Sergio Davì è arrivato nell’Oceano Pacifico (in gommone)!

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Sergio Davì sta facendo da Palermo a Los Angeles in gommone. Lo avevamo sentito subito dopo l’impresa di 1.700 miglia nautiche non stop: la traversata dell’Atlantico. Guarda qui l’intervista e la storia del suo record. Oggi aggiungiamo un nuovo capitolo. Partito dalla Guyana Francese, la tappa d’atterraggio dopo l’Atlantico, il navigatore ha toccato l’Oceano Pacifico, passando per il Canale di Panama.

Sergio Davì è arrivato nell’Oceano Pacifico

Nell’intervista che gli avevamo fatto dopo la traversata, Sergio aveva dichiarato che il Canale di Panama era un’incognita. Nella realtà l’operazione di transito nel Canale di Panama è stata definita lunga e delicata. Da una parte la navigazione di 8 ore e mezza per fare 49 miglia nautiche (avvenuta in notturna): qui occorre seguire con molta attenzione le istruzioni fornite dall’Autorità del Canale. Dall’altra le fasi di autorizzazione, per cui sono stati necessari ben 8 giorni. Prima del transito, Davì ed il suo Aretusa Explorer (alias Nuova Jolly Prince 38cc) si sono “fermati” allo Shelter Bay Marina di Fuerte Sherman (situato in prossimità dell’ingresso atlantico del Canale di Panama), dove sono anche state effettuate le necessarie (e costose) ispezioni.

Sergio Davì è arrivato nell’Oceano Pacifico: dalla Guyana Francese a Panama

Dopo le soste caraibiche di Port of Spain e Curaçao, Sergio Davì, aveva fatto sosta tecnica nella città colombiana di Cartagena. Qui erano andati avanti i check-up ai due DF300B, programmati con Suzuki Motor de Colombia ed un controllo generale al Nuova Jolly Prince 38cc ed alle strumentazioni di bordo Simrad. Sergio Davì e il suo team riferiscono che nonostante la navigazione intensa a cui tutta la strumentazione e i motori sono sottoposti, l’equipaggiamento non dà segni di stress.

Sergio Davì nel Canale di Panama
Sergio Davì nel Canale di Panama

Qui Davì è stato anche raggiunto da Stefano Germani, financial manager della I-Tronik, che dalla Colombia ha offerto il proprio supporto durante la traversata panamense. Tra le istruzioni di transito è previsto, infatti, l’obbligo di avere un ausilio a bordo per la gestione delle istruzioni via radio e delle cime in caso di transito in convoglio, cioè di più imbarcazioni allineate.

Ora l’arrivo nel Pacifico inizia per Davì una nuova avventura nell’avventura. Dal Mediterraneo, dopo aver attraversato l’Atlantico, Davì è ora nel Pacifico. Il nome del suo viaggio “Ocean to Ocean RIB Adventure” ha già trovato la sua quadra. Allo stesso tempo la missione è ancora lunga: per arrivare a Los Angeles ci sono ancora ben 3.000 miglia!

Leggi qui tutti gli articoli su Sergio Davì.


NON PERDERTI I MIGLIORI ARTICOLI! 

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

barca chiara ferragni

Ferragni o Fedez? Chi si prende la barca dei Ferragnez?

A chi andrà “Raviolo” dopo la separazione tra Chiara Ferragni e Fedez che ha fatto impazzire il web? Raviolo è il nome del motoscafo Riva in legno che la coppia, quando era ancora assieme, ha deciso di acquistare nell’estate del

Ecco il primo fuoribordo a idrogeno per le barche “normali”

Di motori elettrici, finora, ne abbiamo visti tantissimi. Dai piccoli di Torqeedo al potentissimo Evoy da 300 cavalli. Concentriamoci sui fuoribordo. In questo scenario entra “a gamba tesa” Yamaha (forte anche dell’acquisizione recente di Torqeedo) e sotto le luci dei riflettori

Torna su