fbpx

Con gli stabilizzatori “new generation” addio nausea (anche senza avere il mega yacht!)

barche a motore FERRETTI
Quando Ferretti scende sotto i 50 piedi
25 novembre 2018
barche a motore foil enata
L’adrenalina corre sul foil | Ecco 4 barche a motore che volano già oggi
26 novembre 2018

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

barche a motore stabilizzatoriFino a pochissimi anni fa la stabilizzazione della barca, ovvero installare a bordo qualcosa in grado di smorzare il rollio dello scafo, era prerogativa delle grandi navi da diporto. Innanzitutto per le dimensioni dei sistemi preposti a questo compito (pinne che sporgono dall’opera viva), in secondo luogo per i costi. Per di più, questo tipo di stabilizzatori funzionavano solo con la barca in movimento. In tempi più recenti sono arrivati anche i cosiddetti “zero speed”: tengono ferma la barca anche quando è ormeggiata, che è la situazione più delicata quando ci sono ospiti a bordo.

L’altra strada, la sottile arte degli stabilizzatori giroscopici

Un grosso passo avanti è stato compiuto grazie agli stabilizzatori giroscopici, che non si oppongono al movimento aprendo o muovendo pinne immerse, ma applicando il principio del giroscopio. Cioè di uno strumento come la trottola che, sfruttando il suo movimento rotatorio, tende a mantenere una condizione di equilibrio proprio intorno all’asse di rotazione. In termini pratici: a bordo si installa una massa rotante, dimensionata in funzione della barca da stabilizzare, che si sposta in modo tale da smorzare il rollio della barca.

Vantaggi rispetto ai sistemi tradizionali? Meno resistenza all’avanzamento non avendo parti esterne allo scafo: sono assenti i fori passanti attraverso lo scafo, o se presenti sono molto più piccoli (nei modelli che abbisognano di acqua per il raffreddamento); maggiore facilità di installazione (la scatola che contiene il giroscopio può essere montata ovunque, anche sul fly bridge, funziona sempre, basta che ci siano delle parte strutturali in grado di sopportare la forza di diverse tonnellate, o meglio chiloNewtonmetri, che si oppone al rollio; dimensioni più compatte, tanto da essere interessanti anche per barche intorno ai 10 metri di lunghezza. C’è da specificare, tuttavia, che il giroscopio per essere efficiente deve arrivare al suo normale regime di rotazione (Spool-up): il che significa che per farlo passare da spento a operativo servono circa 30 minuti e in questa fase il consumo è maggiore della normale fase di utilizzo. Il tempo è richiesto, anche fino al doppio, per lo spegnimento totale (Spool-down).

La terza via, l’effetto Magnus

Inoltre c’è anche una terza via per la stabilizzazione. Sono i sistemi che sfruttano l’effetto Magnus: un cilindro immerso in acqua che scorre, poniamo, da sinistra verso destra se ruota in senso orario genera una spinta che va dal basso verso l’alto (in pratica genera una portanza, come per un’ala); se invece ruota in senso antiorario genera una deportanza, o spinta verso il basso (ovviamente i fenomeni sono opposti se l’acqua scorre nel verso opposto). Maggiore è la velocità di rotazione, maggiore è l’effetto generato. L’essenziale è che l’acqua sia in movimento rispetto al cilindro: ovvero se la barca è all’ancora il sistema funziona ugualmente basta che sia il cilindro a muoversi. Meno costosi e pesanti dei giroscopi, hanno sempre parti immerse, ma infinitamente più piccole delle pinne. Un singolo Magnus Rotor ha la stessa forza di sollevamento di una pinna da 1,4 m2 in funzione ZeroSpeed, e di 1,2 m2 a velocità di crociera, ma con una superficie di soli 0,14 m2. Nota utile: per stabilire la dimensione giusta dello stabilizzatore da installare pensate alla vostra barca in funzione del dislocamento e non della lunghezza. Molto a spanne il numero di kiloNewton metri, ovvero il valore della coppia antirollio è da scegliere in funzione della stazza: intorno ai 5 kNm è adatto a una barca di circa otto tonnellate; intorno ai 6,5 kNm le tonnellate diventano 10, se i kNm diventano 120, come nel più grande tra gli stabilizzatori qui presentati, le tonnellate della barca possono andare dalle 50 alle 130.

Come orientarsi sul mercato: ecco alcuni esempi

Da un punto di vista dell’interfaccia utente, la situazione è abbastanza paritaria per i vari produttori, tutti hanno un pannello di controllo digitale direttamente sulla macchina e spesso c’è anche un’app da scaricare su telefonino o dispositivo connesso per gestire e monitorare il lavoro dell’impianto. In conclusione allora, quale scegliere? Ogni soluzione ha i suoi pro e i suoi contro e, come spesso succede in barca, esiste la soluzione giusta per qualcuno, ma non esiste la soluzione universale perfetta per tutti. Noi vi diamo la vetrina, cosa comprare, poi, lo dovete decidere voi.

 

barche a motore stabilizzatori seakeeper 2Seakeeper 2

Probabilmente il nome più noto tra i produttori di stabilizzatori giroscopici. Offrono due linee, la Recreational e la Heavy Duty che si differenziano per tipologia di utilizzo, ovviamente più intensa nel secondo caso, e per la durata della garanzia che per la linea HD è di quattro anni invece che due.

Giri/Rpm: 9000; peso/mass: 188 kg;

prezzo: € 19.000

www.seakeeper.com

 

barche a motore stabilizzatoriQuick – MC2X 5k

Grazie al sistema di rotazione del volano su asse orizzontale, i cuscinetti subiscono meno attrito raggiungendo temperature più basse: non necessitano del raffreddamento ad acqua e di sottovuoto a vantaggio della semplicità di installazione e manutenzione .

Giri/Rpm: 5000; peso/mass: 300 kg;

prezzo: 17.300 €

www.quicknauticalequipment.com

barche a motore stabilizzatori

 

Tohmei Anti Rolling Gyro (ARG) 50t

La casa giapponese, nota per i suoi prodotti per il mercato dei megayacht presenta i primi modelli destinati alle piccole installazioni e propone ARG 50T/65T, pensato per barche fino a 10 tonnellate. Tra le sue peculiarità, il funzionamento anche a batteria con corrente continua.

Giri/Rpm: 4200; peso/mass: 236 kg;

prezzo: Y 1.550.000 (11.600 €)

www.samos.it

Zipwake barche a motore stabilizzatori

 

 

Zipwake

Sono correttori d’assetto intelligenti che attenuano il rollio della barca in navigazione, correggono il beccheggio e l’assetto di navigazione. Permettono cosi di aumentare il confort e risparmiare carburante. La gamma attuale degli Interceptor Zipwake è idonea per imbarcazioni da 20 a 60 piedi.

Prezzo: da .2000 €

www.saim-group.com

 

barche a motore stabilizzatori

 

Rotorswing

Non sfrutta l’effetto giroscopico, ma l’effetto Magnus (leggi nel testo). Oltre a essere funzionante appena acceso, garantisce tre possibilità di utilizzo, in modalità Zero Speed, Cruising, tra i 4 e i 14 nodi e Rake, sopra i 14 nodi.

www.daviddimarine.com

 

Partecipa alla discussione anche tu!

shares