Perché Ferretti e Sanlorenzo fanno squadra per salvare Perini Navi

Vendono all’asta un Akhir 25S dei Cantieri di Pisa
17 Febbraio 2021
“Così ho reinventato la barca a motore di oggi” – L’intervista a Luca Bassani
17 Febbraio 2021
ferretti sanlorenzo perini navi

ferretti sanlorenzo perini navi

Perini Navi – M/Y 55.7m GALILEO G – Perini Navi

Nel mondo automotive gli accordi tra grandi gruppi rivali non sono così strani. Ora sembra che anche per la nautica sia arrivato il momento delle alleanze tra super-potenze rivali. Ferretti Group e Sanlorenzo creano una NewCo, cioè una nuova società, per rilevare e rilanciare Perini Navi, che ha dichiarato fallimento lo scorso 29 gennaio. Questa NewCo è in joint venture paritetica, cioè divisa al 50 e 50.

Perini Navi: Sanlorenzo e Ferretti insieme?

Lo scenario adesso che i due gruppi fanno squadra cambia in maniera importante. Il peso dei due gruppi (455,9 milioni di fatturato nel 2019 per Sanlorenzo, 649 milioni per Ferretti) ridimensiona gli altri player interessati all’acquisto del marchio e degli asset di Perini: Italian Sea Group e Palumbo Superyachts.

Perché a Ferretti interessa Perini Navi

Il Gruppo Ferretti, a maggioranza cinese (l’86,8% è della Shandong Heavy Industry Group-Weichai del presidente Tan Xuguang, con il 13,2 nelle mani di Piero Ferrari, figlio di Enzo), 649 milioni di fatturato nel 2019, ha otto marchi sotto la sua egida (Ferretti, Riva, Pershing, Itama, Mochi Craft, CRN, Custom Line, Wally Yachts) e un piede nel mondo della vela dopo l’acquisizione, appunto, di Wally. È grande l’interesse verso gli asset di Perini, specializzato nella costruzione di grandi yacht a vela, considerato che, di fatto, Wally non ha un vero e proprio sito produttivo.

Le parole di Alberto Galassi, AD di Ferretti

“Giornata importante per la nautica italiana, per i dipendenti e le famiglie di Perini Navi. Passione, esperienza e competenze uniche che in questo modo continueranno a essere tutelate. Così come l’indotto di Perini Navi, che oggi viene salvaguardato, composto di tanti fornitori a cui verrà restituita e assicurata serenità”. Queste sono le parole dell’avvocato Alberto Galassi, AD di Ferretti Group. 

alberto galassi ceo ferretti

Alberto Galassi, Ceo di Ferretti Group

Come Ferretti Group siamo alla continua ricerca di eccellenze e abilità che si integrino con le nostre: spesso, vedi il caso di oggi, le troviamo in Italia. Siamo sicuri che il nostro impegno si tradurrà in ulteriore crescita con benefiche ricadute sul territorio e maggior splendore per la nautica italiana. Mi piace anche sottolineare l’importanza storica dell’alleanza con Sanlorenzo, in linea con il nuovo spirito di collaborazione che si respira nel Paese: un benefico ampliamento di orizzonte che ci permetterà di cogliere ancora più opportunità e successi”.

Perché a Sanlorenzo interessa Perini Navi

Società quotata in borsa, Sanlorenzo ha chiuso il 2019 con un fatturato di 455,9 milioni di euro: il gruppo guidato dal CEO Massimo Perotti, che costruisce superyacht da 27 a 70 metri, è interessato non soltanto al marchio Perini, ma anche agli asset di Perini Navi. Questo perché due dei suoi tre stabilimenti sono a Spezia (l’ex cantiere Beconcini, per il refit & repair dei megayacht) e a Viareggio (la sede principale) proprio come quelli di Sanlorenzo (che conta su un terzo stabilimento a Massa). 

Sicuramente la quotazione in borsa fornisce grande credibilità al marchio, che dovrebbe agire quindi nella massima trasparenza con un piano industriale solido e lungimirante. Un’ottima occasione per Sanlorenzo di entrare nel mercato dei superyacht a vela. Pur essendo un mercato di nicchia rispetto a quello del motore, risulta più facile da percorrere con un marchio internazionalmente riconosciuto come Perini. 

LA VOCE DEL CEO DI SANLORENZO

Ho cominciato la mia storia professionale nella nautica a Viareggio proprio nel luogo e nell’anno in cui a pochi passi nasceva Perini Navi”, ha dichiarato Massimo Perotti, CEO di Sanlorenzo. “Era il 1983 e da allora ho sempre guardato con grande ammirazione al modello di business di questo marchio straordinario: imbarcazioni dalle qualità eccellenti, costruite rigorosamente su misura per un limitato numero di esperti conoscitori dello yachting. Caratteristiche di unicità che anni dopo ho ritrovato in Sanlorenzo.

Massimo Perotti, Ceo di Sanlorenzo

Massimo Perotti, Ceo di Sanlorenzo

Per queste similitudini e con la forte determinazione di salvare un marchio italiano dalla storia impareggiabile, nell’interesse del territorio e di tutti gli stakeholder, in primis dipendenti e fornitori, ho manifestato sin dal primo momento la disponibilità di Sanlorenzo ad intervenire per il suo rilancio. Oggi sono felice di poterlo fare in partecipazione con il Gruppo Ferretti. Si tratta di un’alleanza di portata storica per il nostro settore, che sono convinto avrà ulteriori sviluppi e sarà di esempio per altre iniziative volte a rafforzare la leadership del nostro comparto nel mondo”.


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti di Barche a Motore, insieme con Giornale della VELA Top Yacht Design si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 29,90 euro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *