Arriva il Wally da 55 nodi con 4 fuoribordo Mercury da 450 cavalli

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Tutti pazzi per il Wallytender 48, oggi più che mai. Il primo Wallytender dell’era Wally-Ferretti ha avuto un grande impatto sul mercato e oggi viene presentata la versione fuoribordo che farà il suo debutto ufficiale nella patria dei grandi open con i fuoribordo: la Florida, USA. L’evento scelto per la presentazione sarà il infatti il Miami Yacht Show 2020 (13 – 17 febbraio), dove la versione fuoribordo dell’innovativo day cruiser.

Wally si mette i fuoribordo

Grazie a quattro motori da 450hp il 48 Wallytender X si prepara a sfrecciare a 55 nodi di velocità. Dopo aver valutato diversi sistemi propulsivi, Wally ha scelto i fuoribordo Mercury da 450hp, motori di ultima generazione prodotti negli USA. Questo sistema propulsivo, unito alla leggerezza e all’affidabilità dello scafo in composito e fibra di carbonio sviluppato dai designer di Wally e Ferretti Group, ha prodotto risultati degni di noti: alte velocità di punta, bassi consumi e ampia autonomia di navigazione. I primi test in mare indicano una velocità massima superiore a 55 nodi e una velocità di crociera di 40 nodi con un’autonomia di 320 miglia.

Sottocoperta – con calpestio in fibra di carbonio ed elementi in teak – si trova una cabina che consente crociere prolungate nel massimo comfort. Infine, grazie ai motori fuoribordo, il pescaggio effettivo si riduce a 70 cm a pieno carico con i motori sollevati.

48 Wallytender X

Il 48 Wallytender X punta anche su facilità di manutenzione e dislocamento ridotto.  Inoltre, grazie ai motori fuoribordo si libera un ampio spazio sottocoperta trasformato in un gavone di stivaggio. Come il modello entrobordo, anche il 48 Wallytender X è equipaggiato con joystick per facilitare le manovre in fase di ormeggio.Solitamente su imbarcazioni fuoribordo l’accesso e lo sbarco da poppa possono risultare scomodi a causa dell’ingombro dei motori. Non è il caso del 48 Wallytender X dove Wally ha ingegnosamente studiato il posizionamento dei motori a coppia su ciascun lato. Viene così garantito un facile accesso a bordo, sia dall’acqua che dalla banchina, grazie al mantenimento della passerella /scaletta idraulica a centro barca.

Il layout di coperta del 48 Wallytender X è conviviale, confortevole ed ergonomico come quello della versione entrobordo e include ampie sedute, zone prendisole e un’area pranzo servita da una cucina attrezzata. Infine, le impavesate di poppa abbattibili su entrambi i lati – che gli appassionati hanno imparato a conoscere e amare grazie a Wally – garantiscono un generoso spazio ”beach club” anche con i motori fuoribordo.

www.mercurymarine.com

www.wally.com

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Arriva il Wally da 55 nodi con 4 fuoribordo Mercury da 450 cavalli”

  1. Allora…. bassi consumi con 4 mercury da 450 cv? E con una barca che pesa oltre 14 ton? Ma non diciamo sciocchezze. E 320 miglia di autonomia? Possibile ma con almeno 2000 litri di carburante.La barca poi è stata concepita da Andrea Frabetti e Norberto Ferretti, che con la Ferretti non hanno più nulla a che Fare da circa il 2014. La barca poi il carbonio lo ha visto da molto lontano (solo il wc e qualche finitura). Invece che riportare pedissequamente i comunicati stampa Ferretti le barche provatele e mettete i numeri (consumi, velocità, eccetera)

    1. Buongiorno Nicolò,

      Fintanto che una barca non riusciamo a vederla e a provarla direttamente, fa fede il materiale prodotto dal cantiere, per il quale crediamo sia altrettanto importante diffondere informazioni veritiere. Se vuole leggere tutte le nostre ultime prove con i numeri (consumi, velocità, ecc.) in edicola trova il N.11 di Barche a Motore.

      Grazie e buona giornata,

      La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L'impianto di produzione di Chiavari - Sanguineti

Sanguineti cresce ancora e punta triplicare i ricavi nel 2026

Da una parte c’è una dimensione artigianale rappresentata da Sanguineti, un’azienda ligure di Chiavari con 65 anni di esperienza nella costruzione di equipaggiamenti ricercati e di alta qualità per superyacht. Specializzata nella produzione di passerelle, scale multifunzione, gru per tender,

Beneteau Swift Trawler 41

Come diventare skipper (in regola) e lavorare sulle barche

Lo aspettavamo da tempo e finalmente è arrivato. Ecco il decreto che spiega come si svolgerà l’esame per diventare “Ufficiale del diporto di II classe“. Questa nuova figura, pensata per l’Italia e le barche battenti bandiera italiana (anche adibite a