I porti di Puglia sfidano la Croazia: ormeggi dove vuoi, basta una tessera

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Isola delle Femmine
Foto d’archivio

Ormeggiare senza pensieri nei porti che aderiscono: si arriva e ci si ferma quanto si desidera. È questa la formula vincente del Med Pass Port, una tessera che una volta acquistata permetterà a chi la possiede di ormeggiare nei porti turistici pugliesi di Vieste e Rodi Garganico (a cui se ne dovrebbero aggiungere anche altri).

Una demo di come dovrebbe essere la carta Med Pass Port

Come funziona il Med Pass Port

Avere la barca sempre nello stesso porto, magari vicino a casa, da una parte è comodo, dall’altra è vincolante. E per chi poi fa un noleggio settimanale la libertà di movimento è un grandissimo vantaggio. Porti di Puglia è un progetto di Assonautica italiana nato da un accordo con la regione Puglia. Si tratta di una sorta di ski-pass in cui gli impianti sono rappresentati dai porti. Si dove si entra con un unico contratto annuale o settimanale che offre una serie di servizi scontati su più marine.

 

La Puglia vuole i diportisti e fa sistema

Se un diportista ha quella tessera può muoversi liberamente tra i porti che aderiscono in totale serenità. Avere quindi porti coordinati tra di loro e con tutto quello che il territorio della Puglia (anche a terra) ha da offrire. La mossa punta anche a fare concorrenza alla vicina Croazia, creando una situazione vantaggiosa per i diportisti qui in Italia. Un sistema di porti, se tutto è ben coordinato, è certamente invitante sotto molti punti di vista.

A questo proposito per chi ha passato l’estate 2019 in Croazia è previsto il 20% di sconto sul listino transiti. Il progetto ad ora è in fase sperimentale nei porti di Vieste e Rodi Garganico, ma l’obiettivo è quello di estendersi anche alle altre marine pugliesi. Se “l’esperimento” dovesse dare i frutti sperati, il sistema “Porti di Puglia” potrebbe poi essere ripreso anche da altre realtà.

AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti di Barche a Motore, insieme con Giornale della VELA Top Yacht Design si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 29,90 euro!

Sostienici anche su Giornale della VELA Top Yacht Design!

 

 

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

barca chiara ferragni

Ferragni o Fedez? Chi si prende la barca dei Ferragnez?

A chi andrà “Raviolo” dopo la separazione tra Chiara Ferragni e Fedez che ha fatto impazzire il web? Raviolo è il nome del motoscafo Riva in legno che la coppia, quando era ancora assieme, ha deciso di acquistare nell’estate del

Ecco il primo fuoribordo a idrogeno per le barche “normali”

Di motori elettrici, finora, ne abbiamo visti tantissimi. Dai piccoli di Torqeedo al potentissimo Evoy da 300 cavalli. Concentriamoci sui fuoribordo. In questo scenario entra “a gamba tesa” Yamaha (forte anche dell’acquisizione recente di Torqeedo) e sotto le luci dei riflettori