Solo il 13% dei mari nel mondo è incontaminato

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

barche oceano

Le attività dell’uomo nei mari del mondo minacciano sempre di più le biodiversità e l’ambiente marino. In particolare sono le aree costiere quelle ad essere maggiormente colpite dall’uomo.

E’ questo che emerge da uno studio pubblicato su Current Biology, che dice come solo il 13,2% dei mari sia incontaminato e che di questa ridottissima parte di mare, solo delle zone ancora più limitate (il 4,9% di quel 13,2%) sia in aree marine protette e tutelate.

A cosa servono queste aree di mare incontaminate?

Non avendo ancora subito gli effetti delle attività umane queste zone hanno un’elevata biodiversità, cioè molte specie diverse, e alti livelli di connettività ecologica ed evolutiva. Sono inoltre ben posizionate per poter resistere ai cambiamenti climatici ed ai loro effetti.

Se vediamo la terraferma, le aree naturali incontaminate sono andate rapidamente a ridursi e questo a portato ad una vasta mobilitazione per difendere queste aree. Questo perché è più facilmente documentabile e visibile quello che succede in terra. Al contrario, le aree naturali marine sono il più delle volte in alto mare e quindi difficilmente osservabili.

Nel mondo l’influenza umana differisce da una regione oceanica all’altra e l’estensione delle aree naturali varia considerevolmente. Non bisogna però dimenticare che di queste zone incontaminate solo il 4,9% sono aree marine protette e ben poche si trovano in ecosistemi biodiversi come le barriere coralline. La difesa delle aree naturali marine dovrebbe ora essere incorporata in strategie globali volte a conservare la biodiversità e a garantire che i processi ecologici ed evolutivi su larga scala continuino.

TEMPO DI AGIRE

Time to Take Action (tempo di agire) è lo slogan di Medplastic, il progetto del Giornale della Vela e di Barche a Motore per la salvaguardia del Mediterraneo. Iscrivetevi al gruppo Facebook MedPlastic Team, lì potete postare notizie, progetti, fotodenunce, video. Partecipate poi al contest Instagram NO Plastic (mandando una foto alla nostra inbox instagram – @giornaledellavela – o sul gruppo Medplastic Team, come hanno fatto tutti gli autori delle foto che vi mostriamo qui): premieremo le migliori testimonianze al VELAFestival 2019. In più, se avete progetti strutturati da proporre che pensate possano essere utili alla “causa”, mandate una mail a savethemed@gmail.comwww.medplastic.org

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

barche usate natante cabinato

BARCHE USATE Vendono 4 natanti cabinati (fino a 8.9 m)

Barche per brevi crociere, l’ideale per chi passa da un piccolo open a qualcosa che gli permetta di dormire anche a bordo. Sono i natanti cabinati, scafi che nascono per unire il comfort della giornata sull’acqua ai piaceri del finesettimana

Questo è lo yacht dello sceicco che puoi avere anche tu

Lo sceicco Hamdan bin Mohammed bin Rashid Al Maktoum ha recentemente acquistato un Saxdor 400 GTO (12.4 metri), una barca del cantiere finlandese che si distingue per i suoi prezzi competitivi. Questo modello, più accessibile rispetto alla media di mercato,