Virtue V10 Open (9.9 m): ecco il nuovo daycruiser da 55 nodi di Virtue Yachts

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Virtue V10 Open
Virtue V10 Open

Ad inserirsi nel vivace mercato degli open, arriva un nuovo 9.9 metri d’impostazione “spider”, un nuovo e agile daycruiser veloce fino a 55 nodi. È il Virtue V10 Open, iterazione del precedente Virtue V10 (ora rinominato “Top”) ma con un twist in più. Il nuovo V10 Open, infatti, figlio della crescita della polacca Virtue Yachts, rappresenta l’anima più sportiva del segmento, sarà più leggero, veloce e accomoderà anche opzioni propulsive elettriche Evoy, per autonomie pari a 70 nodi a velocità di crociera di 25 nodi.

Virtue V10 Open

Il V10 Open è, fondamentalmente, la seconda creatura del “nuovo” cantiere Polacco, Virtue Yachts, asceso a notorietà con il precedente V10 Top e forte della tecnologia di sviluppo carene della svedese Petestep, portata oltre con il V10 Open. Uno studio delle linee d’acqua si concentra qui, infatti, sull’interazione tra scafo e superficie, laddove dei deflettori appositamente progettati indirizzano gli spray della planata verso il basso e verso la poppa, sfruttando l’energia di questi per una riduzione delle resistenze pari al 10-30%, a guadagno di un  accelerazione migliorata dal 20 al 50%.

Qualità che, conseguentemente, migliorano la stabilità complessiva, oltre a ridurre i consumi di carburante. Soluzione che, se accoppiata con propulsioni elettriche, ne migliora a sua volta l’autonomia. Il V10 Open, infatti, sarà disponibile sia, sì, con doppia motorizzazione fuoribordo da 300 cv per motore, ma anche con motorizzazione fuoribordo Evoy 120+.

Virtue V10 Open
Virtue V10 Open

Virtue V10 Open – Esterni

Sans roof, ovvero, totalmente aperto. Questo il primo tratto distintivo del V10 Open, progettato in stile spider per offrire il massimo dell’esperienza. Le linee e i volumi fanno poi il resto nel conferirgli un aspetto da vera sportiva: prua verticale, spigoli vivi e parabrezza acuto, military style. Scelte progettuali che non negano, però, l’attenzione prestata dal cantiere verso il comfort e la vivibilità di bordo. Virtue Yachts è infatti un brand gestito da appassionati e impegnato nel fornire soluzioni inedite, alla ricerca di quanto il mercato ancora non abbia da offrire. Non sorprende quindi l’attenzione posta nelle soluzioni di forma, indirizzate alla massimizzazione delle superfici.

Virtue V10 Open

A partire da poppa, appena oltre le plancette a contorno dei motori, il V10 Open accoglie subito con doppi divani a panchetta affacciati su tavolo centrale. Una prima zona conviviale anteposta alla cucina open air posizionata appena oltre. A circondare quest’area, però, intervengono anche le murate abbattibili, soluzione ormai classica per l’aumento delle superfici del pozzetto. La coppia di divani, però, complice il tavolo, è trasformabile a sua volta in prendisole poppiero, massimizzando così la resa e la versatilità di questo spazio poppiero.

V10 – Dettaglio della seduta modulare poppiera

Appena superata la cucina open air, invece, due sedili ergonomici servono la timoneria, protetta dal parabrezza e affacciata sulla tuga appena a prua. Qui, a sfruttare i volumi rialzati dati dalla sottostante cabina, trova posto un prendisole con schienale, principale area relax del volume prodiero.

Virtue V10 Open

Virtue V10 Open – Interni

Virtue Yachts, come brand, crede fortemente in una nautica popolata da daycruiser, scafi adatti all’uscita quotidiana, ma versatili e completi abbastanza da essere fruibili per un week end intero, e un poco più. In quest’ottica, a completare l’autonomia fornita dalla cucina open air, subentra una cabina prodiera, certo non adatta alla crociera, ma pratica e sfruttabile per week end fuoriporta. Qui trovano quindi posto una cuccetta doppia, spazi di storage ed un locale toilette separato.

Virtue V10 Open – Layout

Virtue V10 Open – Motorizzazione e performance

Venendo agli aspetti legati alla “sala macchine”, il V10 Open offre tre differenti opzioni di configurazione propulsiva. In un primo luogo, nella sua versione più “sportiva”, la propulsione è fornita da una coppia di fuoribordo a combustione da 300 cavalli l’uno. In questa configurazione il V10 Open raggiunge velocità massime pari a 55 nodi. È però disponibile anche una versione monomotore, sempre fuoribordo a combustione, per potenze fino a 400 cavalli.

Per soddisfare, però, anche la ricerca di sostenibilità verso cui si sta orientando il mercato, così come le esigenze elettriche dettate da alcuni contesti, il nuovo Virtue V10 Open offre anche un’opzione propulsiva elettrica. In questo caso, a offrire spinta, saranno motori Evoy Breeze 120+, fuoribordo elettrici con una potenza di picco pari a 185 cavalli, alimentati da due batterie IP67 raffreddate a liquido. In questo caso, agevolata dalla tecnologia di sviluppo della carena, l’autonomia sarà pari a circa 70 chilometri a 25 nodi di velocità di crociera.

Virtue V10 Open – Scheda Tecnica

Lunghezza Fuori Tutto (LOA) 9.89 m
Lunghezza F.T con motore (Le) 9.89 m
Baglio Massimo (B.max) 2.9 m
Immersione 0.74
Dislocamento leggero 2765 kg (1 engine) / 3025kg (2 engines)
Materiale costruttivo GRP
Motorizzazione doppia 2x 300 cv
Motorizzazione Elettrica Evoy Breeze 120+ cv (peak power 185 cv)
Serbatoio Carburante 420 lt.
Serbatoio Acqua Dolce 100 lt.
Persone imbarcabili 8
Cantiere / Contatti Virtue Yachts

Potrebbe interessarti anche:

Austin Parker Apycat 56. Il catamarano di 17 metri firmato Pininfarina

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Barche cult, la vera storia del primo Princess 45 (14 m)

Il mondo della nautica non è fatto solo di scafi nuovi e scintillanti, appena usciti di cantiere. Anzi, per la maggior parte, si compone di scafi usati, barche passate anche per diverse mani e che, nonostante tutto, nonostante le miglia,