Tuccoli T250VM Evoluzione(7 m) è il nuovo fisherman tutto italiano

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Tuccoli T250VM Evoluzione
Foto del Tuccoli T250VM del Suzuki Fishing Team 2023

Tuccoli T250 VM Evoluzione è un fisherman italiano di ultima generazione. Non è un caso che questo scafo sia stato scelto dal Suzuki Fishing Team come barca ufficiale anche per la prossima stagione. Evoluzione, come dice il nome, del precedente Tuccoli T250 VM (foto sopra) studiato insieme con Marco Volpi, unisce una carena sportiva e marina a una coperta modulare pensata per la pesca, ma non solo.

Cosa sapere sul nuovo Tuccoli T250VM Evoluzione

 


Com’è fatto il nuovo Tuccoli

Partiamo dalla vetroresina. Rispetto al precedente Tuccoli 250 VM, qui troviamo delle strutture di laminazione migliorate a cui si aggiungono anche le sovrastrutture in carbonio.

Per un pescatore sportivo, che con la barca non può certo andare per il sottile quando c’è da muoversi a bordo o gestire le catture, il rivestimento del piano di coperta è sempre un punto critico. In questo caso troviamo il rivestimento SeaDek, progettato per essere facile da mantenere. 

La coperta modulare TMD (Tuccoli Modular Deck) permette di scegliere la configurazione più adatta alle esigenze dell’armatore. A queste si aggiunge la tappezzeria in ecopelle Sileather.

Tutto ciò che riguarda l’elettronica di bordo e la sua interfaccia è Garmin, in connessione con la rete Tuccoli SmartLink

Come naviga questo il Tuccoli T250VM Evoluzione

Non l’abbiamo ancora provata, ma le premesse sembrano interessanti. Iniziamo con l’opera viva. Il regime di crociera si preannuncia piuttosto spinto con velocità di crociera tra i 35 e i 45 nodi grazie alla carena TPH. Per raggiungere queste prestazioni, il motore prescelto dal Suzuki Fishing Team è il top di gamma, cioè il V6 Suzuki DF 350 AMD.

Novità interessante sul fronte della navigazione è il Seakeeper Ride. Questo scafo è il primo in Italia ad aver ricevuto e installato il nuovo sistema di correzione dell’assetto americano. Da tempo lanciato sul mercato è da pochissimo disponibile anche qui da noi, complice la forte richiesta.

Questo sistema, infatti, è capace di ridurre fino al 70% beccheggio e rollio in navigazione, in automatico. Per intenderci, non è lo stabilizzatore giroscopico di Seakeeper (anche se un giroscopio Seakeeper 1 sarà installato a bordo). Il Seakeeper Ride è un correttore d’assetto montato sullo specchio di poppa che, grazie ad un software, registra i movimenti di bordo e lavora per correggere in ogni istante i movimenti, per avere sempre la barca al top.

Quando e dove vederla

Per vedere da vicino questo fisherman e studiarne tutte le caratteristiche, nel weekend del 13 e 14 aprile ci sarà il varo a Livorno. In quest’occasione anche i potenziali armatori potranno vedere da vicino il nuovo T250VM Evoluzione, salire a bordo e anche testare l’imbarcazione.

Per maggiori informazioni visita il sito www.tuccolimarine.com o invia una mail a info@tuccolimarine.com

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Barche cult, la vera storia del primo Princess 45 (14 m)

Il mondo della nautica non è fatto solo di scafi nuovi e scintillanti, appena usciti di cantiere. Anzi, per la maggior parte, si compone di scafi usati, barche passate anche per diverse mani e che, nonostante tutto, nonostante le miglia,