Sciallino 23 Hybrid (8 m), la barca classica ibrida e sostenibile

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Sciallino 23 Hybrid - Visto da prua
Sciallino 23 Hybrid – Visto da prua

Con lo Sciallino 23 Hybrid il cantiere ligure ha deciso di compiere un passo decisivo verso la svolta green. Conserva le linee classiche il nuovo fisherman di Sciallino, ma nella versione ibrida diventa un’alternativa vantaggiosa per laghi e aree interdette ai motori endotermici. Ed è solo il primo della gamma!

Sciallino 23 Hybrid – La svolta green del cantiere ligure

Quando si parla di linee classiche, Sciallino è un’istituzione. Per fare un paragone con i mezzi terrestri potremmo definirla come la “moto Guzzi” del mare, quell’idea di affidabilità e di radici antiche, ma anche capacità di evolversi e resistere al passare del tempo e delle mode.

Il classico che non tradisce, insomma, ma che rispecchia tutta una serie di valori a cui un certo tipo di utente è profondamente affezionato. In entrambi i casi difficilmente sentirete qualcuno dirvi “ho una barca” oppure “ho una moto”. Vi diranno “ho una Guzzi” oppure, appunto, “uno Sciallino“.

Nel caso marino vediamo questo cantiere farsi pioniere nelle nuove tecnologie dimostrando una sensibilità non affatto scontata sulle tematiche ambientali. Non tutti sanno, infatti, che già nel 2011 Sciallino lanciò un modello ibrido in Giappone, progetto che oggi trova seguito con la nascita del nuovo Sciallino 23 Hybrid, con il primo esemplare consegnato sul Lago di Garda nella primavera scorsa.

Sciallino 23 Hybrid - Visto da prua
Sciallino 23 Hybrid – Visto da prua

“Non è solo questo modello – ci spiega Gianarnaldo Moreno che, con la sorella Benedetta, rappresenta la seconda generazione della famiglia Moreno oggi alla guida anche del brand Sciallino, rilevato nel 2015 – ma tutta la gamma che può essere ibrida. Possiamo dire che, se siamo riusciti a far stare tutto il pacchetto ibrido, più ingombrante di un semplice motore termico sul 23, con gli altri la strada è già tracciata e in discesa”.

Sciallino e la sostenibilità

Per rendere un’unità sostenibile al 100% c’è molta strada da fare, non solo per ciò che riguarda le emissioni, ma anche per la filiera. È un discorso troppo ampio e ci porterebbe fuoritema. Certamente, però, una barca è più sostenibile se la sua produzione cerca, per quanto possibile, di limitare l’impatto sul mondo. In questo senso gli impianti dove vengono costruiti gli scafi Sciallino sono dotati di un impianto fotovoltaico già da 10 anni e questo, da solo, copre gran parte del fabbisogno energetico.

Un investimento importante che dimostra una profonda sensibilità dell’azienda e delle persone che la guidano, confermata anche dal recente acquisto di un nuovo capannone per allargare la produzione. Non sono solo esigenze logistiche, ma anche una garanzia di maggiore attenzione per i collaboratori che avranno spazi più ampi in cui lavorare al meglio ogni barca, fattore fondamentale per un cantiere boutique di medio-piccole dimensioni che ad ogni progetto dedica molte attenzioni.


L’articolo continua sotto


  • Potrebbe interessarti anche:

Il Patrone 100 (10 m) è fascino puro. La prova di un vero gozzo moderno


Sciallino tra alimentazione ibrida e design tradizionale

Tornando al classico che abbraccia la sostenibilità, il varo del nuovo Sciallino 23, il più piccolo tra i cabinati del marchio, chiude oggi il cerchio o, meglio, apre un nuovo filone. La nuova versione unisce alla solidità e all’eleganza delle barche liguri i vantaggi dell’elettrico e lo rende adatto alle navigazioni sui laghi o, in generale, in zone dove gli endotermici sono interdetti. In più i due motori, diesel ed elettrico, possono funzionare in sincrono per offrire un picco in più di potenza.

A livello tecnico sullo Sciallino 23 Hybrid è stato installato un Nanni diesel N.4 da 115 cavalli con invertitore ZF45A combinato con un SPM 132, motore elettrico a magneti permanenti con potenza nominale di 12 Kw, circa 16 cavalli, a 1400 giri. A rifornire questo motore c’è un pacco batterie da 12V – 90Ah. Tra gli ultimi nati del cantiere, già predisposto a diventare ibrido, c’è anche un modello che sta riscuotendo molto successo: lo Sciallino 34 Fisherman.

Un natante (lunghezza scafo di 9.97 m) Sciallino che fuoritutto arriva a quasi 12 metri, a bordo del quale viene coniugata una linea classica ed elegante con la sportività e, soprattutto, la tenuta al mare di un cabinato da pesca adatta all’armatore di oggi. I vantaggi della pilotina da pesca fanno il paio con un importante luminosità interna che si nota non appena si accede, ma anche con una motorizzazione decisamente superiore rispetto al 23 che permette, con due motori da oltre 300 cavalli, di toccare i 28 nodi. Immaginatevi, però, di essere a bordo e di poter spegnere il diesel e, accompagnati solo dal rumore dell’acqua, avvicinarvi spinti dall’elettrico a quelle acque dove le barche endotermiche generalmente non possono entrare.

Scheda tecnica – Sciallino 23′ Hybrid

 

Sciallino 23 Hybrid - Layout coperta
Sciallino 23 Hybrid – Layout coperta
Sciallino 23 Hybrid - Layout coperta
Sciallino 23 Hybrid – Layout coperta
Lunghezza Fuori Tutto (LOA) 7.93 m
Larghezza (Beam max) 2.5 m
Pescaggio (Draught) 0.62 m
Dislocamento (Displacement) 3.5 t 
Motorizzazione Nanni diesel  N.4 115 hp con invertitore ZF45A + Motore ibrido SPM 12Kw 48VDC + Set Batterie (12V – 90Ah)
Velocità Massima (Max speed) 18 kn
Velocità di Crociera (Cruising speed) 12 kn
Capacità Serbatoio Carburante (Fuel) 280 lt.
Capacità Serbatoio Acqua (Water) 200 lt.
Bagni 1
Posti Letto 2 + 1
Contatti sciallino.net

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

7 commenti su “Sciallino 23 Hybrid (8 m), la barca classica ibrida e sostenibile”

  1. Ohhhh!!! Finalmente una barca vera e non quelle ridicole stupidaggini da calciatore in vacanza! Unico difetto: l’elettrico! Non posso credere che anche Sciallino abbia ceduto alle lusinghe di questa moda insulsa, che tra l’altro, per fortuna, sembra già avviarsi velocemente alla sua fine. Dunque era meglio evitare

    1. Bartolo Misiani

      Non sono un fan dell’ elettrico, ma credo che i giorni contati ce l’abbiano i motori diesel, benzina entrobordo e fuoribordo che siano. E la nautica è terribilmente indietro, privilegia velocità e potenza, fregandosene dell’inquinamento. L’ibrido mi sembra il minimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche