INCHIESTA Dove andare a vivere in barca e stare meglio nel mondo

Vergaplast-tender-220T
Verga Plast. Take a transparent boat, buy it online and receive it at home
8 Maggio 2021
Pyxis Yacht P-30
Arriva l’estate, tre natanti d’ultima generazione per uscite perfette
8 Maggio 2021
laurea per comandanti yacht

pensione in grecia

Sono molti oggi i Paesi europei (ma non solo…) nei quali è possibile spostare la propria residenza anche fiscale e vivere in barca. Ecco quali sono e come fare

DOVE ANDARE A VIVERE IN BARCA?

Qui non è questione di pandemia, o meglio non solo. Perché il sogno di “mollare gli ormeggi”, magari dopo una vita di duro lavoro tra lo smog cittadino, era già quello di tanti amanti del mare molto prima che questo virus arrivasse a scombinarci la vita. E allora perché non considerare davvero l’idea di cambiare tutto e andarsene a vivere in barca, al caldo, lontano dallo stress lavorativo e dall’angoscia della pandemia? A maggior ragione per chi è in pensione – o sta per andarci – sono diverse le opportunità interessanti per trasferirsi all’estero e vivere meglio.

Certo quello di cambiare vita è un progetto complesso e che necessita di una pianificazione adeguata, sia nei tempi che nei modi, sia per gli aspetti logistici che per quelli burocratici e procedurali. Di contro però oggi sono molti i paesi europei, e non, che offrono interessanti opportunità dal punto di vista fiscale in particolare con una tassazione agevolata sulle pensioni.

Sulla base degli accordi di “non doppia imposizione fiscale” esistenti tra Italia e molte nazioni infatti, è possibile trasferire la residenza fiscale altrove e “defiscalizzare” la propria pensione facendo riferimento alla fiscalità locale o alle leggi a favore dei pensionati esteri che si trasferiscono in loco.

Di cosa parleremo in questo articolo

Nella maggior parte dei casi sono agevolazioni riservate a chi ha una pensione privata, ma non mancano quelle dedicate a chi l’ha pubblica: un esempio è la Tunisia. Trasferirsi all’estero a vivere in barca vuol dire non solo spostare la residenza fiscale ma anche dimostrare di essere davvero residenti nel paese scelto per la maggior parte dell’anno fiscale: quindi per almeno 6 mesi e 1 giorno l’anno, ogni anno. La continuità del tempo trascorso nel paese di residenza fiscale non è però indispensabile, anzi è possibile trasferirsi “definitivamente”, ma trascorrendo parte dell’anno nel nuovo paese di residenza e parte in Italia.

La cosa davvero importante invece è avere tutte le “carte in regola” amministrative per coronare il proprio sogno: conto corrente locale, residenza fiscale in loco, contratto di affitto almeno annuale o immobile di proprietà, utenze intestate, iscrizione AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero), trasferimento della sanità e, non ultimo, avere il “centro” dei propri interessi economici e affettivi nel nuovo paese di residenza fiscale.

Insomma vivere in barca, al caldo, a volte a distanza di un breve volo aereo dall’Italia non è un’operazione così complicata, in particolare per chi sceglie di ritirarsi dopo la fine della vita lavorativa. Certo, che si scelga la più lontana Repubblica Dominicana o la più vicina Croazia, bisogna essere certi di gestire tutte le pratiche burocratiche, legali e bancarie in sicurezza, per evitare brutte sorprese una volta avere lasciata l’Italia. Chi ha le competenze lo può fare da sé ma un’alternativa valida è quella di affidarsi a professionisti qualificati.

“Noi lavoriamo con figure professionali – ci racconta Valentino Coletto, Ceo di Reframed (www.reframed.it), agenzia specializzata nelle pratiche necessarie per trasferirsi all’estero ed attiva in 12 giurisdizioni – ‘locali’ e certificate, come notai e avvocati, per andare alla fonte corretta di qualsiasi interpretazione legislativa e amministrativa: per realizzare queste pratiche all’estero infatti l’esperienza ci dice che bisogna essere particolarmente prudenti e conoscere molto bene le singole realtà locali.

laurea per comandanti yacht

È così che lavorando da anni nel settore sappiamo interloquire col Ministero delle Finanze greco o con la Direzione dell’Agenzia delle Imposte greca tramite un avvocato di fiducia dell’Ambasciata ad Atene. E con tanti altri storici e qualificati corrispondenti lavoriamo in tutto il mondo. Il tutto con particolare riferimento a ciò che riguarda la residenza fiscale estera di un cittadino italiano. Prendiamo ad esempio la “condizione” che chiede di spostare il centro dei propri interessi economici e “affettivi” nel Paese nel quale si vuol prendere la residenza fiscale e andare a vivere in barca. Se l’interesse economico è il pagamento delle tasse sulla pensione, la parola “affettivi” si riferisce a coniugi e figli minorenni, che dovranno trasferirsi anche loro in quel paese dove si vuol portare la residenza fiscale”.

Dove andare a vivere in sicurezza

Perché scegliere allora ad esempio la Tunisia? Lo racconta Vittorio, pensionato di Latina appassionato di vela, che ha scelto Hammamet per vivere in barca. “Più che scegliere una meta avevo il desiderio di trovare innanzitutto una località adatta nella quale poter ormeggiare la mia barca. Sulla costa tunisina, Hammamet è il posto perfetto per chi ama il mare: sono una cittadina e un marina ricchi di verde, dove si ha la certezza di stare in sicurezza visto la vigilanza che è garantita, alle persone e anche alle barche. Io poi ho scelto anche di affittare una casa nel quartiere marittimo di  Yasmin Sol Port: grande e vista mare, l’affitto mensile costa circa 380 euro”.

Ma se la Tunisia è una scelta meno convenzionale, la Grecia resta la meta migliore per vivere in barca per diversi fattori: economico, naturale e di vicinanza e comodità nei trasporti da e per l’Italia. Oggi poi sono diverse le aree del Paese interessate dal fenomeno di trasferimento dall’Italia: tra queste spiccano le Isole Ionie (Corfù e Cefalonia su tutte), Creta e alcune isole del Mare Egeo come Paros, Naxos, Mykonos e Santorini. Meno nota in Italia, ma altrettanto interessante per chi cerca un buen retiro marinaro è anche la zona di Kalamata nel Peloponneso poiché mette insieme numerose baie con spiagge meravigliose, ospedale, servizi a portata di mano e aeroporto poco distante.

Restando a poca distanza dall’Italia poi anche l’Albania è uno dei paesi che offre il maggior numero di vantaggi fiscali, economici e ambientali per le persone, pensionati e non solo, che desiderano trasferirsi all’estero. Rispetto alla Penisola infatti offre affitti molto bassi, costo della vita più che dimezzato, baie e spiagge bellissime, pochissimo frequentate anche in estate, oltre a una comunità di italiani residenti che cresce sempre più. Tra le tante, una località in posizione privilegiata è il bellissimo borgo di Saranda: permette infatti di assaporare un panorama incredibile in quanto la magnifica isola greca di Corfù dista appena 15 chilometri.

Vivere in barca sulle due sponde dell’Atlantico

Dal Mediterraneo all’Oceano Atlantico, per chi vuole cambiare vita il passo è comunque breve: poste davanti alle coste africane, anche se appartenenti alla Spagna, le Isole Canarie sono una delle destinazioni più ambite dai pensionati che scelgono di trasferirsi all’estero, grazie al mix ottimale tra bellezza del mare, clima e costo della vita. Magari per vivere in barca.

In tutte le 7 isole (Tenerife e Gran Canaria sono le maggiori, poi Fuerteventura, Lanzarote, La Gomera, El Hierro, La Palma) si risparmia molto rispetto all’Italia: basti pensare ad esempio che la benzina costa meno di 1 euro al litro e che la tassa corrispondente all’I.V.A. (chiamata  I.G.I.C.) è solo del 7%. Inoltre, i residenti nelle Isole Canarie hanno tariffe super agevolate sia sui trasporti tra le isole (in traghetto e in aereo) sia verso la Spagna continentale (i biglietti aerei infatti sono scontati dal 50 al 70%).

Se poi si vuole attraversarlo l’Oceano, per raggiungere una più esotica meta come è la Repubblica Dominicana, comunque i vantaggi non mancano, come racconta Massimo De Vicari, appassionato navigatore italiano che vive nell’area caraibica da vent’anni: “Vivere la barca in Repubblica Dominicana è un’esperienza affascinante perché ci sono molti luoghi magnifici da visitare ma anche tanti marina sicuri nei quali ormeggiare.

E va sottolineato anche che non ci sono particolari limiti alla navigazione turistica, basta essere prudenti e non rovinare la splendida natura locale. Neppure per la pesca ci sono restrizioni. Invece la navigazione professionale richiede di licenze e patenti locali, per esempio un charter può avere base nel Paese solo se la barca è registrata in Repubblica Dominicana e se il capitano ha la licenza di navigazione dominicana”.


Dove andare a vivere in barca e cosa serve

 

ALBANIA

(Pil procapite 5.239 $ – Abitanti 2.846.000)

I VANTAGGI
Nel 2020 il Governo ha approvato la legge che prevede lo zero per cento di tassazione senza limiti di tempo sulle pensioni di natura privata di tutti i cittadini dell’UE che si trasferiranno in Albania. L’obiettivo è l’esenzione fiscale per tutti i cittadini stranieri pensionati che trasferiranno la loro residenza fiscale in Albania.

DA SAPERE
Per beneficiare dell’esenzione, gli italiani devono: essere pensionati di natura privata; risiedere in Albania per almeno 6 mesi e 1 giorno ogni anno, anche non continuativi; avere un conto corrente locale; avere un contratto di affitto di lunga durata o acquistare un immobile; essere iscritto AIRE; spostare il centro degli interessi economici ed affettivi in Albania.


CIPRO

CIPRO (Pil procapite 28.341 $ – Abitanti 1.141.000)

I VANTAGGI
Per chi decide di trasferire la propria residenza fiscale a Cipro, essendo un pensionato di natura privata, c’è la possibilità di  ottenere importanti agevolazioni fiscali: la tassazione infatti non supererà il 5% fisso sul lordo della pensione, senza limiti di tempo.

DA SAPERE
Per avere esenzione è necessario: risiedere effettivamente a Cipro per almeno 6 mesi (e un giorno) ogni anno, anche non continuativi; avere un conto corrente in loco; avere un contratto di affitto di lunga durata o un immobile; essere iscritto AIRE; spostare il centro degli interessi economici ed affettivi a Cipro.


CROAZIA

CROAZIA (Pil procapite 14.870 $ – Abitanti 4.076.000)

I VANTAGGI
In Croazia il costo della vita è mediamente inferiore di circa il 15% rispetto a quello italiano e ottenendo la residenza fiscale è anche possibile richiedere agevolazioni fiscali sulle pensioni private: in media si ottiene un risparmio di 2/3 rispetto alla tassazione italiana.

DA SAPERE
Per ottenere la residenza fiscale in Croazia è necessario risiedere in loco per almeno 6 mesi ed un giorno l’anno anche non continuativi, inoltre è necessario avere un alloggio in affitto con contratto a lungo termine e regolare, di almeno 12 mesi (il costo in media è di 300 euro mensili).


GRECIA

GRECIA (Pil procapite 20.317 $ – Abitanti 10.768.000)

I VANTAGGI
Grazie all’approvazione il 31 luglio 2020 della legge 4714/2020, i pensionati privati italiani possono trasferirsi fiscalmente in Grecia e beneficiare di un’imposizione agevolata del 7% per 15 anni. Il pensionato interessato ad ottenere questa agevolazione deve trasferire la propria residenza fiscale in Grecia e trascorrervi almeno 183 giorni nell’anno solare. (Il termine per la presentazione delle domande per il 2021 è stato appena prorogato fino al 31 Maggio 2021).

DA SAPERE
Chi si trasferisce in Grecia deve dimostrare di voler stabilire in Grecia il proprio centro degli interessi vitali, che si intendono sia affettivi che economici. Da ricordare poi che la tassazione fissa al 7% per i pensionati italiani che si trasferiscono in Grecia riguarda solo gli ex lavoratori del settore privato.


PORTOGALLO

PORTOGALLO (Pil procapite 23.437 $ – Abitanti 10.255.000)

I VANTAGGI
Tassazione al 10% per 10 anni in qualità di “Residente Non Abituale” per chi – in Portogallo e a Madeira – è effettivamente residente sia dal punto di vista anagrafico che anche fiscale, come specificato dalla Legge n. 249/2009. Inoltre il costo della vita è inferiore del 25% rispetto all’Italia.

DA SAPERE
Per essere un residente fiscale in Portogallo si deve: risiedere almeno 6 mesi ed un giorno all’anno nel Paese, anche non continuativi; avere un alloggio in affitto a lungo termine o un immobile; essere iscritto AIRE; trasferire la sanità; aprire un conto corrente; spostare il centro dei propri interessi economici ed affettivi.


Repubblica Dominicana

REPUBBLICA DOMINICANA (Pil procapite 8.341 $ – Abitanti 9.930.000)

I VANTAGGI
Chi vive in Repubblica Dominicana non beneficia di sgravi fiscali sulla pensione, ma si gode in sicurezza un luogo incantevole che ha un costo della vita molto più basso rispetto a quello italiano e nel quale si possono trasferire residenza fiscale, residenza civica e sanità.

DA SAPERE
Il Paese non mette limiti alla navigazione turistica e ci sono molti posti dove ancorare e molti luoghi da visitare, sia sul lato nord che su quello sud. Il Paese è anche il comodo punto di partenza per crociere verso Porto Rico, le Isole Turks and Caicos, le Isole Vergini Britanniche e le Piccole Antille.


Spagna – Canarie

SPAGNA – CANARIE (Pil procapite 30.733 $ – Abitanti 47.431.000)

I VANTAGGI
Appartenenti alla Spagna, le Isole Canarie hanno un sistema fiscale “speciale” per il fatto di essere territorio svantaggiato in quanto molto lontano dalla Spagna continentale. In questa zona a bassa imposizione fiscale i pensionati privati possono trasferire la residenza fiscale ed ottenere la propria pensione grazie agli accordi tra Italia e Spagna.

DA SAPERE
La pensione lorda italiana è poi tassata in loco con un sistema a scaglioni crescenti, le cui aliquote sono dimezzate rispetto all’Italia (e fino ai 22.000 euro lordi annuali la tassazione è zero). Ci sono poi altri sgravi fiscali a seconda dello Stato civile e le aliquote diminuiscono pure oltre i 75 anni di età.


Tunisia

TUNISIA (Pil procapite 3.422 $ – Abitanti 11.552.000)

I VANTAGGI
La Tunisia è una destinazione particolarmente interessante anche perché è uno dei soli 4 Paesi al mondo che defiscalizzano anche i pensionati statali. I pensionati pubblici (INPDAP o INPS ex INPDAP) possono chiedere ed ottenere il lordo della pensione, sulla base della convenzione bilaterale in vigore dal 1981.

DA SAPERE
Le condizioni per la tassazione di circa il 5% sul lordo della pensione sono: residenza anche fiscale in Tunisia; essere iscritti AIRE; risiedere almeno 183 giorni all’anno in Tunisia, anche non continuativi; avere un contratto di affitto di lunga durata e relative utenze intestate; aprire un conto corrente in loco, dove ricevere la pensione.


A cura di Davide Deponti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *