Questo è lo Zeelander 6 (17 m). Non chiamatelo yacht classico!

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Zeelander 6 - Foto Guillaume Plisson
Zeelander 6 – Foto Guillaume Plisson

Le lobster, eredi delle aragostiere, sono barche che nel nostro immaginario classifichiamo come classiche. Il difficile è non far sembrare, però, questi scafi fuori tempo massimo, soprattutto quando ne debutta uno nuovo sul mercato. Il nuovo Zeelander 6 del cantiere Zeelander di Groot-Ammers in Olanda, sembra non soffrire di questo genere di problemi.

Zeelander 6

Con una lunghezza fuoritutto di 17 metri (55.7 piedi) può essere motorizzato con varie soluzioni Volvo Penta che vanno dagli IPS 950 fino ai 1.350. Soluzioni, queste, che oltre a garantire una buona spinta propulsiva (fino a 40 nodi) e consumi contenuti, portano in dote anche un comfort di guida e manovrabilità al vertice sul mercato. Certo è che molto, in questo senso, dipende anche dalla carena. A bordo dello Zeelander 6, da parte di Barche a Motore, non è stato condotto alcun test, quindi per queste conclusioni ci riferiamo alle caratteristiche tipiche hanno gli IPS di Volvo Penta.

Zeelander 6
Zeelander 6

Zeelander 6 – Esterni

Questo yacht Zeelander è una nuova versione che nasce all’interno del progetto di rebranding di Zeelander. L’obiettivo? Trasferire al look classico tipico delle lobster un aspetto più moderno e accattivante. La prima chicca su questo yacht, che cattura subito l’occhio, è il colore. Perché questa particolare livrea? Semplice, è in tinta con la Ferrari SuperFast 812 dell’armatore di questo scafo.

Zeelander 6 - Foto Guillaume Plisson
 Foto Guillaume Plisson

Il piano di coperta prevede una grande piattaforma apribile a poppa e subito a ridosso una zona conviale ovale per pranzi e momenti di relax a contatto con l’acqua. Più verso l’interno, sotto l’hard-top, un’altra area conviviale più riparata. In plancia troviamo un nuovo parabrezza a doppia curvatura senza montanti, per una visuale più ampia possibile.

Zeelander 6 – Interni

Sottocoperta, invece, si è optato per migliorare l’estetica e l’eleganza dello scafo con finiture il pelle naturale, capaci di appagare sia alla vista che al tatto. In totale i posti letto a bordo sono sei.

Zeelander 6 – Foto Guillaume Plisson

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L'impianto di produzione di Chiavari - Sanguineti

Sanguineti cresce ancora e punta triplicare i ricavi nel 2026

Da una parte c’è una dimensione artigianale rappresentata da Sanguineti, un’azienda ligure di Chiavari con 65 anni di esperienza nella costruzione di equipaggiamenti ricercati e di alta qualità per superyacht. Specializzata nella produzione di passerelle, scale multifunzione, gru per tender,

Beneteau Swift Trawler 41

Come diventare skipper (in regola) e lavorare sulle barche

Lo aspettavamo da tempo e finalmente è arrivato. Ecco il decreto che spiega come si svolgerà l’esame per diventare “Ufficiale del diporto di II classe“. Questa nuova figura, pensata per l’Italia e le barche battenti bandiera italiana (anche adibite a