TEST – Suzuki DF350A, il motore più potente della casa giapponese

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Fuoribordo Suzuki DF350A
Fuoribordo Suzuki DF350A

Suzuki, colosso giapponese dei motori, si era posto un obiettivo importante quando nel 2017 aveva lanciato il Suzuki DF350A, il fuoribordo più potente mai prodotto dalla casa di Hamamatsu, ovvero andare ad insidiare quelle fette di mercato che di solito erano appannaggio dei motori entrobordo. Dopo quasi un anno dal lancio il successo del DF350A è ormai un dato di fatto: in una manciata di mesi sono state vendute oltre 2.500 di cui oltre 100 solo in Italia. Sono numeri importantissimi per un motore così potente, soprattutto perché nel mondo Suzuki il DF350A rappresenta il top di gamma nei fuoribordo.

Potrebbe interessarti:

Così navigano i fuoribordo Suzuki da 100 a 140 cv

Fuoribordo Suzuki DF350A

Suzuki DF350A
Suzuki DF350A

Fuoribordo Suzuki DF350A sul Ranieri Cayman 38

Abbiamo testato il Suzuki DF350A per capire l’origine di questo successo in combinazione con un Ranieri Cayman 38 Executive, uno degli ultimi progetti del cantiere calabrese. Su questo gommone lungo 11,70 metri e largo 3,80, con 4 posti letto in due cabine, sono stati messi due DF350A per un totale di 700 cavalli. La prima cosa che colpisce di questo fuoribordo in navigazione è legata al suo essere silenziosissimo: a 20/25 nodi il rumore in plancia è di appena 88 decibel.

Fuoribordo Suzuki DF350A: il più potente

Questo motore non è solo il più potente fuoribordo mai realizzato da Suzuki, ma anche l’unico al mondo ad essere equipaggiato con una doppia elica contro-rotante che ha il compito di ridurre il regresso e la cavitazione nelle curve più strette. Non appena iniziamo ad accelerare la sensazione è sempre quella di avere il totale controllo sul mezzo, mano a mano che la velocità aumenta. Lanciato a 40 nodi, il Cayman rimane perfettamente stabile, un divertimento totale. Dopo aver raggiunto e navigato al massimo per alcuni minuti rallentiamo e ci fermiamo per un bagno. La poppa del Ranieri Cayman è un paradiso per chi ama tuffarsi ed entrare e uscire dall’acqua: l’ideale dopo una scarica di adrenalina a 40 nodi.

Suzuki DF350A: velocità e consumi

In velocità di crociera economica, a 23 nodi con il motore a 3688 giri, i consumi sono di circa 36 litri per ora, leggermente inferiori rispetto alla media. Il DF350A è infatti studiato per riuscire a ottimizzare al massimo tutta la potenza di cui dispone, in modo tale da ridurre anche i consumi di carburante.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Ecco il primo fuoribordo a idrogeno per le barche “normali”

Di motori elettrici, finora, ne abbiamo visti tantissimi. Dai piccoli di Torqeedo al potentissimo Evoy da 300 cavalli. Concentriamoci sui fuoribordo. In questo scenario entra “a gamba tesa” Yamaha (forte anche dell’acquisizione recente di Torqeedo) e sotto le luci dei riflettori

Sistema di ormeggio autonomo - Brunswick-Apex

A.I. di bordo! Questo software ormeggia la barca al posto tuo

L’intelligenza artificiale sbarca nel mondo della nautica, con il progetto firmato Brunswick Corporation e Apex.Ai. Il gruppo americano di cui fanno parte – tra le altre – il marchio produttore di elettronica Navico, quello dei motori Mercury Marine e il

Torna su