Questa piccola meraviglia è il Rio Espera (6.9 m), il primo Rio di sempre – Classic Boats

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

 Rio Espera
Rio Espera

Rio Yachts è un nome evocativo nella nautica nostra contemporanea, casa di barche performanti e di qualità, forti di una grande tradizione cantieristica e del fregio del Made in Italy. Ma, se oggi il nome evoca bolidi come il Daytona 35 o gli ormai prossimi Le Mans, i suoi albori non sono forse altrettanto noti, sebbene più che degni di essere ricordati e celebrati. È proprio guardando a questi, infatti, che troviamo alcuni tra i più grandi classici della nautica nostrana (e non), icone della Dolce Vita come il Rolls Rio e, ancor più, forse, il Rio Espera, il primo Rio di serie.

Rio Espera – Il primo Rio

Sarnico è un luogo di semi-culto per gli appassionati di nautica, la culla natale di Rio e Riva. E fu proprio qui che, sul finire degli anni ‘50, l’allora Avionautica Rio iniziò la sua conversione verso l’industria nautica, abbandonando la produzione di alianti. Nascono le fondamenta di Rio, e con queste un piccolo 6.60 metri (poi portato a 6.9) destinato a passare alla storia: il Rio Espera. Piccolo, agile ed elegantissimo, è lanciato nel 1961 e sarà subito un successo, uno scafo “pop” destinato a lanciare l’intera linea cantieristica, segnando il nome del cantiere nella storia.


  • Hai una barca storica e significativa con più di 25 anni? Leggi quest’articolo!
  • Ti interessa l’argomento Classic Boats? Visita la nostra raccolta di articoli dedicati cliccando qui.
Rio Espera
Rio Espera (variante TA, con prendisole incassato)

Rio Espera – Design e layout

Parlando di Classic Boat e di Dolce Vita è quasi inevitabile non confrontarsi con scafi dalle linee senza tempo, forti di un’eleganza evergreen che sembra, talvolta, ormai irraggiungibile. È in un panorama di questo tipo che si inserisce il Rio Espera. Legno è, ovviamente, la parola d’ordine, il primo elemento ad emergere, cuore pulsante di uno scafo più che classico. La prua è breve, un dritto prodiero con poco slancio, subito equilibrato dalla coperta, pulitissima e immediatamente contraddistinta da due varianti: una “classica”, con poppa coperta e prendisole “installabile”, ed una “TA”, ovvero con prendisole incassato in coperta, appena sopra i vani motore (nella foto superiore).

Rio Espera

Escluse le possibili differenze dovute alla variante e, quindi all’area solarium, il Rio Espera risulta poi un progetto pulito e pressochè minimale in termini di spazio. Da buon runabout anni ‘60, il pozzetto prende vita dal centro barca verso prua, con un parabrezza curvo a proteggerne gli occupanti. Qui, due file di sedili servono, a prua, la timoneria e due eventuali passeggeri, offrendo ulteriori 3 posti in un divanetto appena a poppa, servito da tavolino abbattibile.

Dettaglio del pozzetto

In quanto a linee, lo slancio ed il dinamismo sono dati dal complesso dello scafo, che passa da una fase convessa dell’opera morta poppiera a quella acuta che va a chiudere nel dritto di prua, creando linee e disegni non solo piacevoli esteticamente, ma anche funzionali, capaci contemporaneamente di deflettere gli spruzzi, così come di garantire prestazioni elevate e buona maneggevolezza. Rispetto ai contemporanei riva, lo specchio di poppa è a delta esterna, anzichè ricurvo, ed è privo di un accesso all’acqua.

Rio Espera

Rio Espera – Motorizzazione e performance

Venendo alle specifiche tecniche, i primi modelli di Espera, ancora lunghi 6.60 metri, vedevano installato un singolo motore V8 Chris Craft da 185 cavalli. Una volta, però, allungato lo scafo a 6.9 metri, saranno invece offerte due distinte opzioni: un singolo Chris Craft da 230 cavalli o, in alternativa, un Chrysler da 330. Il serbatoio rimane sempre da 165 litri, mentre, la velocità massima, corrisponde a 37 nodi.

Rio Espera – Scheda Tecnica

Anno di inizio produzione 1961
Lunghezza Fuori Tutto (LOA) 6.60 m / 6.90 m
Baglio Massimo (B.max) 2.2 m
Pescaggio 0.48
Dislocamento 1300 kg
Motorizzazione primi esemplari 1x Chris Craft  V8 “283” da 185 CV
Motorizzazione successiva 1x Chris Craft V 8 230 CV

1x Chrysler 330 CV

Velocità massima 37 kn
Capacità serbatoio 165 lt.
Persone imbarcabili 6
Contatti rioclassicboats.com

Potrebbe interessarti anche:

Rolls Rio (6.7 m): questa barca bellissima è una Rolls Royce dei mari, letteralmente

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Barche cult, la vera storia del primo Princess 45 (14 m)

Il mondo della nautica non è fatto solo di scafi nuovi e scintillanti, appena usciti di cantiere. Anzi, per la maggior parte, si compone di scafi usati, barche passate anche per diverse mani e che, nonostante tutto, nonostante le miglia,

BARCHE USATE Vendono tre open (7 metri) sotto i 40mila euro

Se cerchi una barca usata per l’estate ad un prezzo interessante, ti consigliamo di dare un’occhiata alla nostra sezione degli annunci. Abbiamo scovato tre modelli entry-level, sotto i 40mila euro, per chi vuole una barca quest’estate. Vuoi vendere la tua barca?