Goditi la pensione in Grecia in barca. Le tasse quasi non le paghi

milano yachting week 2020
-5 giorni alla Milano Yachting Week 2020: visita in anteprima il porto!
10 Settembre 2020
gozzi mimì genova
Il gozzo che piace ai giovani! Mimì presenta 3 barche fighissime a Genova
11 Settembre 2020
pensione in grecia
grecia pensione barca

Godersi la pensione in Grecia a bordo della propria barca? Ecco come funziona

Godersi la pensione in Grecia a bordo della propria barca? Vale la pena farci un pensiero, perché dal 30 settembre la Repubblica Ellenica diventerà il nuovo paradiso per chi si vuole godere la pensione con una tassazione fissa del 7% per dieci anni.

Ma non solo, questa favorevolissima tassazione varrà per l’assegno previdenziale ma anche per tutti gli altri redditi, dagli affitti ai dividendi. Unico indispensabile requisito: bisogna risiedere in Grecia almeno 183 giorni l’anno e arrivare da una nazione che ha un trattato di doppia tassazione con la Grecia, come l’Italia.

Pensione in Grecia con la barca: ecco come funziona

La scadenza per le richieste per usufruire di questa favorevolissima condizione avverrà il 31 marzo di ogni singolo anno fiscale e il pagamento dei tributi dovuti verrà regolato in unica soluzione per ridurre al minimo gli adempimenti burocratici. Entro 60 giorni dalla presentazione della domanda le autorità danno una risposta.

“Sono certa –dichiarato Athina Kaliva, responsabile fiscale del ministero delle finanze ellenico – che la normativa verrà approvata e diventerà operativa entro fine anno”.

L’occasione è ghiotta per tutti i pensionati proprietari di barca, ma non solo. Nel decreto in approvazione si parla anche di altri “benefit” come sgravi fiscali per l’acquisto di una casa ma anche di una barca se il bene viene eletto a residenza.

Non è stata la Grecia la prima a lusingare i “baby boomer” ultrasessantenni in età di pensione. Il Portogallo da alcuni anni ha una normativa simile che, attualmente, ha un prelievo flat del 10% sui redditi da pensione. Tremila italiani hanno usufruito di questo vantaggio, alcuni hanno trasferito o acquistato una barca e la tengono in Portogallo.

Ma l’iniziativa greca ha ben altro appeal. Un conto è vivere per 200 giorni in barca in Portogallo. Al di fuori del Mediterraneo. Ben più intrigante è l’idea di tenere la barca in un’isola greca e godersi il reddito da pensione con in tasca quasi il doppio del netto che si percepirebbe in Italia.

NON PERDERTI I MIGLIORI ARTICOLI! 

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

1 Comment

  1. Franco Longhi ha detto:

    Non vale per i dipendenti delle amministrazioni statali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *