I tre Riva classici più belli di sempre (e quanto valgono oggi)

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Riva, motoscafi cult. Abbiamo chiesto a Romano Bellini, di Bellini Nautica, tra i più grandi esperti in Italia di Riva, quali sono i tre modelli che hanno fatto storia. La risposta per alcuni è quasi ovvia.

  • Aquarama
  • Tritone
  • Ariston

Sono loro i “fantastici tre” fra i motoscafi Riva d’epoca che hanno fatto storia (leggi qui l’articolo completo). C’è anche un modello più bello? Secondo l’Ingegner Carlo Riva (e non solo) è l’Ariston,  per la purezza della sua linea. E chi può dargli torto?

Riva, motoscafi che hanno fatto storia

1950 – TRITONE

Nel 1950 fa la sua comparsa il Tritone. Questo motoscafo Riva è il papà dell’Aquarama ed è un bimotore di 8.05 metri dal sapore retrò. Prima un po’ “snobbato”, oggi è tornato in auge. Per un modello originale restaurato e in perfette condizioni il valore si aggira intorno ai 400.000 €.

motoscafi Riva - Tritone 1958 a Lake Martin- Luisiana
Tritone 1958 a Lake Martin- Luisiana

1950 – ARISTON

Nello stesso anno fa la sua comparsa anche un altro motoscafo Riva che diventerà leggendario: l’Ariston. Lungo 6.24 metri, (quasi sette nella versione Super Ariston come nella foto sopra) è considerato il Riva con le linee più belle di sempre, tanto che se ne trovano pochissimi in vendita. Un Ariston restaurato (sempre in perfette condizioni) vale tra i 150.000 e i 200.000 €. Alcune versioni particolari, però, toccano anche i 380.000 €.

motoscafi Riva - Un Riva Ariston a New York
Il Riva Ariston “Dolce Vita” a New York

1962 – AQUARAMA

Una rivista britannica negli Anni ’90 lanciò un sondaggio tra i propri lettori: qual era il nome di barca più conosciuto. Risposta? Aquarama. Questo motoscafo è l’emblema del cantiere Riva, evoluzione del Tritone. Bimotore di 8.65 metri è rimasto in produzione fino al 1996 finché c’erano maestri d’ascia in grado di lavorare i legni. Un Aquarama “terza serie” restaurato vale oggi tra i 650.000 € e i 700.000 €

Aquarama
Aquarama Sul Lago Tahoe California

Un ringraziamento speciale a Piero Maria Gibellini, presidente della Riva Historical Society, per le foto.

L’articolo completo su Barche a Motore N.13 da pagina 68

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Ecco il primo fuoribordo a idrogeno per le barche “normali”

Di motori elettrici, finora, ne abbiamo visti tantissimi. Dai piccoli di Torqeedo al potentissimo Evoy da 300 cavalli. Concentriamoci sui fuoribordo. In questo scenario entra “a gamba tesa” Yamaha (forte anche dell’acquisizione recente di Torqeedo) e sotto le luci dei riflettori

Sistema di ormeggio autonomo - Brunswick-Apex

A.I. di bordo! Questo software ormeggia la barca al posto tuo

L’intelligenza artificiale sbarca nel mondo della nautica, con il progetto firmato Brunswick Corporation e Apex.Ai. Il gruppo americano di cui fanno parte – tra le altre – il marchio produttore di elettronica Navico, quello dei motori Mercury Marine e il

Torna su