Tuccoli T250 PA, il primo fisherman italiano con i foil: vantaggi e scheda

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Tuccoli Foil

EDIT: QUESTO ARTICOLO È UN PESCE D’APRILE 🎣 

Gli indizi? Primo Elipra, anagramma di Primo Aprile, i vantaggi  fittizi di questa soluzione e ultimo, ma non per importanza il nome PA: Pesce d’Aprile (chi chiamerebbe un modello Pesca Alata?). Infine il link a piede dell’articolo che svela lo scherzo.

La foiling mania sbarca anche nel mondo della pesca. A lanciarsi per primo in qualcosa di concreto è il cantiere Tuccoli che ha modificato il suo T250 VM, trasformandolo in una barca con i foil: il Tuccoli T250 PA. Questo scatto, fatto da una nostra fonte interna al cantiere, dimostra che il cantiere è molto avanti con la progettazione. 

Dopo i consigli del campione della pesca Marco Volpi, il cantiere ha deciso di fare un passo ulteriore. L’uomo a cui rivolgersi non poteva essere che Primo Elipra, designer italo-portoghese e pescatore famoso in tutto il Brasile per le sue catture, che ha lavorato in tandem con il progettista del T250 VM: Oris Martino D’Ubaldo.

Tuccoli T250 PA: il primo fisherman italiano con i foil è realtà

Dopo il T250 VM, il fisherman Vietato ai Minori, è arrivato il PA: Pesca Alata. Abbiamo chiesto a Oris com’è stato progettare questo tipo di barca e perché: “Senza dubbio lavorare con Primo è stata un’esperienza che mi ha arricchito molto, è un incredibile progettista. E poi pescare con lui sembra uno scherzo! L’abbiamo progettato così perché ci piaceva creare qualcosa di diverso. Di essere noi i primi ad aprire la strada”

I vantaggi del foil

  • I foil sono in grado di colpire e stordire anche pesci molto piccoli, semplificando le operazioni di cattura
  • Quando i foil vengono fatti risalire diventano un comodissimo poggiaschiena, soprattutto quando si pesca a drifting
  • Per la pesca la navigazione foil rende più sensibile la lenza che non risente delle vibrazioni del dislocamento del natante

👉Clicca qui per vedere il video in navigazione e saperne di più👈

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Ecco il primo fuoribordo a idrogeno per le barche “normali”

Di motori elettrici, finora, ne abbiamo visti tantissimi. Dai piccoli di Torqeedo al potentissimo Evoy da 300 cavalli. Concentriamoci sui fuoribordo. In questo scenario entra “a gamba tesa” Yamaha (forte anche dell’acquisizione recente di Torqeedo) e sotto le luci dei riflettori

Sistema di ormeggio autonomo - Brunswick-Apex

A.I. di bordo! Questo software ormeggia la barca al posto tuo

L’intelligenza artificiale sbarca nel mondo della nautica, con il progetto firmato Brunswick Corporation e Apex.Ai. Il gruppo americano di cui fanno parte – tra le altre – il marchio produttore di elettronica Navico, quello dei motori Mercury Marine e il

Torna su