Patente nautica e motori elettrici. Come navigare in regola

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Con l’avvento dei motori elettrici, la cui potenza commerciale è espressa in watt (il cui multiplo è il kW ovvero 1000 W) anziché cavalli vapore, potrebbe sorgerci il dubbio se, e oltre che potenza, la patente nautica sia necessaria. Abituati ad associare il limite dei 40 CV alla potenza massima dei motori per cui la patente è obbligatoria e non essendo a tutti ben chiaro cosa esprimono queste sigle, facciamo chiarezza.

 

Cavalli vapore (CV) e watt (W): cosa sono e cosa hanno in comune

Il cavallo vapore è un’unità di misura che viene utilizzata per indicare la potenza fisica dei mezzi di trasporto a motore. Nasce all’inizio della rivoluzione industriale per farsi un’idea della produttività dei macchinari a motore, cioè quanti cavalli potessero essere sostituiti dalla macchina. Equivale al sollevamento di un peso di 75 kgf (chilogrammi forza, quello che noi chiamiamo kg, anche se è una definizione impropria) alla velocità di un metro al secondo.


Clicca e scopri quanto costa il fuoribordo più potente al mondo

Questo è il motore fuoribordo elettrico (da 300 hp) più potente al mondo. Prezzo e autonomia

 


Pur essendo di uso comune, il cavallo vapore non è un’unità di misura del Sistema Internazionale e, poiché il suo valore in passato cambiava da paese a paese (l’horsepower britannico era calcolato diversamente) e il suo simbolo era diverso a seconda della lingua, una direttiva del Consiglio Europeo ne ha vietato l’uso in favore del watt (anche del kgf, ndr). Il watt è l’unità di misura della potenza del Sistema Internazionale, deve il suo nome a James Watt per il suo contributo nello sviluppo della macchina a vapore.


Clicca per vedere il fuoribordo elettrico che funziona senza elica

Fin5 è il fuoribordo elettrico che funziona senza elica


La conversione dei motori elettrici: da CV a W

Convertire da CV a W è abbastanza semplice, basta moltiplicare per 0,735 (circa) il valore dei cavalli vapore. Così facendo 40 CV sono 29,4 kW. Per l’operazione inversa basterà dividere per 0,735. Questo ci aiuta a capire quanto potente sarà il motore elettrico, il cui valore normalmente è espresso in chilowatt (kW).

 

Quando la patente diventa obbligatoria

Il Codice della nautica da diporto (D.Lgs N. 171/2005), dovendosi uniformare alla direttiva europea, all’articolo 39 comma 1, lettera b) ci dice che è obbligatoria la patente nautica “con potenza superiore a 30 kW o a 40,8 CV“.

Giacomo Barbaro

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Sessa Marine F60

Sessa F60, arriva un nuovo flybridge per la crociera (18.3 m)

Tra le anteprime mondiali previste per l’ormai vicino Cannes Yachting Festival, in programma dal 10 al 15 settembre, per gli appassionati sarà svelato anche un nuovo Flybridge sportivo di 60 piedi, firmato Sessa Marine. Slanciato nelle linee, lungo 17.93 metri