fbpx

Rottamare la barca? In Italia è un casino, in Svezia è gratis

Tutte le novità di Navico, il colosso che guarda sempre avanti
30 novembre 2018
Tieni d’occhio la barca anche da casa!
1 dicembre 2018
svezia barche a motore

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

svezia barche a motoreIn Italia rottamare le barche a motore non è un gioco da ragazzi, anzi è particolarmente complicato. Non esistono veri servizi di demolizione degli scafi in vetroresina perché il costo del disassemblaggio supera di gran lunga quello che sarebbe il valore del materiale riciclabile. La situazione è in realtà più complicata di quanto non possa sembrare.

Poniamo il caso di un armatore in possesso di una barca ormai inutilizzabile. Per prima cosa è comunque tenuto a pagare i costi di ormeggio, rimessaggio e l’assicurazione che a seconda delle dimensioni dello scafo può crescere fino a raggiungere cifre molto considerevoli durante l’anno. La situazione è paradossale al punto che un operatore ci ha raccontato che spesso il modo “più conveniente” è quella di lasciare affondare la barca, scelta gravemente sbagliata sotto tantissimi punto di vista, in primis per ciò che riguarda l’ambiente marino.

Si muove qualcosa all’orizzonte per risolvere questo problema?

Qualcosa si muove, sì, ma non Italia, dove il governo si trova “in alto mare”, per restare in tema, sia con il nuovo Registro Telematico che era stato annunciato dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, al Salone Nautico di Genova, sia con la questione “porti in cui si annunciava un programma di rilancio degli approdi attraverso la soluzione definitiva del contenzioso sulla retroattività dell’aumento dei canoni demaniali. Nessuna di queste due tematiche sembra destinata ad avere soluzioni e sviluppi sostanziali in tempi brevi.

Altra aria, invece, quella che si respira nella fredda Svezia. I proprietari di barche svedesi possono rottamare gratuitamente (fino al 31 dicembre) le loro vecchie barche quest’anno, per concessione dell’Agenzia nazionale per la gestione delle risorse marine e idriche (300.000 euro di sussidi).

Non è una manovra di poco conto: pare che quasi 500 imbarcazioni, di peso inferiore alle tre tonnellate, saranno ritirate dal mercato e rottamate quest’anno (unico costo a carico degli armatori: il trasporto verso il sito di demolizione, gestito dalla società Stena Recycling). Da sottolineare il fatto che le barche demolite saranno tutte riciclate. Secondo l’agenzia succitata, la Svezia ha circa 64.000 imbarcazioni abbandonate o inaffidabili su una flotta totale di circa 900.000 imbarcazioni. Solo una piccola parte di queste è stata demolita prima della nuova iniziativa.

SCOPRI TUTTE LE NEWS A TEMA MEDPLASTIC

TEMPO DI AGIRE
Time to Take Action (tempo di agire) è lo slogan di Medplastic, il progetto del Giornale della Vela e di Barche a Motore per la salvaguardia del Mediterraneo. Iscrivetevi al gruppo Facebook MedPlastic Team, lì potete postare notizie, progetti, fotodenunce, video. Partecipate poi al contest Instagram NO Plastic (mandando una foto alla nostra inbox instagram – @giornaledellavela – o sul gruppo Medplastic Team, come hanno fatto tutti gli autori delle foto che vi mostriamo qui): premieremo le migliori testimonianze al VELAFestival 2019. In più, se avete progetti strutturati da proporre che pensate possano essere utili alla “causa”, mandate una mail a savethemed@gmail.com.

Partecipa alla discussione anche tu!

shares