Arriva il registro digitale per natanti (con tecnologia BlockChain)

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Diportochain
Diportochain

Il registro del diporto per i natanti è realtà. A idearlo è Noima, una start-up veneziana. Il progetto, ideato da Noima, startup veneziana e sviluppato grazie al partner tecnologico EZ Lab Blockchain Solutions di Padova, si chiama DiportoChain, un registro digitale che per la prima volta sfrutta la tecnologia blockchain per rendere unici e distintivi i natanti da diporto fino a 10 metri di lunghezza.

Diportochain, il registro diporto per natanti

Accedere all’identità digitale di un natante da diporto, tracciarne l’intera vita, dall’acquisto fino alla vendita, passando per le attività di manutenzione, le migliorie, le cessioni in totale riservatezza. Tutelandone così la proprietà e il valore nel tempo nel pieno rispetto della privacy e mantenendo l’anonimato. Il tutto basandosi su informazioni immutabili e protette, facilmente accessibili sul proprio smartphone attraverso la lettura di un QR Code posizionato sul natante. Queste le prerogative del sistema.

Perché è utile

Ad oggi la normativa italiana non prevede alcun obbligo di registrazione o di immatricolazione per i natanti di piccole dimensioni. Una lacuna normativa che genera un indubbio svantaggio per la mancanza di tutele sul bene acquistato che, essendo privo di unicità, rimane esposto a molteplici rischi, fra i quali il furto, la perdita di valore, la manomissione. DiportoChain prova a rispondere a questa necessità e che consente di valorizzare il bene rendendo sicuri e immutabili i dati registrati che il proprietario sceglie di notarizzare.

«Siamo sempre attenti a nuove soluzioni che possano migliorare e valorizzare i servizi del mondo nautico» dice Dario Malgarise, Direttore della Scuola Vela Tito Nordio ed ex componente dell’equipaggio di Luna Rossa, «per questo riteniamo che avere un sistema come DiportoChain, che permette di identificare i natanti da diporto, consenta di portare valore aggiunto al settore e una spinta all’innovazione in un mercato poco tutelato da normative».

DiportoChain è pensato per concessionari e noleggiatori, perché permette di incrementare il valore del bene acquistato o noleggiato dal cliente; per cantieri e officine di riparazione, che possono registrare la nascita del natante attraverso un codice identificativo e tenere traccia di riparazioni e migliorie; per porti turistici e circoli nautici, che potranno monitorare l’accesso grazie all’invio di un semplice QR Code che identificherà il natante con un sistema semplice, veloce ed efficace; per le compagnie assicurative, rendendo possibile la stima precisa del valore del natante e quindi del suo capitale assicurabile, ma anche per i proprietari privati che potranno tenere traccia di manutenzioni, modifiche ed equipaggiamenti del proprio natante che acquista così più valore sul mercato.

Come funziona diporto chain

Sono sufficienti pochi click per effettuare la registrazione collegandosi al portale www.diportochain.it (leggi qui) e indicando i dati che vorrà veicolare il proprietario quali: caratteristiche, dimensioni, modello, foto. Le informazioni inserite saranno blindate grazie alla tecnologia blockchain utilizzata che garantisce l’anonimato e la riservatezza dei dati.

Il servizio basato sulla tecnologia blockchain genera una Targa virtuale immutabile che accompagnerà il natante nel tempo allo scopo di valorizzarne l’investimento anche grazie ai Non-FungibleToken (NFT) che ne registrano il passaggio di proprietà. In questo modo il natante diventa unico e distintivo rispondendo alla necessità di tutela del valore. Al termine del processo di registrazione viene inviata all’utente la targa con QR Code da applicare al natante, una carta d’identità digitale che può essere consultata attraverso la scansione del QR Code e scoprire così la sua storia.


SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DI BARCHE A MOTORE

Interviste, prove di barche, webinar. Tutto il mondo delle barche a motore, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

NON PERDERTI I MIGLIORI ARTICOLI! 

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Arriva il registro digitale per natanti (con tecnologia BlockChain)”

  1. Pingback: DiportoChain. È digitale il primo registro dei piccoli natanti - blum.vision - Business as a medium

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L'impianto di produzione di Chiavari - Sanguineti

Sanguineti cresce ancora e punta triplicare i ricavi nel 2026

Da una parte c’è una dimensione artigianale rappresentata da Sanguineti, un’azienda ligure di Chiavari con 65 anni di esperienza nella costruzione di equipaggiamenti ricercati e di alta qualità per superyacht. Specializzata nella produzione di passerelle, scale multifunzione, gru per tender,

Beneteau Swift Trawler 41

Come diventare skipper (in regola) e lavorare sulle barche

Lo aspettavamo da tempo e finalmente è arrivato. Ecco il decreto che spiega come si svolgerà l’esame per diventare “Ufficiale del diporto di II classe“. Questa nuova figura, pensata per l’Italia e le barche battenti bandiera italiana (anche adibite a