Sergio Davì da Palermo a New York in gommone: tutti i numeri della traversata

Sessa Marine Key Largo One
Barche usate: quattro idee tra le piccole aperte senza patente
10 Aprile 2020
Dieci idee per navigare inquinando di meno e rispettando il mare
10 Aprile 2020
Sergio Davì a New York

Sergio Davì a New York

Davi Sergio New York

L’oceano, tra iceberg e mari difficilissimi, per andare da Palermo a New York. La storia di Sergio Davì in solitaria su un rib di 11 metri.

Articoli utili: 

Sergio Davì, da Palermo a New York con un gommone di serie

Tutto è iniziato nel 2017, al termine dell’ennesimo record strabiliante: da Palermo a Recife attraverso l’Oceano Atlantico con un gommone. “Volevo fare qualcosa di diverso – ci racconta Sergio Davì, navigatore palermitano di 55 anni – qualcosa che nessuno aveva ancora fatto”. Poi l’illuminazione: andare in gommone da Palermo a New York passando attraverso i ghiacci, risalendo su dall’Inghilterra, Islanda, Groenlandia e poi giù, fino alla Grande Mela.

Ovviamente, per avere le idee chiare sulla rotta ideale e sulle tappe da fare ci è voluto un po’ più di tempo e la preparazione ha richiesto due anni. L’estate prima della partenza è arrivato il rib, un Nuova Jolly Prince 38 con due motori fuoribordo Suzuki da 350 cavalli, i più potenti della casa giapponese e dotati di doppia elica controtante. Da lì è partito l’anno cruciale per fare test, rodaggio e mettere a punto il battello. Rispetto a un gommone di serie, non cambia quasi nulla, a parte le sedute, Besenzoni, e una tenda avvolgente intorno alla plancia di comando.

sergio davì mappa

Poi, il 21 giugno 2019, la partenza da Palermo per l’impresa: l’Ice Rib Challenge. I numeri della traversata di Sergio Davì sono impressionanti. A poppa del suo gommone, che di nome fa Nautilus Explorer, ha lasciato 6.268 miglia navigando per oltre 300 ore e impiegando un totale di 84 giorni.

Chiariamo subito qualche dubbio: la traversata è stata fatta a tappe, per cui il rifornimento veniva effettuato di stop in stop. A bordo, in ogni caso, c’erano 2.700 litri di carburante. Solitamente ogni 24 ore consecutive di navigazione c’era una pausa di qualche giorno, prevista durante l’organizzazione dell’impresa. Non sempre, però. Per esempio, nel difficile tratto del Mar di Labrador, fra penisola di Labrador e Groenlandia, le ore consecutive di navigazione sono state ben…

La storia completa la trovi su Barche a Motore in edicola e nella versione digitale!

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *