Frauscher 1212 Ghost Air: salire a bordo e non voler più scendere – TEST

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Frauscher 1212 Ghost Air test
Frauscher 1212 Ghost Air Test

Frauscher 1212 Ghost Air è tra le più belle barche dell’ultima stagione, vincitrice nella sua categoria del Design Innovation Award 2023. Lo abbiamo testato per voi: ecco com’è andata.

L’articolo completo su Barche a Motore N.35 – Abbonati ora

TEST Frauscher 1212 Ghost Air

L’armoniosa complessità delle linee di questo Frauscher stimola chi vuole prendersi del tempo a capire il design. Una barca che, alla scelta utilitaristica, preferisce un finale mai scontato, più affascinante. Prendiamo lo specchio di poppa. Ci vuole sicuramente meno a farne uno tutto dritto senza curvature o vuoti. O ancora la plancia di comando che segue la stessa idea, come dimostrano anche semplicemente i portalattine incassati direttamente nella vetroresina. Le piccole grandi scelte che fanno la differenza tra una buona barca e una di prima scelta.

La prua del 1212 Ghost Air

Perché i Frauscher mantengono il loro valore

Questo è un po’ il punto come sottolinea anche Mauro Feltrinelli, importatore esclusivo del marchio in Italia, quando mi spiega come i Frauscher mantengano il valore sul mercato anche dopo anni e anni.

“Non è solo il valore del marchio, ma anche perché nel tempo, ad esempio, tu puoi accedere a tutte quelle che sono le viti e i bulloni che fissano le varie componenti di bordo. È fisiologico che uno scafo veloce e che naviga tanto, dopo un po’ di tempo, abbia delle parti che si allentano. Su un Frauscher tu puoi tendenzialmente intervenire senza dover rompere o smontare praticamente nulla e ciò permette di avere, dopo anni, una barca senza scricchiolii o rumori strani, sempre come nuova”. 

Com’è fatto il nuovo 1212 Ghost Air?

Al centro della coperta c’è la timoneria, perno centrale dell’imbarcazione intorno a cui gravitano due zone: una prendisole a tutto baglio, con un passaggio centrale che culmina con un divanetto alle spalle della plancia di comando.

L’area oltre alla consolle centrale, nella parte interna delle murate, ospita frigorifero, lavello, barbecue e porta bicchieri, perfettamente integrati nel design. A coronare la prua un grande divano a C con tavolino centrale alzabile o abbassabile. È grazie a questo elemento che qui si può ricavare un comodo living per avere un punto più conviviale o un solarium ulteriore rispetto a quello di poppa. Entrambe le due sezioni possono essere coperte da un tendalino per ciascuna. Nel caso di quella di poppa il bimini parte dal t-top in carbonio e, tramite due pali, copre il prendisole e il divanetto. Verso prua, invece, quattro pali con telaio stivabile permettono di ombreggiarsi quando necessario.

Cuccetta doppia di prua

Non è una barca da crociera, questo è certo, ma gli interni sorprendono senza dubbio. Come sulla 1017 GT Air si scende sottocoperta tramite un passaggio integrato nella parte davanti della consolle e subito si ha di fronte, rivolgendosi verso poppa, il bagno che raggiunge la ragguardevole altezza di 1.90 metri.

Frauscher 1212 Ghost Air

Voltandosi, invece, si accede alla zona notte, costituita da un letto ampio che sfrutta il baglio più che i volumi. Ricordiamoci, infatti, che sopra abbiamo un pozzetto sfruttabile anche come pista da ballo o per i pasti in famiglia, date le dimensioni e la superficie a disposizione.

Com’è navigare sul 1212 Ghost Air

Veniamo ora alle doti di navigazione. Mentre usciamo dal porto la tramontana che ha portato via i soliti temporali dal salone di Genova, soffia a 15-18 nodi e quindi accenno timidamente, da indigeno, che se vogliamo prendere meno vento e mare ci conviene andare verso levante, riparandoci nella porzione di golfo a destra del monte Fasce.

“E perché mai dovremmo prendere meno vento e onde? – mi rimprovera scherzando Mauro FeltrinelliVedrai, non arriverà una goccia”.

A bordo con noi c’è anche Harry Miesbauer che le carene di questo Frauscher, come del 1414 Demon o del 858 Fantom, le ha disegnate. Ci metto poco a capire che virare a 35 nodi è il pane quotidiano per questa opera viva con doppio step che nel dritto, spinta da due Volvo Penta D6-440 con piedi poppieri, arriva a 44 nodi con una stabilità totale anche quando il chop mentre ci allontaniamo dalla costa diventa più fastidioso.

Un mordente totale sull’acqua anche quando si vira stretti con una stabilità e una ripresa da macchina sportiva. È questo che mi ricorda stare al timone mentre davanti agli occhi i contagiri e gli indicatori analogici fanno il paio con un grande e moderno plotter Garmin.

Dati di navigazione Frauscher 1212 Ghost Air TEST

600 3
1000 7 9.4 
1500 10  26 
1750 13 38 
2000 17  51.5 
2500 26 70
3000 33.5 110 
3500 40  166
3700 44 170

 

Scheda tecnica della barca:

DIMENSIONI DIMENSIONS
Lunghezza f.t. LOA 11.90 m
Larghezza Beam 3.50 m
Pescaggio Draught 1.1 / 0.8 m
Disloc. Displacement 8.4 t
IMPIANTI EQUIPMENT
Serb. acqua Water tank 150 l
Serb. combustibile Fuel tank 850 l
SALA MACCHINE ENGINE ROOM
Motore Engine Mercruiser V8 8.2 l

Stern drive: Bravo IIIx

Potenza Power 2X430 HP
Vel. max. Top Speed 44 kn
Vel. Crociera Cruising Speed 30 kn
A BORDO On Board
Cabine Cabins 1
Posti letto Berths 2
Bagno WC 1
Design Frauscher Boats
Architettura navale Naval architecture Harry Miesbauer
Cantiere Shipyard Frauscher Boats
Categoria CE  B
CONTACT: frauscher.it

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Frauscher 1212 Ghost Air: salire a bordo e non voler più scendere – TEST”

  1. LUCA MACORATTI

    “Tu puoi accedere a tutte quelle che sono le viti e i bulloni che fissano le varie componenti di bordo. È fisiologico che uno scafo veloce e che naviga tanto, dopo un po’ di tempo, abbia delle parti che si allentano. Su un Frauscher tu puoi tendenzialmente intervenire senza dover rompere o smontare praticamente nulla”…. ecco, questo direi che è un elemento che di cui tener conto quando si deve giudicare la qualità di una barca, ben più, mi sia consentito di dirlo, che la scelta di creare i portalattine direttamente nella vetroresina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Maserati Tridente, questo è il primo motoscafo della Maserati

Tridente, questo è il nuovo motoscafo secondo Maserati

Maserati si lancia nel mondo delle barche a motore con Maserati Tridente, il primo motoscafo della casa modenese 100% elettrico. Sarà un 10 metri a propulsione elettrica sviluppato in collaborazione con Vita Power. La top speed promessa? 40 nodi e

Riva El-Iseo - In nav

Il primo motoscafo elettrico di Riva vola a 40 nodi

Si chiama El-Iseo il primo passo dello storico marchio di motoscafi Riva nel mondo dell’elettrico. Abbiamo dovuto attendere un po’, ma alla fine il risultato sembra un’imbarcazione davvero innovativa e un caso unico nel segmento dell’E-Luxury. L’impegno principale del cantiere, infatti,