Sergio Davì scalda i motori per la traversata oceanica in gommone tra i ghiacci

Ecco i 7 orologi nautici vintage che hanno fatto la storia
25 Aprile 2019
Versilia Yachting Rendez-vous, il salone della nautica di lusso | Ecco cosa ci sarà
26 Aprile 2019
Sergio Davì

Sergio Davì

È iniziato il “warm up” mediterraneo di Sergio Davì in vista dell’impresa di giugno, dove con il Nuova Jolly Prince 38cc navigarà dall’altra parte dell’Oceano Atlantico – da Palermo a New York – passando alle latitudini più estreme, spinto da sue Suzuki DF350A, i fuoribordo più potenti della casa giapponese.

Il “warm up”

Un giro di “riscaldamento” in Mediterraneo per verificare che sia tutto a posto. Sergio Davì è partito da Palermo facendo rotta su Malta con il gommone, il Nautilus Explorer. In questa settimana di prove Davì testarà materiali, soluzioni, distribuzione dei pesi e assetto in vista della lunga navigazione che lo attende. Il totale saranno circa 450 miglia: 24 e 25 aprile a Lipari, Eolie; 27 e 28 aprile a La Valletta, Malta; 4 maggio a Marina di Riposto, Catania; 5 maggio Marina di Nettuno, Messina.

sergio davì gommone

La sfida vera: attraverso i ghiacci dell’Atlantico

La Ice RIB Challange non sarà un viaggio banale perché, prima di attraversare l’Atlantico, Davì si spingerà verso nord, toccando in sequenza le Isole Fær Øer, Islanda, Groenlandia e poi fino in Canada: quasi 7.000 miglia nautiche da percorrere anche al freddo e fra i ghiacci. Per gran parte del viaggio, Davì sarà da solo e per le sedute della timoneria ha scelto la tecnologia di Besenzoni, tra gli sponsor della sfida.

Sarà un test importante anche per i consumi dove verrà messa alla prova la tecnologia Suzuki presente nei DF350A: quella del sistema a combustione magra Lean Burn. Cos’é? Quando  si naviga a velocità di crociera costante, proprio come accade nei lunghi raid, questa tecnologia riduce la percentuale di benzina utilizzata nella combustione, aumentando, invece, la quantità d’ossigeno e quindi d’aria.

FOCUS MOTORI: DF350A Suzuki

I due motori che userà Davì per quest’impresa sono gli unici motori fuoribordo dotati di un sistema di propulsione con due eliche controrotanti. Questo sistema, definito Dual Prop è una caratteristica tecnica fondamentale quando si tratta di spingere scafi di grandi dimensioni. Perché quest’accorgimento   che aiuta coppia dell’unità termica V6 a 55° da 4.390 cc e sarà l’elemento decisivo per il rapido raggiungimento della planata e del migliore assetto di navigazione, che metterà, anch’esso, nella condizione di consumare di meno.

LA NOSTRA PROVA SUL SUZUKI DF350A (CLICCA QUI)

Tra gli obiettivi del raid c’è la sensibilizzazione alla tutela dell’ambiente marino, con particolare attenzione alla lotta contro ogni forma di inquinamento da plastiche. A tale scopo parteciperà anche la IAS – CNR (Istituto per lo studio degli impatti Antropici e Sostenibilità in ambiente marino che fa capo al Consiglio Nazionale delle Ricerche) che condurrà specifiche ricerche sulla presenza di microplastiche nelle acque, sia oceaniche che mediterranee.

La ICE RIB CHALLENGE

• un totale di 6.600 miglia nautiche,

• un consumo totale medio di benzina di 19.000 litri,

• 75 giorni di navigazione (soste incluse),

• 500/600 ore di navigazione,

• 24/30 tappe

 

Barche a Motore lo trovi in edicola, su iPad, iPhone 

e su tutti i tablet e gli smartphone Android.

se non vuoi perderti un numero e risparmiare 

ABBONATI SUBITO!

Cosa ne pensi?