Seakeeper Ride, così la barca è sempre in assetto in automatico

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Il sistema Seakeeper Ride si installa direttamente dello specchio di poppa, sotto alla linea di galleggiamento

Finalmente arriva in Italia una grande novità che riguarda il mondo della stabilizzazione delle imbarcazioni. Stiamo parlando del sistema di stabilizzazione di assetto dinamico Seakeeper Ride, una soluzione completamente automatica che si installa a poppa, progettata per mantenere la barca stabile. Da oggi il Ride ha un importatore italiano, il distributore Indemar con sede a Busalla (Genova). Ma come funzionano questi accessori che promettono di ridurre i movimenti della barca ed eliminare il problema del mal di mare? Ve lo spieghiamo!

Un sistema di stabilizzazione completo

Seakeeper è un marchio che avrete sicuramente già sentito nel mondo dell’accessoristica nautica, e in particolare nel settore della stabilizzazione giroscopica. Se la “grossa sfera” dello stabilizzatore giroscopico era dedicata principalmente all’eliminazione del rollio, il nuovo Ride è un sistema unico di controllo completo dell’assetto della barca (VACS, Vessel Attitude Control System) che utilizza tecnologie di derivazione aerospaziale.

Seakeeper Ride è progettato per eliminare fino al 70% i movimenti di beccheggio, rollio e imbardata in navigazione, a bordo di imbarcazioni fino a 35 piedi (circa 10,7 metri) di lunghezza. I controller che compongono il sistema vengono installati sotto alla linea di galleggiamento dello scafo, direttamente sullo specchio di poppa. Un sistema misto composto da hardware e software di rilevamento inerziale (brevettato) è in grado di rilevare il movimento dello scafo lungo i tre assi, registrando oltre 1.000 parametri diversi. A questo punto entra in gioco l’attuatore, che viene comandato per contrastare il comportamento dello scafo sulle onde, agendo con 100 regolazioni al secondo.

Attuatori rotanti: ecco perché

Gli attuatori utilizzati dal sistema Seakeeper Ride sono rotanti (a differenza di altri sistemi che utilizzano i pistoni lineari) e si muovono a una velocità che può raggiungere i 300 mm al secondo. Questi vanno ad attivare i controller, che muovono lo specchio di poppa andandolo ad alzare o abbassare, regolando così l’assetto della barca secondo per secondo. Il vantaggio è quello di avere una barca più ferma e più stabile, quindi più sicura e confortevole per tutte le persone a bordo. Inoltre una barca che naviga meglio sull’onda è una barca più efficiente, che consuma meno carburante.

Seakeeper Ride impedisce che la barca si inclini per uno spostamento di pesi a bordo, allineandosi all’angolo di avanzamento ottimale e regolando l‘angolo di sbandamento in virata a qualsiasi velocità in maniera completamente automatica. Il sistema si comanda direttamente dal display multifunzione (è compatibile con la maggior parte dei prodotti di ultima generazione) oppure da un pannello di controllo dedicato, disponibile come optional.

Seakeeper Ride: anche in refit!

 

Seakeeper Ride 450 – Per barche Fino a 26 piedi

Il bello del sistema Ride è che prima era un sistema disponibile solo in fase di acquisto di un’imbarcazione nuova, sostanzialmente un optional da richiedere al cantiere che si occupa della costruzione. Ora invece il sistema è disponibile anche per l’installazione aftermarket, ad esempio in sede di refit, su qualsiasi tipologia di imbarcazione con lunghezza compresa tra 19 e 35 piedi (circa 5,5-10,7 metri). L’azienda però è già al lavoro per lavorare all’implementazione di Seakeeper Ride anche su imbarcazioni più grandi. I modelli attualmente in commercio sono tre:

  • Seakeeper Ride 450 – Per barche Fino a 26 piedi
  • Seakeeper Ride 525 – Per barche da 27 a 30 piedi
  • Seakeeper Ride 600 – Per barche da 31 a 35 piedi

I sistemi Seakeeper Ride sono disponibili in pronta consegna presso il distributore italiano Indemar di Busalla

indemar.com


Potrebbe interessarti anche:

BARCHE USATE Vendono cinque “chicche” da 6 a 11 m

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Seakeeper Ride, così la barca è sempre in assetto in automatico”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Riva El-Iseo - In nav

Il primo motoscafo elettrico di Riva vola a 40 nodi

Si chiama El-Iseo il primo passo dello storico marchio di motoscafi Riva nel mondo dell’elettrico. Abbiamo dovuto attendere un po’, ma alla fine il risultato sembra un’imbarcazione davvero innovativa e un caso unico nel segmento dell’E-Luxury. L’impegno principale del cantiere, infatti,