Santelmo F50p è la navetta (15 m) a idrogeno fatta da due giovani italiani

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Santelmo, la startup fondata da due giovani milanesi classe 1991, Michele Chierici, ingegnere nautico, e Marta Ghirardelli, architetto specializzata in costruzione complesse, ha svelato, in occasione del Fuorisalone di Milano, una rivoluzionaria linea di barche realmente ecosostenibili realizzate in lega di alluminio e alimentate a idrogeno.

La nuova navetta di 15 metri, alimentata ad idrogeno, è stata presentata da Santelmo al Fuorisalone di Milano
La nuova navetta di 15 metri, alimentata ad idrogeno, è stata presentata da Santelmo al Fuorisalone di Milano

Santelmo lancia la sua idea di nautica sostenibile

Per il suo esordio nella nautica Santelmo ha scelto il Fuorisalone di Milano. Startup innovativa, inserita all’interno dell’incubatore Noi Techpark di Bolzano, si prefigge l’obiettivo di rivoluzionare il mondo della nautica. Come? Con un’offerta di modelli mai visti prima sul mercato: yacht costruiti in lega di alluminio, dotati di propulsione green alimentata a idrogeno (fuel cell) e composti per più del 90% da materiali riutilizzabili.

Michele Chierici, ingegnere nautico, e Marta Ghirardelli, architetto specializzata in costruzione complesse, sono i due giovani fondatori di SANTELMO
Marta Ghirardelli, architetto specializzata in costruzione complesse, e Michele Chierici, ingegnere nautico

Ci siamo accorti che sul mercato manca un’offerta di imbarcazioni realmente sostenibili, sia per l’ambiente che per gli operatori che vi lavorano. Il nostro obiettivo è offrire gli yacht ecosostenibili più performanti sul mercato, che combinano le migliori tecnologie con il più alto grado di sostenibilità ambientale e sociale, dalla costruzione all’utilizzo, fino allo smaltimento della barca stessa. Il processo costruttivo, inoltre, sarà reso maggiormente efficiente evitando i trasporti su gomma: scafo, coperta e sovrastruttura saranno realizzati da Bloemsma, noto cantiere olandese, e successivamente trasportati via nave”.

Santelmo F50P: yacht riciclabili ed ecosostenibili

L’attenzione all’impatto ambientale viene confermato delle caratteristiche fondamentali della gamma. I materiali con cui vengono realizzati gli yacht sono al 90% riutilizzabili – con un grande vantaggio per il problema dello smaltimento a fine vita della barca – e la costruzione delle imbarcazioni non comporta trasporti su gomma. Scafo e sovrastruttura sono infatti realizzati da Boesma, cantiere olandese con base a Makum, e successivamente trasportati via nave in Sardegna, dove lo yacht viene allestito e poi consegnato all’armatore, sempre via mare.

Redendering della nuova navetta da 15 metri di SANTELMO
Redendering della nuova navetta da 15 metri di SANTELMO

Santelmo F50P: lo yacht ad idrogeno

La startup sta studiando nuove soluzioni anche per la reperibilità dell’idrogeno. Santelmo, in collaborazione con alcuni partner, è impegnata nella realizzazione di una rete di stazioni di rifornimento presso i maggiori porti del Mediterraneo e del Nord Europa. Hofer Powertrain, fornitore di sistemi propulsivi con base in Germania, si occuperà della realizzazione dei propulsori elettrici alimentati dalle fuel cell installate sulle nuove barche.

Santelmo F50P

A settembre 2024 verrà presentato il primo modello: F50P. Una navetta di 15 metri, che abbiamo intravisto sotto un intreccio di fili di tessuto dell’installazione The Weaving of Details, progettata da Santelmo e DKT Artworks (team di artisti e artigiani specializzato nella produzione di finiture decorative di alta gamma), il cui layout risponde al crescente desiderio di un contatto profondo con la natura. Un focus particolare è stato posto alla progettazione degli ampi spazi aperti e alla postazione di guida, che garantisce una visuale ampia e una manovrabilità semplice. I modelli successivi di questa prima linea avranno lunghezze diverse e layout interni adattabili alle esigenze degli armatori.

Giacomo Barbaro

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Ecco il primo fuoribordo a idrogeno per le barche “normali”

Di motori elettrici, finora, ne abbiamo visti tantissimi. Dai piccoli di Torqeedo al potentissimo Evoy da 300 cavalli. Concentriamoci sui fuoribordo. In questo scenario entra “a gamba tesa” Yamaha (forte anche dell’acquisizione recente di Torqeedo) e sotto le luci dei riflettori

Sistema di ormeggio autonomo - Brunswick-Apex

A.I. di bordo! Questo software ormeggia la barca al posto tuo

L’intelligenza artificiale sbarca nel mondo della nautica, con il progetto firmato Brunswick Corporation e Apex.Ai. Il gruppo americano di cui fanno parte – tra le altre – il marchio produttore di elettronica Navico, quello dei motori Mercury Marine e il

Torna su