Sirena Yachts cresce ancora. Arriva un nuovo cantiere in Turchia

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Sirena Yachts si amplia con tre nuovi capannoni a Yalova, Turchia, dove verrà implementata la produzione del marchio a partire dai superyacht come il 42 Steel. È l’ultimo tassello che arriva dopo 124 yacht costruiti fino ad oggi dal 2017. Se li mettessimo in fila, uno dopo l’altro, la “colonna” raggiungerebbe una lunghezza superiore ai 9.000 piedi (2.743 metri).

Sirena Yachts: continua la crescita

Lo sviluppo di Sirena Yachts negli anni è stato impressionante. Un periodo caratterizzato da una crescita annuale a due cifre, nonostante la giovane età del brand che non ha neppure dieci anni. Dietro, del resto, c’è il colosso turco Kıraça Holding, e la gamma è una delle più eterogenee sul mercato dalla vela al motore passando per i superyacht. La domanda costante e regolare ha spinto Sirena a puntare su nuovi stabilimenti per soddisfare le richieste.

“Vogliamo essere il cantiere di riferimentospiega Ali Onger, COO dell’azienda –  in grado di soddisfare le esigenze dei clienti dal Sirena 48 in su. I grandi marchi non costruiscono più imbarcazioni così piccole, ma qualcuno deve essere in grado di fornire imbarcazioni che permettano ai clienti di iniziare il loro viaggio in barca. In questo modo, possiamo fornire lo yacht giusto per ogni fase della vita nautica del cliente”.

Questo successo, senza dubbio, va ascritto anche alla scelta dei designer con cui Sirena collabora. German Frers, Cor D. Rover, Luca Vallebona e Hot Lab sono tra i nomi più importanti che hanno firmato i progetti del cantiere.

Cosa verrà costruito da Sirena a Yalova (Turchia)

L’area è ben nota per essere un importante centro per la cantieristica commerciale, il retroterra giusto per superyacht come il 42 Steel, visti i processi produttivi necessari. “Le lavorazioni a caldo dell’acciaio – ha dichiarato Ali Onger come il taglio, la piegatura e la saldatura, saranno eseguite da subappaltatori in loco. Qui faremo anche l’allestimento e la sistemazione degli interni. Il vantaggio principale è che potremo varare la nostra crescente gamma di grandi yacht direttamente dai capannoni di produzione, senza doverli trasportare in riva al mare”.

I cantieri di Sirena Marine

Lo stabilimento principale è un complesso di 155.000 metri quadrati dove vengono costruiti gli yacht più “piccoli” come il 48, 58, 68 e 78. Per gli ultimi due, al fine di mantenere il pescaggio basso e navigare più agevolmente sotto alcune infrastrutture, l’allestimento finale è eseguito in un’altra sede a Yalova.


Leggi l’articolo integrale:

Sirena 48 è il trawler moderno (13.9 m) per la crociera di lusso


Uno yacht speciale per il cantiere è sicuramente l’ammiraglia della gamma: il Sirena 88. A Tuzla c’è un sito dedicato esclusivamente a questo modello che non può essere trasportato via terra. Il capannone di costruzione ha dimensioni “monstre” con un massimo di quattro 88 che possono essere realizzati contemporaneamente: tre in fase di stampaggio e uno in fase di allestimento.

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Barche cult, la vera storia del primo Princess 45 (14 m)

Il mondo della nautica non è fatto solo di scafi nuovi e scintillanti, appena usciti di cantiere. Anzi, per la maggior parte, si compone di scafi usati, barche passate anche per diverse mani e che, nonostante tutto, nonostante le miglia,