Quick X2, lo stabilizzatore anche su una barca di 8 metri

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Lo stabilizzatore giroscopico MC² Quick Gyro X2 per barca è una delle novità dell’azienda italiana Quick. Nasce con l’obiettivo raggiungere barche di dimensioni ridotte rispetto a quelle già “stabilizzate” dal range Quick.

Lo stabilizzatore per la barca piccola (anche un 28 piedi)

Barche center console o day cruiser di piccola stazza, come l’Axopar 28 che vedete qui sopra, possono montare a bordo lo stabilizzatore giroscopico MC² Quick Gyro X2. È alimentato a 12V DC da batteria (senza quindi necessità di un generatore), ed è caratterizzato da un peso estremamente contenuto (circa 130 kg) e da un design compatto.

Come funziona uno stabilizzatore? Guarda il video qui sotto

www.quickitaly.com

GIROSCOPIO

Tra gli stabilizzatori “per tutti”, la grande crescita recente è stata quella dei giroscopici (sembrano una palla). Come in una trottola, usano il loro rapido girare per mantenere l’equilibrio intorno all’asse di rotazione. A bordo s’installa (non importa dove, il giroscopio funziona anche se montato sul fly bridge) una massa rotante, la cui dimensione varia in funzione del dislocamento della barca. Quando la barca inizia a rollare, la massa si sposta in modo tale da mantenere stabile il suo asse di rotazione, smorzando, di fatto, il rollio.

 

Rispetto ai sistemi a pinna, diminuisce la resistenza all’avanzamento, poiché non hanno parti immerse. Hanno una maggiore facilità d’installazione e dimensioni più compatte, tanto da essere interessanti anche per barche dagli otto metri di lunghezza in su. Attenzione, però, il giroscopio per essere efficiente deve arrivare al suo normale regime di rotazione (Spool-up): il che significa che, per farlo passare da spento a operativo, servono circa 30 minuti (in questa fase il consumo è maggiore rispetto al normale utilizzo). Così come serve altrettanto tempo, se non il doppio, per lo spegnimento totale (Spool-down). Il difetto è il peso che si aggiunge (da qualche centinaio di kg alla tonnellata) e l’idea di avere una massa di quelle dimensioni in perenne movimento a bordo.

Come funzionano e quali sono i migliori stabilizzatori per la barca 

 

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

barche usate natante cabinato

BARCHE USATE Vendono 4 natanti cabinati (fino a 8.9 m)

Barche per brevi crociere, l’ideale per chi passa da un piccolo open a qualcosa che gli permetta di dormire anche a bordo. Sono i natanti cabinati, scafi che nascono per unire il comfort della giornata sull’acqua ai piaceri del finesettimana