e i documenti che possedevamo erano quelli e, comunque, erano stati ritenuti validi per rinnovare la licenza olandese.

Risposta: deve cercare gli originali. Nostra risposta: questo è quello che possediamo, perfettamente legale per certificare che l’imbarcazione è di nostra proprietà.

Ci è stato risposto che, anche se avessimo avuto tutta l’ingente documentazione richiesta in originale, sarebbero passati alcuni mesi (3 o 4) per avere la risposta se l’imbarcazione aveva i requisiti per potersi onorare della bandiera italiana.

Ma resta l’inghippo del tasto rosso del VHF che costa una fortuna

Altro problema burocratico riguardante il famoso tasto rosso per il salvataggio che possiedono i VHF attuali. Per chi non lo sapesse, il tasto rosso DSC con scritto “Distress” che in italiano significa “pericolo, difficoltà, emergenza” serve a lanciare automaticamente una richiesta di soccorso. Abbiamo dichiarato di non avere il patentino che abilita a schiacciare il tasto rosso, senza incorrere in multe e sanzioni penali. Bene, avremmo dovuto partecipare ad un corso: “la prima sessione disponibile e tra due mesi”. Costo? Ridicolmente alto con grande perdita di tempo.

Il costo per un 10 metri? 4000 euro

Ci hanno anche allertato che, comunque, la barca sarebbe stata soggetta ad un accurato controllo da parte di un ente certificatore, che avrebbe comportato alaggio e varo della barca.

Facciamola breve, pur non avendo la benché minima certezza di poter un giorno innalzare a poppa il vessillo tricolore con le repubbliche marinare, il totale del costo della pratica, patentino tasto rosso VHF compreso sarebbe stato, conti alla mano, di quasi 4.000 euro per una barca di poco più di 10 metri.

La soluzione grazie ad un blog

E allora che facciamo, l’affondiamo la barca? Virtualmente disperati, abbiamo digitato su internet le parole “bandiera olandese cambio urgente”. Magicamente si è aperta una speranza.  Un blog parlava della bandiera francese in sostituzione di quella olandese. Raccontava che tutto era stato semplice e poco costoso.

Pronti: via.! Abbiamo contattato un’agenzia in territorio italiano, che svolgeva questa pratica on line.

Risposta in dieci minuti: “certo si può fare, deve produrre questi documenti:

– Originale della dismissione di bandiera olandese

– Fotocopia Sua carta d’identità

– Suo certificato di residenza oppure copia di una fattura di un’utenza all’indirizzo di residenza (luce, gas, telefono)

– L’originale della dichiarazione di conformità dell’imbarcazione (anche in PDF)

Successiva comunicazione. Sollecitati dalla nostra richiesta di dirci cosa poi avremmo dovuto produrre per completare la pratica ci hanno comunicato che, ovviamente, dovevamo produrre l’originale del libretto olandese.

Ultimo passo, dovevamo firmare un modulo che deve eleggere il domicilio  dell’armatore/proprietario presso un corrispondente in Francia (l’agenzia ovviamente).

Tutto così semplice e con soli 1000 euro

Sospettosi abbiamo chiesto il costo di tutto ciò, terrorizzati che sarebbe costato ben di più dei quasi 4.000 euro del costo, senza certezza di risultato, della bandiera italiana.

Poco meno di mille euro è stata la risposta. Eh già, ma manca il certificato per l’uso del VHF, ecco dov’è l’inghippo, abbiamo pensato. “Ha ragione” si scusa l’agenzia “mancavano i 150 euro della licenza VHF”.

Il finale è come un film senza parole. Forse chi di dovere (enti, associazioni di categoria, ministri, amici della nautica) dovrebbe mettere finalmente il naso in questa scandalosa burocrazia italiana di stampo borbonico, che fa si che ogni persona di buon senso fugga dalla bandiera che ama e vorrebbe. Quella italiana.

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

4 Comments

  1. Alessandro C. ha detto:

    Confermo quanto detto.. Mi sono rivolto anche io ad un agenzia e l’unico modo è la bandiera francese!!! Oltre ad essere il paese delle banane che prevede per i natanti alcun passaggio di proprietà registrato, poi se lo vuoi immatricolare devi avere un documento autenticato e registrato che indica l’acquisto… Il paradosso di questo paese

  2. Alessandro ha detto:

    La burocrazia che abbiamo messo in atto col covid dimostra che proprio non ce la facciamo a snellire: è una questione mentale. La nautica poi raggiunge livelli allucinanti. Tuttavia il patentino short range certificate a Roma mi è costato 300€ di cui 250€ per il corso online. D’altra parte tra alaggio, visita, dotazioni varie, zattere oceaniche ecc…, credo che 4000€ non bastino per tornare alla bandiera italiana. Come soluzione alternativa c’è anche la bandiera polacca…

  3. antonio cannavo ha detto:

    Non la burocrazia Borbonica, piuttosto la burocrazia Savoia. Un paese di accattoni.

  4. Roberto ha detto:

    Pensavo di acquistare un 12 metri a vela che batte bandiera belga ma dopo aver letto delle difficoltà burocratiche credo che lascerò perdere. Ho letto che si può passare più facilmente alla bandiera francese , ma mi sembra anche lì di complicarmi la vita . Grazie per l’eventuale risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *