Questo catamarano “trasparente” è una villa da oltre 300m²: è il Tecnomar Cat 133 (40.7 m)

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Tecnomar Cat 133
Tecnomar Cat 133

Arriva un nuovo gigante sul panorama dei multiscafi, un 133 piedi forte di oltre 300 metri quadri di spazio in coperta, 10 posti letto per gli ospiti e oltre 70 metri quadrati di superficie fotovoltaica. Si chiama Cat 133, è lungo 40.7 metri, largo 16 ed è firmato da Tecnomar, parte di The Italian Sea Group e già firmataria del bestseller Lamborghini 63 (ve ne abbiamo raccontato la prova qui).

Tecnomar Cat 133 (40.7 m) | ANTEPRIMA

Progettato secondo un design dinamico e visionario, il nuovo progetto sviluppato da Tecnomar e da Admiral Centro Stile vanta innanzitutto un look decisamente accattivante, con linee inedite, sottolineate da immense vetrate che lo rendono quasi-trasparente, offrendo leggerezza a volumi capaci, invece, di massimizzare ogni centimetro offerto dalla coperta. In termini di performance, due V12 marchiati MAN contribuiranno a spingere il nuovo 133, con velocità di picco vicine ai 17 nodi. Ma vediamo meglio come sarà costituito questo nuovo catamarano di “vetro”.

Tecnomar Cat 133
Tecnomar Cat 133

Tecnomar Cat 133 – Progetto e Design

Admiral Centro Stile, nella sua collaborazione con Tecnomar, ha dato alla luce un catamarano che innanzitutto si presenta come un corpo futuristico e visivamente più leggero di quanto i suoi volumi e mole non vorrebbero invece suggerire. Partendo dal profilo, infatti, le murate offrono già uno scorcio sul concept retrostante il design, con una struttura a due corpi a comporre l’opera morta. Là dove una sezione inferiore si alza sopra il galleggiamento, una seconda si alza invece a sezione d’arco, ellittica, correndo da prua a poppa, unite tra loro da un’ampia finestratura. Soluzione non solo strutturale, ma anche intelligente, che offre sia passavanti protetti, sia accessi all’upper deck panoramici, con tanto di terrazze a sbalzo oltre il normale prosieguo del parapetto. Un assaggio di quello che è l’intero design, mirato a massimizzare l’esperienza crocieristica e il lusso della vita di bordo a contatto con l’acqua.

Vista dell’ampio pozzetto e Beach Club del Tecnomar Cat 133

I volumi esterni corrono, quindi, quasi ininterrotti da prua a poppa, unendo così gli ambienti in uno spazio aperto che si proietta in avanti fin a partire dall’enorme beach area poppiera (larga 16 metri!) e dal pozzetto, per concludersi a prua in un’ampia lounge area affacciata sul mare. Accessibile sia da prua che dai passavanti e dall’interno, l’upper deck completa poi gli spazi aperti, comportandosi qui come una sorta di flybridge particolarmente grande, composto da un corpo centrale chiuso seguito da un hard top e da un’ampia area conviviale. Affacciati a poppa, invece, due diversi prendisole e divani concludono questo spazio, distanziati tra loro da una piscina sea-through a sbalzo sul pozzetto.

Un complesso di aree esterne che si estende per una superficie multilivello vicina ai 300 metri quadri, creando un layout continuo e al contempo ben in grado di separare gli spazi e gli usi, offrendo il massimo della versatilità ai suoi ospiti. Infine, a segnalare l’intenzione di guardare anche alla sostenibilità, oltre 70 metri quadrati di superficie sono dedicati alle pannellature fotovoltaiche, elementi che impegnano sia la parte superiore dell’hard top, sia la superficie della piccola tuga presente a prua dell’upper deck.


Potrebbe interessarti:

Eredità Agnelli. Le 10 barche a motore più belle dell’Avvocato

 


Tecnomar Cat 133 – Interni & Performance

Lasciandosi alle spalle gli spazi e i volumi esterni, su queste dimensioni anche le zone chiuse non avranno di che non stupire, con oltre 20 posti letto complessivi, divisi tra 10 dedicati agli ospiti e 11 destinati, invece, ad accogliere l’equipaggio. In termini di layout e suddivisioni, però, prima di sapere qualcosa di preciso si dovrà attendere.

Non è segreto, però, il comparto propulsivo, che sarà invece composto da una coppia di motori MAN v12 e da due bow-thruster da 50kW l’uno. Una capacità propulsiva che garantirà al Cat 133 velocità di crociera pari a 15 nodi, con picchi, di massima invece, intorno ai 17 nodi di velocità. Sempre a impegnare la sala macchina, infine, saranno presenti quattro generatori per garantire tutto l’apporto necessario alle appliances e alla strumentazione di bordo.

Tecnomar Cat133 – Scheda Tecnica

Lunghezza Fuori Tutto (LOA) 40.7 m
Baglio Massimo 16 m
Motorizzazione 2x MAN V12
Velocità Massima 17 kn
Velocità di Crociera 15 kn
Ospiti imbarcabili 10 persone
Equipaggio imbarcabile 11 persone
Design Esterno Admiral Centro Stile
Contatti Tecnomar

Potrebbe interessarti anche:

Porto turistico di Livorno con 815 posti barca. Da aprile via ai lavori

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Maserati Tridente, questo è il primo motoscafo della Maserati

Tridente, questo è il nuovo motoscafo secondo Maserati

Maserati si lancia nel mondo delle barche a motore con Maserati Tridente, il primo motoscafo della casa modenese 100% elettrico. Sarà un 10 metri a propulsione elettrica sviluppato in collaborazione con Vita Power. La top speed promessa? 40 nodi e

Riva El-Iseo - In nav

Il primo motoscafo elettrico di Riva vola a 40 nodi

Si chiama El-Iseo il primo passo dello storico marchio di motoscafi Riva nel mondo dell’elettrico. Abbiamo dovuto attendere un po’, ma alla fine il risultato sembra un’imbarcazione davvero innovativa e un caso unico nel segmento dell’E-Luxury. L’impegno principale del cantiere, infatti,