Polaris & Super Polaris (13 m), i mitici cruiser anni ’60 by Cantieri di Pisa – Classic Boat

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Polaris
Cantieri di Pisa – Polaris

La nautica non è solo una corsa al nuovo e, come in tanti altri contesti, talvolta è anche giusto guardarsi alle spalle, ammirando il percorso fatto e comprendendo le tappe incontrate. E, come è giusto che sia, il passato ci regala anche grandi barche, tante pietre miliari che in questa serie sulle Classic Boat cerchiamo di esplorare. Grandi barche che, in tanti, ci avete a vostra volta segnalato, ricordato e suggerito. Ecco che, con la “saga” dei Polaris dei Cantieri di Pisa, introduciamo anche alcune delle vostre Classic Boat.

Cantieri di Pisa – Super Polaris

Attivi fin dal 1945 nella costruzione di imbarcazioni civili e militari, i Cantieri di Pisa sono una di quelle tipiche realtà italiane che, con l’avvento degli anni ‘60, ha saputo trasformare se stessa in un “business” di successo. Negli anni ‘60 nascono infatti una serie di yacht a motore nominati secondo le stelle della costellazione di Eridano, barche di successo e capaci di consolidare la fama del cantiere. Tra queste, appunto, entra in produzione il Polaris, nel 1961, un cruiser di 13.20 metri, elegante e capace di ospitare per la notte fino a 6 persone. Con il 1964, il Polaris riceve a sua volta un upgrade, diventando il Super Polaris, sempre una gran barca, ora completa di tuga nuova e flybridge

Super Polaris
Nell’immagine, il Super Polaris di Andrea Errani, che gentilmente ci ha raccontato della sua barca


 

Polaris – Esterni

Guardando alle linee della serie Polaris, emerge innanzitutto quella eleganza classica conferita da un disegno pulito e dalla combinazione dei colori con le finiture lignee, rigorosamente in teak o massello di mogano. L’interno scafo è infatti realizzato in triplo fasciame di mogano e, salvo i dettagli in ottone, ogni rifinitura risulta in un piccolo prodigio di ebanisteria.

Venendo agli spazi esterni, il Polaris accoglie con un pozzetto spazioso e ben protetto, sia dalle murate che da un eventuale tendalino. Qui, a sfruttare un “gradino” che accompagna alla battagliola poppiera, è innanzitutto prevista una cuscineria che permette di trasformare questo spazio in una comoda seduta a divanetto. Appena oltre, trova luogo la parte coperta del ponte, la pilothouse, dotata di un flybridge superiore, nel caso del Super Polaris.

Super Polaris
Il pozzetto del Super Polaris di Andrea Errani

Muovendo oltre la timoneria, la prua di ambedue i modelli accoglie con ampio spazio nella zona del pulpito offrendo buona libertà di movimento. Per garantire un’ulteriore area lounge, la tuga piatta può infine essere utilizzata come solarium, dotata di cuscinerie adatte appunto alla funzione di prendisole.

Nell’immagine, Diva, il Super Polaris di Alfredo Zampogna, che gentilmente ci ha raccontato della sua barca

Polaris – Interni

Spostando l’attenzione verso le aree coperte, al ponte principale si trova innanzitutto la timoneria, posizionata sulla murata di sinistra e, originariamente, servita da un sedile di guida a panca, ribaltabile e completo di poggia piedi. Tra questa e la murata di dritta si apre invece il passaggio verso il sottocoperta. Retrocedendo verso il pozzetto, a dritta è presente un divano a murata mentre, sulla sinistra, un tavolo abbattibile e mobilio concludono gli spazi.

Super Polaris
Super Polaris, vista della timoneria

Sottocoperta si è immediatamente accolti da una dinette ben rifinita, a partire dalle pareti, in teak satinato. Sulla murata di sinistra trova posto un divano a L trasformabile in letto matrimoniale e, su quella di destra, un secondo divano occupa lo spazio. Questo, a sua modo molto versatile, può essere trasformato in letto a castello, grazie ad un semplice ribaltamento verso l’alto della spalliera, che diventa così una cuccetta. Le pareti sono infine occupate da un mobile bar-libreria mentre, sul fronte che affaccia alla cucina, è collocato un tavolo a ribalta, che da chiuso rimane integrato alla parete, sulla verticale. Alla necessità, si abbatte e serve il divano a L.

Gli interni del Super Polaris in un’immagine d’archivio

La cucina, con pareti in laminato, presenta un piano di cottura composto da tre fornelli a gas a cui si aggiunge il forno sottostante. Sono anche presenti una cappa aspiratrice e un frigorifero da 160 litri. Appena a fianco, uno piano di lavoro conduce sino al lavello doppio in acciaio.

Infine, oltre alla toilette degli ospiti e a quella che serve la cabina armatoriale, è appunto presente una cabina prodiera doppia, interamente rifinita in teak e arredata da due ampi letti, abbondante spazio di stivaggio e un armadio con specchiera.

La cabina armatoriale del Super Polaris, con i tipici letti separati in uso fino agli anni ’70

Polaris – Motorizzazione e performance

Per quanto riguarda la motorizzazione originaria, il cantiere forniva la barca con una coppia di motori General Motors-Detroit Diesel 6V53-N, per una potenza di 436 cavalli e una velocità massima di 25 nodi.

Nell’immagine, di nuovo Diva, il Super Polaris di Alfredo Zampogna, che gentilmente ha raccontato della sua barca

  • Hai una barca storica e significativa con più di 25 anni? Scrivici e mandaci delle foto a deluise@panamaeditore.it Potresti vederla sul nostro sito!
  • Ti interessa l’argomento Classic Boats? Visita la nostra raccolta di articoli dedicati cliccando qui.

 

Super Polaris – Scheda Tecnica

Lunghezza Fuori Tutto (LOA) 13.20 m
Baglio Massimo 3.80 m
Pescaggio 0.95 m
Stazza Lorda   18 t
Motorizzazione Originale 2x General Motors-Detroit Diesel 6V53-N 
Potenza complessiva 436 cavalli
Velocità Massima  25 kn
Velocità di Crociera 19 kn
Autonomia Crociera 19 ore
Serbatoio Carburante 760 lt (+ supplementare 380 lt)
Posti letto 6
Bagni 3
Costruttore Cantieri di Pisa

Scopri le Classic Boat degli articoli precedenti

Ecco tutte la altre grandi Classic Boat. Se ne hai una e vuoi parlarcene, scrivi una mail a deluise@panamaeditore.it 


NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Polaris & Super Polaris (13 m), i mitici cruiser anni ’60 by Cantieri di Pisa – Classic Boat”

  1. Scrivo solo per ricordare che tutta questa serie di barche del Cantiere di Pisa è stata Progettata da mio Padre l’ Arch. Pierluigi Spadolini per quanto riguarda le linee Esterne e da mia madre Gianna Spadolini per lo stile degli interni.
    Grazie, Tommaso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Zodiac - X10CC - Render intero

Barca o gommone? Arriva il nuovo Zodiac X10

Si chiama X10 CC la nuova imbarcazione di Zodiac – la più grande che abbia mai costruito – nata dopo diversi anni di ricerca e sviluppo, che cerca di sorpassare il concetto di “barca semirigida” da sempre collegato al nome

Sunseeker Manhattan 55

Sunseeker diventa americana. Accordo col gruppo Lionheart

Il cantiere britannico Sunseeker, celebre per gli yacht di James Bond, ma non solo, si prepara a cambiare proprietario. Sembra che il conglomerato cinese Wanda sia vicino ad un accordo con Lionheart, azienda con sede a Miami. Non sono molti