La prima passerella elettrica di Besenzoni manda in pensione l’idraulica?

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Non importa in quale parte del mondo tu sia. Gli accessori di bordo Besenzoni come gru, passerelle e tanto altro sulle barche a motore (e anche su quelle a vela) sono diffuse ovunque. L’azienda di Sarnico in oltre 50 anni ha sempre puntanto sul massimo dell’innovazione. Ora l’ultima novità è LaPasserella, la prima passerella elettrica della storia che cambia l’approccio alla passerella. Difficilmente manderà in pensione la classica (e apprezzata) passerella idraulica, ma andrà a fornire un’alternativa con tutta una serie di vantaggi importanti. Ecco quali.

LaPasserella: la passerella elettrica Besenzoni

Presto la rivoluzione elettrica riguarderà anche le scale e i tender lift firmati Besenzoni. Intanto per ora sono le passerelle il primo banco di prova. Perché questa passerella elettrica è un prodotto altamente innovativo? Perché è più leggero, consuma meno energia e meno carburante.

Leggero

  • Senza di olio e centralina idraulica diminuisce il peso di circa 30 kg
  • Aumenta lo spazio in sala macchine
  • Meno chili a bordo, ma anche minori sui costi d’installazione e di manutenzione
  • Riduzione del consumo di carburante

Efficienza energetica

  • LaPasserella riduce il consumo di energia a bordo. Non c’è potenza idraulica del motore e i cavi sono con sezioni nettamente inferiori
  • L’energia è ottimizzata, partendo da un controllo elettronico dello sforzo con meno corrente per evitare sollecitazioni eccessive al sistema e alla struttura
  • La gestione avviene con alimentazione sia 12Vdc che 24Vdc.

Sistema silenzioso

  • Il sistema è ovviamente più silenzioso grazie al funzionamento elettrico.

Sostenibile

  • LaPasserella non usa olio idraulico nell’impianto e/o in sala macchine. Vengono utilizzati meno materiali possibilmente inquinanti come tubi in plastica e gomma.
  • È possibile inserire sulla pedana un rivestimento in materiale sintetico PVC stabilizzato ai raggi UV.

LaPasserella dal punto di vista del design presenta una linea rivisitata. Inoltre è possibile scegliere rivestimento, colore e avere diverse soluzioni personalizzate di installazione. Questa nuova gamma potrà essere gestita tramite smartphone con la APP Besenzoni Control Device e grazie all’installazione del modulo Bluetooth BUC. Non viene meno la possibilità di gestirla in remoto con telecomando standard.

La gamma LaPasserella inizialmente sarà prodotta in 3 versioni di differenti lunghezze che variano dai 2 ai 4,5 metri e si rivolgerà principalmente al mondo della vela ma anche a quello del motore dove si ricercano sempre più soluzioni green.

Clicca qui per tutte le info


👇 NON PERDERTI I MIGLIORI ARTICOLI! 👇

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Mercury fuoribordo elettrici

I nuovi fuoribordo elettrici Mercury svelati ad Alghero. Eccoli

Mercury va avanti spedita verso l’elettrico con la nuova gamma Avator, e non si ferma alle piccole potenze. La conferma l’abbiamo avuta direttamente dal direttore generale di Mercury Italia, Alessandro Conti, durante l’evento “Vivere il mare in modo sostenibile” organizzata