Registro telematico, ecco come immatricolare la barca

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Avete appena comprato una barca e volete immatricolarla? È arrivato, dopo tanti anni, l’atteso registro telematico. I dati saranno quindi digitalizzati su un Archivio Telematico Centrale (Actn).

Dal 1° gennaio si potranno iscrivere tutte le barche

Per adesso sono solo le barche nuove a poter essere iscritte in automatico al nuovo registro, mentre a partire dall’1 gennaio 2020 si potrà procedere con l’iscrizione delle barche non nuove.

Arriva lo Sted

L’accesso all’’Archivio Centrale si potrà fare attraverso lo sportello telematico del diportista (STED). In sostanza si tratta di un sistema di uffici dove dovranno essere effettuate le immatricolazioni e che serviranno per ogni genere di pratica amministrativa. Per adesso gli STED attivi sono le Capitanerie di Porto e gli uffici provinciali della Motorizzazione, ai quali si stanno aggiungendo agenzie e studi di consulenza.

Come immatricolare la barca

Per le barche nuove: i cantieri sono tenuti a comunicare a UCINA il numero di telaio dell’unità costruita (questo passaggio serve, ci hanno raccontato dalla Confindustria Nautica – che si è battuta per anni in favore dell’istituzione del Registro -, per “omogeneizzare” un mondo complesso, dove è più consistente, rispetto al mondo delle auto, il fenomeno dell’autocostruzione) e quest’ultima lo comunicherà alla Motorizzazione Civile.

Nel momento in cui si andrà a immatricolare la barca presso lo STED, il numero di telaio dichiarato dall’armatore dovrà coincidere con quello già presente nell’Archivio. Una volta avvenuta l’immatricolazione, il numero di telaio sarà cancellato e non si potranno più iscrivere barche utilizzando tale numero.

Per quanto riguarda le barche già immatricolate con metodo non digitale l’iscrizione potrà avvenire a partire dal prossimo gennaio: non sarà gratuita. Sia in caso di iscrizione di scafo nuovo o re-iscrizione, la tariffa sarà di 35,38 euro (più 16 euro di marca da bollo).

Ecco il dettaglio di tutte le tariffe dello STED

Qui sotto il video sulle funzioni di immatricolazione di barche da diporto

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

barca chiara ferragni

Ferragni o Fedez? Chi si prende la barca dei Ferragnez?

A chi andrà “Raviolo” dopo la separazione tra Chiara Ferragni e Fedez che ha fatto impazzire il web? Raviolo è il nome del motoscafo Riva in legno che la coppia, quando era ancora assieme, ha deciso di acquistare nell’estate del

Ecco il primo fuoribordo a idrogeno per le barche “normali”

Di motori elettrici, finora, ne abbiamo visti tantissimi. Dai piccoli di Torqeedo al potentissimo Evoy da 300 cavalli. Concentriamoci sui fuoribordo. In questo scenario entra “a gamba tesa” Yamaha (forte anche dell’acquisizione recente di Torqeedo) e sotto le luci dei riflettori