Pirelli 30 (9.8 m) è il gommone top di gamma da oltre 50 nodi TEST

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Tecnorib Pirelli 30
Pirelli 30

Test del Pirelli 30 di Sacs Tecnorib. Tutto il DNA dei gommoni Pirelli, condensato in un battello compatto con qualità sorprendenti sia in navigazione che in coperta.

Articolo completo su con dati di navigazione su Barche a Motore N.33 

Pirelli 30 – La nostra prova

Attraverso in un lampo la città vestita d’azzurro, ancora ebbra di scudetto. Non ho fretta, e lo dico al tassista, che con un “vabbuò, arrivate primm’ e vi pigliate ‘o café” mi immerge subito nell’atmosfera, unica, di Napoli.

Arrivo quindi a Mergellina con una mezz’ora di anticipo, ma invece del caffè preferisco guardarmi con calma l’entry level della gamma Pirelli Walkarounds di Sacs Tecnorib che dondola all’ormeggio. Recentemente ho avuto modo di provare un suo concorrente diretto, stessa lunghezza e motorizzazione, ma decisamente meno caro; voglio capire se e quanto la differenza di prezzo è giustificata.

Cannes Yachting Festival: le 9 nuove barche (sotto i 10 m) da non perdere

Pirelli 30 – Esterni

La misura, appena sotto i 10 metri, va per la maggiore qui nel Golfo e non solo: è il minimo per avere un ‘grande’ gommone, confortevole anche con onda, veloce e non ingombrante, facile da gestire.
Salta subito all’occhio il family feeling con i fratelli maggiori (Pirelli 35, 42 e 50), tutti a firma dello studio svedese Mannerfelt Design – leader nelle carene da competizione –  ma ho l’impressione che il 30 sia più proporzionato. Sembra più grande dei suoi 9.80 metri fuori tutto, grazie alla bella linea grintosa eppure rassicurante, e spicca tra le barche un po’ anonime che lo affiancano. Mi raggiunge Salvatore, titolare di Charter Liliano, concessionario esclusivo per la Campania.
Ci riconosciamo subito: ho sulla cerata il guidone del mio Circolo dove lui, trent’anni fa, ha avuto un felice passato di canottiere; oggi da grande esperto di gommoni incomincia con l’illustrarmi le varie configurazioni del piano di coperta.

Si cammina su un simil teak grigio molto pratico. A poppavia della consolle centrale, dopo il classico mobile lavello/ghiacciaia, i due divani e il tavolo si trasformano in un grande prendisole; anche la prua può diventare un unico prendisole a tutto baglio, ma è un optional. Io forse la preferisco così, con la seduta nel triangolo di prua servita da luccicanti porta bicchieri in acciaio, il divanetto davanti la consolle e la possibilità di arrivare in sicurezza al gavone dell’ancora (col marchio di fabbrica: l’antisdrucciolo sul boccaporto ha l’impronta del Cinturato Pirelli).

Bagno di prua del Pirelli 30

Mi piace l’idea di un walkaround senza compromessi: motorizzazione solo fuoribordo e, sottocoperta, un coraggioso no alla cabina/sarcofago con cuccettone. C’è invece un unico, grande ambiente di quasi due metri d’altezza, che ospita un bagno /spogliatoio da far felice l’armatrice più esigente. A poppa abbiamo una coppia di Mercury Verado da 300 cavalli ognuno, forse un po’ sovradimensionati, ma la differenza di prezzo tra le tre motorizzazioni disponibili (300-250 hp) non incide granché sul prezzo finale, probabilmente la più gettonata sarà quella che offre qualche cavallo in più.

7 nuove barche (11 metri) da vedere al Salone Nautico di Cannes

Pirelli 30 – Navigazione

Andiamo a fare rifornimento e mi sorprende subito la facilità di manovra negli spazi strettissimi di quest’angolo del porto. Si prende subito confidenza col mezzo, sulla plancia “minimalista” tutto è ben organizzato e il grande, leggibilissimo schermo multifunzione permette di avere sotto controllo ogni parametro di navigazione.

Usciamo dal porto. Condizioni ideali per una prova, in mare non c’è nessuno, peccato che sembra di stare nel Solent, si respira acqua, il cielo è plumbeo e arrivano le prime gocce di pioggia.
Prua a sud est, perpendicolare alla corta onda da scirocco, e su le manette, 500 giri alla volta. La progressione è dolce, a poco più di 2.500 giri siamo in planata a circa 18 nodi, non si sbatte, non si sente uno scricchiolio. Del resto, qui siamo davvero al top. Ted Mannerfelt ha mantenuto, in scala, la stessa filosofia progettuale dei fratelli più grandi pur preferendo, solo su questa dimensione, una carena senza step.

Viaggiamo come su un cuscino d’aria fino alla cruising speed di 25 nodi, con un consumo (stimato, i sensori non sono ancora tarati sul nostro esemplare) di una sessantina di litri/ora. Poi con un ruggito sale la velocità e l’adrenalina, tocchiamo agevolmente 46 nodi, l’onda di prua si fa sentire, rallentiamo per una virata stretta intorno a una petroliera all’ancora, apprezzando i tientibene piazzati proprio dove devono essere. La sensazione di sicurezza è massima, ma non forzo di più e mi fido: la velocità massima dichiarata di 54 nodi, non alla mia portata, è certamente alla portata di questa carena con questi motori.

Ci accorgiamo che piove, e tanto, solo quando rallentiamo per rientrare in porto. Il parabrezza, che potrebbe sembrare piccolo, in realtà ci ha protetto egregiamente da spruzzi e pioggia; solo ora che andiamo piano sentiamo la mancanza del T-Top, che fa parte di una lista di optional pensata con attenzione, com’è normale che sia per un prodotto di questo livello.

Eccoci di nuovo all’ormeggio, sbarco da poppa visto che lo spazio a fianco dei motori consente un agevole passaggio per saltare in banchina come per scendere in acqua. Sono bagnato ma felice di aver provato questo divertentissimo battello, reattivo e dolce allo stesso tempo, dove ogni dettaglio esprime qualità. Ma, infine, vale la differenza di prezzo rispetto alla concorrenza?
Chi più spende meno spende, recita il proverbio.

Niente di più vero.

Fabio Ratti

 

DIMENSIONI DIMENSIONS

Lunghezza f.t. LOA

9.80  m

Larghezza Beam

3.30 m

Pescaggio Draught

0.9 m

Disloc. Displacement

3.900  kg

IMPIANTI EQUIPMENT

Serb. combustibile Fuel tank

350 l

SALA MACCHINE ENGINE ROOM

Velocità massima Max Speed

54 kn

A BORDO On Board

Passeggeri Passengers

14

CONTACTS:  www.tecnorib.it

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Galeon 435 GTO

Galeon 435 GT: un cruiser veloce moderno in 12 metri

Tra le cinque barche al debutto al Miami Boat Show 2024 abbiamo menzionato modelli eterogenei per dimensioni e forma. Tra questa quella più “appariscente” a prescindere dalla lunghezza effettiva era probabilmente il nuovo Galeon 435 GT, 12 metri. Vediamo perché.

Torna su