Vendere la barca: meglio da soli o con un mediatore marittimo?

pardo 60 endurance
Pardo E60 di 18 metri è la barca da crociera di ultima generazione
29 Marzo 2021
Allegra Boats 7.9.0
Si può andare in barca a Pasqua e Pasquetta? No. Ecco perché
31 Marzo 2021
Salone Nautico di Genova 2020

Salone Nautico di Genova 2020

Foto di: Salone Nautico di Genova 2020

Stai pensando di vendere la barca? Meglio farlo in autonomia oppure affidandosi a un broker? Abbiamo chiesto all’esperto Luca Bosazzi, mediatore in Abayachting, quali sono i vantaggi e gli svantaggi delle tre opzioni che si parano davanti a chi sta pensando di vendere la barca.

Vendere la barca. Farlo da soli o affidarsi a un mediatore?

A prescindere da quale sia l’oggetto usato della compravendita (barca, auto, moto, immobile, eccetera…), fortunatamente oggi esiste la possibilità di scegliere su come comportarsi.

Le vendite da privato a privato sono aumentate sensibilmente con l’arrivo dei nuovi portali di inserzioni gratuite o di aste (subito.it e ebay, solo per citarne qualcuno). Questo ha permesso un incremento delle transazioni e una fortissima frammentazione degli articoli, tanto che oggi è davvero possibile acquistare o vendere (quasi) ogni oggetto o bene vi possa venire in mente.

Fino a 15 anni fa, il proprietario di una barca doveva quasi per forza passare da un porto turistico o da un cantiere di rimessaggio. Il passaparola e la presenza in loco erano il canale principale per avere notizia di una barca usata in vendita.

Oggi invece per il proprietario ci sono tre opzioni differenti.

OPZIONE 1 – MI VENDO LA BARCA DA SOLO

Il proprietario fa le foto, decide di pubblicare una scheda con o senza foto su portali o su bacheche che lo consentono, può appendere un cartello sulla barca con i propri riferimenti telefonici, riceve personalmente le telefonate, manda per email le informazioni che gli vengono richieste, prende gli appuntamenti, mostra personalmente la barca, e in caso di gradimento prende accordi con l’acquirente per il prezzo, l’eventuale perizia, l’atto di vendita, il pagamento e la consegna. E non deve pagare alcuna commissione. Talvolta si possono trovare annunci terzi pubblicati da persone o aziende non autorizzate.

VANTAGGI: il proprietario può raccontare in prima persona la storia della barca.

SVANTAGGI: non può sapere con certezza tempi, modalità, sicurezza nel pagamento. Deve muoversi spesso da/per la barca e sapersi districare con la burocrazia. Non consigliato per chi ha poco tempo o abita lontano.

OPZIONE 2 – MI VENDO LA BARCA DA SOLO E LA FACCIO VENDERE DA ALTRI

Oltre a quanto citato al punto 1 si aggiungono le inserzioni di Mediatori Marittimi che hanno la possibilità di fare pubblicità su alcuni siti specializzati. A seconda di chi “porta” l’acquirente, si organizzano i passaggi successivi, fino all’atto di vendita.

Se la trattativa viene gestita dal proprietario, allora NON deve pagare alcuna commissione. Se è intervenuto un Mediatore Marittimo, il proprietario è tenuto a riconoscere la mediazione concordata. Se la persona o azienda che è intervenuta NON è un Mediatore Marittimo il proprietario NON è tenuto a pagare alcuna commissione. Se poi vuole pagare un riconoscimento è libero di farlo. Scelta sua.

VANTAGGI: non si deve muovere spesso, perché lo fa qualcun altro.

SVANTAGGI: la barca viene sovraesposta, e pubblicata molte volte (spesso anche con prezzi diversi). Tutte le persone coinvolte proveranno a vendere la barca ad ogni costo, anche offrendola ad prezzi più bassi di quanto autorizzato. L’effetto SPAM non è un segnale apprezzato dalla clientela di fascia alta, ed è molto gradito agli “affaristi”. Non consigliato agli amanti di linearità, ordine e precisione.

OPZIONE 3 – MI AFFIDO A UN SOLO MEDIATORE MARITTIMO

Affido la vendita della mia barca ad un solo Mediatore Marittimo. Il proprietario fa altro, si dedica al proprio lavoro o ai propri interessi, e a vendita conclusa paga la mediazione concordata.

VANTAGGI: spesso la barca viene venduta ad un prezzo nella fascia alta del mercato, nessuno spostamento inutile, garanzia sul processo formale e tecnico. Un unico referente che sa tutto della barca, e non tende a “mollare” sul prezzo in quanto ha un incarico formale ed esclusivo.

SVANTAGGI: quando la barca viene messa sul mercato, viene davvero venduta. Non consigliato per venditori poco convinti.

Ho preferito non addentrarmi troppo nella descrizione del processo, anche perché non è il tema principale di questo articolo. Il tema in questione è un altro.

Non esiste una soluzione migliore o peggiore delle altre per vendere la barca.

Ogni armatore ha esigenze, estrazione e profilo differente. Il mio consiglio è di interrogarsi bene su cosa si vuole davvero fare, e qual è il vero progetto: voglio (o devo) smettere, voglio una barca più grande (o più piccola), voglio comprare una casa in montagna, o altro ancora. Stabilito ed organizzato il percorso più consono, allora potete rileggere questo articolo, e scegliere la soluzione a voi più congeniale.

Comunque vada, buona vendita!

Luca Bosazzi*

*Mediatore Marittimo in Abayachting


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti di Barche a Motore, insieme con Giornale della VELA Top Yacht Design si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 29,90 euro!

Sostienici anche su Giornale della VELA Top Yacht Design!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *