Perché scegliere la resina per rivestire la coperta? VIDEO

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Una tecnologia già protagonista con successo sulle navi da crociera si affaccia prepotentemente al mercato delle barche private. Stiamo parlando della resina utilizzata per rivestire la coperta, un materiale dalle caratteristiche uniche che può essere lavorato con la massima libertà.

Refit Style – La resina: un prodotto pluricertificato

L’ampio utilizzo della resina da parte dell’industria crocieristica non è solo garanzia di sicurezza, validità e durata nel tempo. Il prodotto ha ottenuto infatti anche la certificazione per il rispetto delle norme di sicurezza e inquinamento marittimo dell’Organizzazione Marittima Internazionale. Sika è l’azienda che fornisce a Refit Style, in esclusiva per il mercato della nautica da diporto, la resina allo stato liquido. Successivamente la resina viene lavorata da Refit Style per colate, a seconda delle scelte del cliente. Questo tipo di lavorazione permette di scegliere lo spessore che si vuole, a differenza degli altri rivestimenti sintetici per i quali si è legati a spessori predefiniti. La resina è estremamente versatile e si può modellare in diverse forme e tagli. Si possono creare spessori che arrivano al massello, volendo anche con un’anima in alluminio per alleggerire la colata di resina mantenendo comunque la solidità del pezzo, ad esempio per realizzare dei tientibene. Oltre al vantaggio della personalizzazione, la resina è un prodotto leggero ma resistente all’usura e ai grassi, che mantiene quindi nel tempo aspetto e proprietà antiscivolo. È facile da pulire, non si crepa e non subisce deformazioni o cambi di colore e resiste molto bene alle alte temperature.

Refit Style – Guarda il video per capire i vantaggi della resina

Refit Style – Personalizzazione massima grazie alla resina

Refit Style crea le sagome, sulla base del prodotto finale da realizzare, sia esso un rivestimento per la passerella, per la coperta o per il tavolo da pranzo. In una seconda fase la resina viene colata e solidificata, ma ha un aspetto lucido. Qui si interviene secondo i desideri dell’armatore levigando e lavorando i pannelli, per creare grip e tagli a seconda delle richieste.
L’intervento con una macchina a controllo numerico consente di fresare la resina creando disegni e forme, riproducendo loghi o scritte, senza porre limiti all’immaginazione. Qui sta un’altra grande differenza tra la resina, completamente personalizzabile, e gli altri tipi di rivestimento in sintetico, legati a forme e tagli standardizzati. I colori disponibili sono ben 15, ma è possibile anche creare colori diversi mescolando quelli presenti, per ottenere il colore desiderato. Una volta pronto il pannello CoolDeck, il nome commerciale del prodotto di Refit Style, viene incollato sulla coperta della barca con una colla strutturale, pronto per accompagnarvi per lungo tempo in mare.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Le barche da vedere al Salone Nautico di Venezia 2024

Torna il Salone Nautico di Venezia (29 maggio – 2 giugno) presso lo storico Arsenale. Oltre 240 imbarcazioni in acqua, trenta nuovi cantieri e ben 15 première mondiali. Non mancheranno i grandi nomi della nautica, tra cui i “big” del