Solaris Power 48 Lobster Flybridge debutta a Düsseldorf

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Solaris Power 48 Lobster Flybridge
Solaris Power 48 Lobster Flybridge

Solaris Power non si ferma più e dopo il 55 Lobster ed il 48 Open è arrivato il nuovo 48 Lobster Flybridge che vuol fare dei suoi punti di forza le prestazioni in mare, in termini di sicurezza e marinità. Come per gli altri Solaris Power in cabina di regia ci sono stati Norberto Ferretti, Brunello Acampora e Giuseppe Giuliani. 

Solaris Power 48 Lobster Flybridge

Dislocante alle basse velocità e planante per quando si naviga ad oltre 30 nodi con tecnologia propulsiva Volvo IPS, pensata ad hoc per la carena di questa barca. Così riesce ad affrontare anche lunghi trasferimenti con mare formato in modo sicuro ed in autonomia.

Aspettando l’ibrido: così si sta evolvendo l’IPS di Volvo Penta

I punti di forza del progetto:

  • bassi consumi e conseguente grande autonomia
  • ridotte emissioni di CO2
  • bassa rumorosità
  • assenza di vibrazioni
  • manovrabilità grazie alla versatilità del joystick
  • la forma della carena conferisce una grande stabilità autonoma in rada

A bordo del Solaris Power 48 Lobster Flybridge

Un flybridge di ultima generazione con linee esterne che ricordano una versione moderna del lobster americano, che nel mondo delle barche è sinonimo di eleganza. Anche nel 48 Lobster Flybridge, Norberto Ferretti ha dedicato una particolare attenzione al comfort e alla vivibilità realizzando un walkaround per andare da prua a poppa dell’imbarcazione in comodità e sicurezza. Inoltre, la barca è dotata di:
  • murate laterali abbattibili grazie alle quali il pozzetto aumenta la sua superficie del 20%
  • layout interno disponibile anche in versione 2 cabine con 2 bagni e cabina marinaio con servizi
  • ampio garage per il tender
  • sala macchine ampia e ben areata che consente un accesso agevole ai propulsori e a tutti gli impianti

Motorizzazione del Solaris Power 48 Lobster Flybridge

Il nuovo Solaris Power 48 Lobster Flybridge viene proposto con 2 motorizzazioni – VOLVO IPS 600 o 650 – ed è in grado di raggiungere oltre i 30 nodi di velocità massima, navigando alla velocità di crociera di 20 nodi con un’autonomia di circa 300 miglia.

Tutto pronto per Dusseldorf

Solaris Power 48 Lobster Flybridge verrà presentato in anteprima mondiale al prossimo BOOT di Düsseldorf dal 18 al 26 gennaio presso la HALLE 5 – STAND 5A21. Il colore dello scafo in esposizione sarà il Blu Bentley lucido, mentre la sovrastruttura sarà in bianco perlato e la finitura del Fly riprenderà il blu dello scafo in versione opaca.

www.solaris-power.net

www.volvopenta.com

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

CE Series 65

Offshore CE 65 (21 m), il giramondo moderno che ti porta ovunque

L’eterna classe di un trawler da crociera è ormai profondamente radicata nell’immaginario della cantieristica americana. È forse però la prima volta che, a dar vita ad una simile creatura, sia una strettissima collaborazione tra un cantiere californiano e un design

Petra Beach Club - Sunseeker

In Versilia c’è un Beach Club per gli armatori Sunseeker

Lasciare il proprio yacht in rada e raggiungere un esclusivo Beach Club nel cuore della Versilia attraverso un corridoio dedicato. È una possibilità che Sunseeker Italia offre ai clienti del cantiere britannico attraverso la partnership con il Petra Beach Club