Una rete da pesca illegale rischia di uccidere un capodoglio. Lo salva la Guardia Costiera

Azimut Magellano 30 Metri
L’ammiraglia giramondo di Azimut è il nuovo Magellano 30
1 Luglio 2020
Velar 78 evo yachts
Fuori da ogni schema: arriva Velar 78, un po’ barca a motore, un po’ a vela
2 Luglio 2020
capodoglio-guardia-costiera

capodoglio-guardia-costiera

Se durante la quarantena la natura si era ripresa mano a mano i suoi spazi, ora che l’uomo è tornato a solcare i mari, riaffiorano i vecchi problemi. Era senza dubbio suggestivo vedere nuotare delfini e verdesche nelle acque cristalline dei porti, ora invece siamo tornati a doverli soccorrere. Ultima in ordine cronologico è la storia di Spike, un maschio di capodoglio salvato dalla Guardia Costiera di Lipari.

La storia di Spike capodoglio salvata dalla Guardia costiera

Un equipaggio di quattro donne,  biologhe del centro recupero tartarughe dell’isola di Filicudi, era in navigazione verso l’isola di Stromboli, quando, a circa sei miglia a nord-est dell’isola di Salina, hanno avvistato in superficie un capodoglio maschio della lunghezza di circa dieci metri con la pinna codale completamente avvolta in una rete da pesca.

Allertata dalle donne la Guardia Costiera di Lipari ha inviato in zona la motovedetta CP 322, che, verificate le condizioni critiche del cetaceo, ha attuato tutte le procedure utili a mettere in sicurezza il mammifero. Sul posto è poi giunta, a bordo di un battello della Guardia Costiera, una squadra di subacquei locali che dopo un’ora di duro lavoro a circa due metri di profondità, è riuscita a rimuovere totalmente la rete dalla pinna codale dell’animale lasciandolo libero di muoversi.

Terminate le operazioni di liberazione del cetaceo, il capodoglio è stato monitorato dalla Guardia Costiera al fine di verificare eventuali comportamenti anomali e lasciato libero di ricongiungersi ad altri tre esemplari che per tutto il tempo lo avevano atteso a distanza.

La rete da pesca recuperata a bordo dell’unità della Guardia Costiera è stata confiscata, in quanto attrezzo da pesca illegale. Chissà cosa ne sarebbe stato di Spike senza l’intervento della Guardia Costiera, costretto a nuotare con un centinaia di kg di rete sulla pinna.

Non solo Spike, tutto l’ambiente ha bisogno di noi!

Quest’anno, tra mascherine e guanti mono-uso, ci sarà tanto da fare: ogni volta che vedete un rifiuto galleggiante mentre navigate in barca, oppure siete in spiaggia, raccoglietelo, fatevi una foto con la “cattura” e mandatela alla inbox della nostra pagina Instagram @barcheamotore o pubblicatela sul vostro profilo con l’hashtag #Medplastic2020, o ancora sul gruppo Facebook “Medplastic Team”, raccontandoci dove avete raccolto la “preda”. 

Noi la riposteremo su tutti i nostri canali e sui nostri siti e le tre migliori foto dei “cacciatori” dell’estate (luglio-inizio ottobre), secondo la giuria, saranno premiati nel 2021 con dei fantastici premi messi a disposizione dai nostri amici di Navico (brand che raduna i marchi B&G, Simrad, Lowrance e C-Map e che è in prima linea per la difesa del nostro mare): dei buoni premio spendibili su tutta la sua gamma di prodotti. Per aggiornare la vostra barca e la vostra cartografia con tecnologie all’ultimo grido! 

Clicca qui per avere tutti i dettagli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *