Da Palermo a New York su un gommone di 11 metri

Axopar-Brabus barche a motore
Sunseeker London Group distribuisce Brabus Shadow
19 Febbraio 2019
Sanlorenzo Academy
Lavorare nella nautica: nasce la Sanlorenzo Academy
20 Febbraio 2019

Non solo barche e motori, al Miami Boat Show abbiamo ci sono soprattutto persone. Una in particolare è arrivata dall’Italia per lanciare una nuova sfida. Stiamo parlando di Sergio Davì che con un gommone Nuova Jolly 38cc di 11 metri spinto da due fuoribordo Suzuki DF350A navigherà per 7.000 miglia nautiche (12964 km) tra Sicilia, Isole Baleari, Spagna, Portogallo, Francia, Regno Unito, Irlanda, Isole Fær Øer, Islanda, Groenlandia, Canada, USA.

Un gommone tra i ghiacci, quello del gommonauta palermitano che sfiderà Mediterraneo e Oceano su un gommone, per un’impresa eccezionale.

Da Palermo a New York in gommone: ecco perché

Tra gli obiettivi del raid c’è la sensibilizzazione alla tutela dell’ambiente marino, con particolare attenzione alla lotta contro ogni forma di inquinamento da plastiche. A tale scopo parteciperà anche la IASCNR (Istituto per lo studio degli impatti Antropici e Sostenibilità in ambiente marino che fa capo al Consiglio Nazionale delle Ricerche) che condurrà specifiche ricerche sulla presenza di microplastiche nelle acque, sia oceaniche che mediterranee.

I Suzuki di Davì sono totalmente di serie

I Suzuki DF350A che utilizzerà Davì, due motori 4 Tempi, V6 da 4.4 Litri sono motori di serie. Nessun “lavoretto” o modifica per affrontare l’Oceano Atlantico e le 7000 miglia nautiche di navigazione. I Suzuki DF350A sono i soli con un sistema di propulsione a doppia elica controrotante, Suzuki Dual Prop. Una caratteristica tecnica che è pensata per spingere scafi di grandi dimensioni, come il Nuova Jolly 38 CC, per di più a pieno carico, condizione nella quale si troverà a navigare il Nautilus Explorer, il nome del gommone, con tutta la benzina e il materiale necessario a bordo per affrontare un raid così lungo. L’efficienza del sistema, in grado di scaricare meglio la coppia dell’unità termica in acqua, aiuterà Davì a ottimizzare le performance del suo RIB, facilitando l’entrata in planata e la gestione della potenza con ogni condizione meteomarina.

Da Palermo a New York quasi in solitaria

Il rapporto con il mare e l’oceano Davì lo vivrà in gran parte da solo. Salvo alcune “staffette” che verranno effettuate per motivi di sicurezza, il protagonista di quest’impresa intende viaggiare prevalentemente in solitaria.

In numeri, la Ice Rib Challenge durerà di un totale di circa: 6.600 miglia nautiche, 75 giorni di navigazione (soste incluse), 500/600 ore di navigazione, 24/30 tappe … e soprattutto tanto coraggio! Sarà possibile seguire l’impresa real time attraverso un tracking link, che sarà attivato e pubblicato a ridosso della data partenza da Palermo, e tenersi aggiornati attraverso il sito della CCM e le pagine social.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *