Assisted Docking Volvo: come ormeggiare da “pro” anche con vento e corrente

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Volvo Penta Assisted Docking
Volvo Penta Assisted Docking – Photo by Sören Håkanlind / Copyright ©

Si chiama Volvo Penta Assisted Docking (clicca qui) ed è l’ultima novità per semplificare la vita di chi deve ormeggiare. Che tu abbia una barca di 10 o di 36 metri Assisted Docking è la nuova generazione di sistemi di ormeggio facile di Volvo Penta. Come funziona? Questo sistema permette di compensare fattori come vento, corrente, manovrare nello stretto e destreggiarsi con facilità anche nella calca del canale del porto a Ferragosto. Che “easy boating” sia!

Assisted Docking Volvo Penta

Sia per i neofiti che per gli esperti, Volvo Penta Assisted Docking è una svolta molto interessante. Va detto subito che questa tecnologia è disponibile solamente per le motorizzazioni IPS a partire dalla primavera di quest’anno, del 2021. Tutti i modelli nuovi che usciranno dai cantieri con motori Volvo Pennta IPS potranno installare Assisted Docking.

E per chi ha già la barca con gli IPS?

È possibile installare la barca con Assisted Docking anche in retrofit. In questo caso però sarà necessario un aggiornamento del software e una nuova antenna, sempre per le imbarcazioni con Volvo Penta IPS. Il sistema Assisted Docking sarà venduto direttamente ai produttori di attrezzature originali.

© Photo by Sören Håkanlind / Copyright

Gli attuali clienti Volvo Penta potranno godere del sistema Assisted Docking con un aggiornamento relativamente semplice, che può essere eseguito da un concessionario locale.

Come funziona Assisted Docking Volvo Penta

Il sistema Assisted Docking offre al comandante un migliore controllo durante l’attracco di un’imbarcazione automatizzando le sue intenzioni, compensando alcune variabili dinamiche, come il vento e la corrente, e aiutando l’imbarcazione a rimanere sulla rotta prevista.

Il sistema di attracco assistito consiste nel joystick che controlla l’input di governo e l’antenna del Dynamic Positioning System basata sul GPS per conoscere la posizione esatta e la direzione. Chi governa la barca manovra con il joystick – informando così il sistema in quale direzione deve dirigersi e a quale velocità.

volvo penta assisted docking 1

Se si muove il joystick in avanti, il sistema traccia un percorso dritto in avanti dalla barca e la barca inizia a seguire una linea retta con la velocità indicata. Il sistema di attracco della barca tiene anche conto di alcune forze esterne (cioè vento, corrente) e il sistema EVC – aggiornato con un software nuovo – compensa per garantire che la barca segua le intenzioni del capitano.

Lo fa calcolando gli angoli di guida e spinta, poi agisce sullo scarroccio e riporta la barca sulla rotta prevista. Il sistema di attracco della barca mantiene questa rotta regolando costantemente gli angoli di governo e la spinta.

Le caratteristiche di Volvo Penta Assisted Docking

  • muoversi in linea retta senza compensazione manuale
  • Mantenere la posizione
  • manovra lenta, ma precisa
  • rotazione intorno a un punto fisso
  • micro-posizionamento
  • allineamento
  • spinta laterale per l’attracco (ormeggio all’inglese con traslazione)

In questo modo Volvo Penta Assisted Docking punta a dare al comandannte un’esperienza di navigazione più facile con un governo e un controllo più precisi. Il comandante è imprescindibile, ovviamente, ma con il sistema di attracco assistito di Volvo Penta ogni manovra è semplificata.


👇SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DI BARCHE A MOTORE 👇

Interviste, prove di barche, webinar. Tutto il mondo delle barche a motore, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

👇 NON PERDERTI I MIGLIORI ARTICOLI! 👇

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

 

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Yamaha V Max SHO 175 CV

Yamaha aggiorna la linea di fuoribordi V MAX SHO

La gamma di fuoribordo V MAX SHO di Yamaha, che ha debuttato in Europa nel 2020, ha ricevuto un aggiornamento e un restyling. I modelli V MAX SHO sono quattro, con potenze da 90, 115, 150 e 175 cavalli, e

I salpa-ancora italiani conquistano gli USA. Li fa Quick

I salpa-ancora italiani conquistano gli USA. Li fa Quick

Quando si parla di barche a motore gli Stati Uniti d’America sono un punto di rifermento. Il motivo è chiaro, è il più grande mercato del mondo. In questo scenario il gruppo Quick, colosso internazionale degli accessori con sede in